Politica

di Roberto Signori

Sasso: “No al gender nelle scuole

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

No al gender nelle nostre scuole”. Così in un post su Facebook sottosegretario di Stato al Ministero dell’istruzione nel governo Draghi Rossano Sasso: “Idee, valori in cui credo da sempre e non ideologie da seguire ‘ciecamente’.

Probabilmente al deputato Zan e a gran parte del PD, del M5S e delle sinistre in genere dà fastidio un sottosegretario all’Istruzione che non sia allineato alla propaganda gender. Ai bagni neutri a scuola, alla strumentalizzazione dei bambini attraverso giornate Lgbt a scuola fin dalle elementari. Ma se ne facciano tutti una ragione: la scuola deve restare libera. Inclusione, rispetto, accoglienza per me, da padre e da educatore prima ancora che da sottosegretario, sono valori fondamentali. La tutela di chiunque si senta discriminato è sacra. Ma non accetto l’imposizione nelle nostre scuole di visioni di parte che, nel nome della ideologia gender, possano irretire i nostri ragazzi. Voi sognate un mondo in cui sia tutto fluido e dove le identità maschile e femminile siano stereotipi medievali da superare in un trionfo di asterischi e amenità del genere. E vorreste imporre il tutto nelle nostre scuole, con la complicità di alcuni (per fortuna pochi) docenti ideologizzati a sinistra. E guai se qualcuno si dovesse permettere di dissentire, scatterebbe subito l’accusa di omofobia. Dispiace per voi, ma io credo in una scuola libera da tutto questo e continuerò a dare voce alle numerose famiglie che spesso restano in silenzio ma che adesso chiedono di lasciare in pace i propri figli”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/03/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Santità, ma che Casina combinano al Pio IV?

È di questi giorni la notizia – rilanciata sia da Corrispondenza Romana che da La Nuova Bussola quotidiana – della partecipazione di Paul R. Ehrlich in un workshop che si terrà alla Casina Pio IV, dal titolo “Come salvare il mondo naturale da cui dipendiamo”, dal 27 Febbraio al 1 Marzo. Giustamente i sostenitori della vita nascente si sono subito messi in allarme. Ehrlich – per chi non lo sapesse – è autore, tra le altre pubblicazioni, di quel best seller intitolato The Population Bomb che, pur non essendosi rivelato un testo esattamente profetico, lo ha accreditato come esperto di fama mondiale su clima, ambiente, etc. Da allora il prof. non ha perso il vizio di essere profeta (?) di sventure perché – come si può leggere in un’intervista che ha concesso nell’Aprile dell’anno scorso allo svizzero Neue Zürcher Zeitung – prevede per la nostra civiltà il collasso in tempi brevissimi, massimo alcuni decenni. Come? La fantasia non gli manca: potrebbe avvenire a causa di una siccità, un’epidemia, una guerra atomica o, persino, un diluvio (?).

Leggi tutto

Storie

A tu per tu con Serafino Ferrino

Intervista al prof. Serafino Ferrino che, fra i primi sindaci italiani a opporre obiezione di coscienza alle Unioni civili omosessuali, ha subito il 28 luglio una brutale aggressione sui cui colpevoli ancora
non è stata fatta luce. Riconosciamo nell’ex Sindaco di Favria un uomo che ha tenuto la schiena dritta contro la tecnica violenta e anti-democratica dei falsi miti del Progresso. Finito in prognosi riservata

Leggi tutto

Chiesa

Un Incontro con Franco Nembrini

La Traccia” è il nome di un particolarissimo istituto scolastico, fondato trent’anni fa dall’educatore bergamasco noto per le sue trasmissioni su Dante e su Pinocchio. Vi si tengono ben undici giorni di festa, con altrettante sere: in una di queste abbiamo incontrato “Franco” per una lunga chiacchierata

Leggi tutto

Politica

Ribaltare l’uso delle risorse

Il reddito di cittadinanza è stato un provvedimento del governo gialloverde, il Conte Uno, fortemente voluto come provvedimento bandiera dall’allora ministro per lo Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, che andò addirittura da Bruno Vespa ad annunciare agli italiani “l’abolizione della povertà”. Sul videowall di Porta a Porta mentre il capo politico del Movimento Cinque Stelle garrulo pronunciava quella grottesca frase campeggiava la scritta: “780 euro a cinque milioni di italiani”. In realtà era poco più della metà a meno di un milione di persone

Leggi tutto

Politica

Vittorie e proposte

Temiamo fortemente che in una famiglia modesta con mamma e papà impiegati questo comporterà un peggioramento delle condizioni, vista la cancellazione di ogni bonus e detrazione. Servire altro. Con i tre miliardi stanziati dalla manovra 2021 per l’assegno per il figlio si può subito varare la storica proposta del Popolo della Famiglia: il reddito di maternità, mille euro al mese per le mamme che si dedicheranno in via esclusiva alla cura dei figli, riconoscendone dunque pienamente il ruolo effettivamente lavorativo ad alta valenza sociale.

Leggi tutto

Politica

Perchè non servono le piazze piene

Lo andiamo dicendo da settimane senza essere purtroppo ascoltati: se non saremo capaci di evitare lo scontro violento su come potremo uscire dalla pandemia saremo complici di una deriva inarrestabile che porterà il paese a lacerarsi inesorabilmente. La vera questione in gioco non è il green pass e nemmeno i vaccini: in ballo c’è il modello di società e stato che siamo disposti a ricostruire dalle macerie umane ed economiche prodotte dalla pandemia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano