Politica

di Raffaele Dicembrino

Terence Hill e l’addio a Don Matteo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo ben 13 stagioni infatti l’attore ha detto addio al personaggio che gli ha regalato enorme successo e popolarità.

“Ci pensavo già da un po’ a lasciare la serie. In realtà non volevo smettere di fare Don Matteo ma avrei solo voluto farlo in maniera diversa perché i tempi del set erano molto impegnativi”, ha dichiarato.

Al suo posto subentrerà in maniera graduale il personaggio interpretato da Raoul Bova, un giovane prete francescano.

“Avevo proposto di fare quattro film all’anno, sul modello de Il commissario Montalbano. Purtroppo la mia idea non è stata accettata dalla Rai”, ha confidato.

La proposta sarebbe stata bocciata dalla produzione a causa dei costi.

“Per ottimizzare i costi ha bisogno della serie lunga”, ha precisato.

L’82enne ha poi raccontato che la cosa più difficile è stata dover salutare per sempre la troupe che in tutti questi anni ha lavorato insieme a lui.

“Mi sono affezionato alla troupe: col tempo quelle persone che si sono sempre prese cura di me, sono diventate come una famiglia. Abbiamo vissuto anni di grande amicizia: il dolore più grande è stato lasciare loro”,

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/03/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cacciari sbotta contro la Gruber

«Ma perché mi invita, se mi fa una domanda e poi vuole parlare lei? Si risponda lei, allora: io sono tranquillissimo, non ho mica bisogno di venire a La7». Scintille ieri sera tra il filosofo Massimo Cacciari e Lilli Gruber nel corso della trasmissione ‘Otto e Mezzo.

Leggi tutto

Società

UNAR, TUTTO QUELLO CHE LE IENE NON VI HANNO DETTO

Il Popolo della Famiglia aveva denunciato questa situazione a Roma quasi un anno fa, in occasione della sua campagna elettorale nella Capitale in cui chiedeva di “estirpare le colonie del male”, indicando proprio in circoli e dark room come quelle finanziate dallo Stato i luoghi dove si sviluppava una cultura del sesso promiscuo che mescolato al consumo sistematico di droghe aveva portato a tragedie come quelle dell’omicidio di Luca Varani. Proprio per questa attività di indagine e denuncia che il Popolo della Famiglia a Roma porta avanti fin dalla sua fondazione nel marzo 2016, siamo in grado di fornirvi i dettagli che Le Iene hanno deliberatamente occultato, non indicando ad esempio il nome dell’associazione finanziata, l’importo complessivo del bando, il legame a doppio filo tra il direttore dell’Unar Francesco Spano e questa associazione ed altre questioni che qui riveleremo.

Leggi tutto

Chiesa

BOLIVIA - E’ morto il primo sacerdote diocesano indigeno di El Beni

Il Vicariato apostolico di El Beni o Beni, è stato eretto il 1° dicembre 1917 e affidato ai Frati Minori (OFM).

Leggi tutto

Media

Mother Teresa: no greater love

In occasione dell’imminente anniversario della morte della santa fondatrice delle Missionarie della Carità, il 5 settembre di 25 anni fa, è stato presentato un documentario prodotto dai Cavalieri di Colombo in collaborazione con le suore di Madre Teresa

Leggi tutto

PoliticaMedia

Il film sull’aborto. «Unplanned» finalmente visibile in televisione

Sabato 26 febbraio si può vedere sulla tv di casa il film campione di incassi negli Usa che racconta la storia di Abby Johnson, da dirigente di clinica per aborti ad attivista pro life.

Leggi tutto

Chiesa

Gregoriana: ripensare a San Roberto Bellarmino

A quattrocento anni dalla morte di San Roberto Bellarmino, teologo e dottore della Chiesa, l’Ateneo pontificio della Compagnia di Gesù, di cui è patrono, gli dedica tre giorni di studi multidisciplinari, dal 17 al 19 novembre

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano