Politica

di Raffaele Dicembrino

Terence Hill e l’addio a Don Matteo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo ben 13 stagioni infatti l’attore ha detto addio al personaggio che gli ha regalato enorme successo e popolarità.

“Ci pensavo già da un po’ a lasciare la serie. In realtà non volevo smettere di fare Don Matteo ma avrei solo voluto farlo in maniera diversa perché i tempi del set erano molto impegnativi”, ha dichiarato.

Al suo posto subentrerà in maniera graduale il personaggio interpretato da Raoul Bova, un giovane prete francescano.

“Avevo proposto di fare quattro film all’anno, sul modello de Il commissario Montalbano. Purtroppo la mia idea non è stata accettata dalla Rai”, ha confidato.

La proposta sarebbe stata bocciata dalla produzione a causa dei costi.

“Per ottimizzare i costi ha bisogno della serie lunga”, ha precisato.

L’82enne ha poi raccontato che la cosa più difficile è stata dover salutare per sempre la troupe che in tutti questi anni ha lavorato insieme a lui.

“Mi sono affezionato alla troupe: col tempo quelle persone che si sono sempre prese cura di me, sono diventate come una famiglia. Abbiamo vissuto anni di grande amicizia: il dolore più grande è stato lasciare loro”,

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/03/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Il gender a Sanremo? Noi cambiamo canale

Conchita Wurst a Sanremo, senza mai aver pubblicato un album, fa “l’ospite d’onore” con cachet a sei cifre per propagandare le teorie gender. Ci prendono per cretini?

Leggi tutto

Storie

Jim Caviezel e compie 51 anni ricordando “The passion”

Oggi è il compleanno di Jim Caviezel e compie 51 anni. Egli proclama con orgoglio la sua fede in Cristo in mezzo all’eventualità di Hollywood.

Leggi tutto

Storie

BANGLADESH - vescovo Rozario ed i debiti dei cristiani

Il presule ha ammonito i fedeli e le cooperative di credito, che non informando i propri membri snaturano i loro obiettivi originari

Leggi tutto

Media

Franco Di Mare offende i cattolici polacchi a spese pubbliche

Tra i tanti denigratori degli innumerevoli polacchi che hanno voluto pacificamente circondare la loro nazione con la loro preghiera abbiamo dovuto
annoverare anche il popolare conduttore di UnoMattina, che si è prodotto in lunghissimi minuti di propaganda di regime laicista e radical chic

Leggi tutto

Media

Il ‘battesimo’ di Achille Lauro a Sanremo fa infuriare il PDF

“Quello che è intollerabile è che la Rai, in particolare durante il più importante spettacolo nazional-popolare pagato con i soldi delle famiglie cattoliche italiane che si permette di irridere in maniera così profonda il sentimento cattolico, non intervenga”

Leggi tutto

Società

L’IDEOLOGIA DELLA QUOTA ROSA

La frase del titolo de La Stampa è mia, la ritrovate nel testo dell’articolo in cui ho detto chiaramente che il film di Paolo Sorrentino sulla morte dei suoi genitori, che si dischiudeva in un delicato inno alla vita e al cinema stesso, meritava il Leone d’Oro a Venezia rispetto alla solita pappa abortista che l’ha vinto per ragioni ideologiche e “di genere.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano