Storie

di la redazione

MAMMA ANNA E RICCARDO, DUE VITE TENUTE LONTANE DAL GREEN PASS

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Questa è la storia di mamma Anna e Riccardo (nomi di fantasia), separati ingiustamente da una misura governativa chiamata “green pass”. Ci troviamo nella provincia di Cagliari.

Anna, parlaci di tuo figlio Riccardo

“A causa di un trauma subìto alla nascita, a Riccardo viene diagnosticata una tetra paresi spastica. Il bambino, purtroppo, è stato per anni soggetto a crisi convulsive. Da piccolo, venne ricoverato all’ospedale Gaslini di Genova e, successivamente, in un centro specializzato di Marsiglia. Le crisi terminarono, credo miracolosamente, dopo che accompagnai Riccardo a Is Molas, nel Santuario Nostra Signora della Consolazione”.

Riccardo ora è diventato un ragazzo. Quanti anni ha?

“Ora ha 43 anni e vive in una struttura specializzata in provincia di Cagliari. Sino a 35 Riccardo ha vissuto sempre con noi in famiglia, anche se la patologia della quale è affetto lo portava ad essere violento, soprattutto nei miei confronti e, finchè mi è stato possibile, lo ho amorevolmente accudito in casa”.

Ora Riccardo si trova in una struttura privata, giusto?

“Esatto. Per anni ho potuto visitare mio figlio, stargli vicino e fargli sentire la mia presenza. Quando è iniziata la pandemia, ho deciso di non vaccinarmi, per motivi di salute, ma potevo vedere Riccardo solo grazie ai tamponi che eseguivo regolarmente e che garantivano un’elevata sicurezza. Sino a quando il governo italiano non ha deciso, purtroppo, di introdurre il super green pass che non mi ha più consentito di accedere alla struttura. L’unico modo che ho ora di vedere e comunicare con Riccardo, è la videochiamata”.

Come ti senti Anna? Posso chiederti qual’ è oggi il tuo stato d’animo?

“Il fatto di non poter stare vicina a mio figlio e poterlo abbracciare, mi fa stare male. Gli antidepressivi che assumo, oramai, non bastano più. La rabbia è tanta”.

Chi credi sia il colpevole di tutta questa situazione?

“Me la prendo soprattutto con la politica alla quale chiedo, con forza, se questa situazione sia da considerare normale. Continuo a chiedermi cosa farebbero gli stessi politici che hanno introdotto una misura così ingiusta, se venisse negato anche a loro il diritto di stare con il proprio figlio”.

Anna, posso chiederti perché hai deciso di non vaccinarti?

“Da quando è iniziata la pandemia, ho sempre avuto timore a vaccinarmi. Sono affetta da fibromialgia e da altre patologie e temo seriamente per gli effetti indesiderati che il vaccino potrebbe procurarmi”.

Il pensiero di Anna è sempre per il suo Riccardo. Vorrebbe tanto portarlo con sé in un posto isolato e protetto da qualsiasi contagio, ma questa possibilità le viene negata.

Non ha paura di definire tutte queste ingiustizie causate dal governo una “Dittatura” e spera, con tutto il cuore, che i genitori come lei che stanno vivendo un’esperienza simile alla sua, possano presto tornare a riabbracciare i propri figli. Com’è giusto che sia.

Fonte: Il Popolo della Famiglia Sardegna

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/03/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Storie: il sacchetto di chiodi

«Tutto ciò che diciamo, è per sempre.»

Leggi tutto

Media

I Vangeli alla prova della scienza, un nuovo libro di Marco Fasol

Il volume “Gesù di Nazaret, una storia vera?” è un testo nel quale la fede viene messa alla prova dello spirito critico sui documenti antichi, nato con l’illuminismo e da allora diffuso in ogni tempo e luogo

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Politica

Dieci faq per i militanti del Popolo della Famiglia

Ora che le liste sono state consegnate e accolte in tutti i 97 collegi del Paese, comincia la parte più faticosa in vista del 4 marzo: la vera e propria campagna elettorale, con i dibattiti televisivi in par condicio e le discussioni in ogni angolo della nazione, fin dal fruttivendolo e dal barbiere. Per essere incisivo un piccolo movimento politico deve anzitutto uscire dall’anonimato in cui perlopiù vaga il suo simbolo. Oltre a questo, c’è tutta una ridda di questioni più o meno ricorsive che per comodità vengono qui compendiate in un decalogo. Evitare di dissipare tempo ed energie è il motto.

Leggi tutto

Politica

La strettoia del 26 Maggio

Arrivati a settanta giorni dalla fine della campagna elettorale per le europee, appuntamento decisivo in vista del ridisegnarsi della mappa della politica italiana nella sua transizione infinita verso una qualche forma di stabilità, sarà bene per i cattolici italiani avere chiaro il quadro delle forze in campo per poter orientare con intelligenza il loro voto. Sette milioni di cattolici praticanti un anno fa, il 4 marzo, hanno premiato secondo tre studi dei flussi di consenso insolitamente concordanti, principalmente Pd e M5S, che insieme a Forza Italia e Lega (rispettivamente terza e quarta forza tra coloro che vanno a messa tutte le domeniche) hanno ottenuto complessivamente oltre l’ottanta per cento dei voti. Il Popolo della Famiglia si è fermato al 3.3% dei voti dei cattolici praticanti il 4 marzo, il resto è stato suddiviso tra Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia, Civica Popolare, Insieme, Italia agli Italiani con addirittura un piccolo segmento di consensi anche per +Europa, Casapound, Leu e Potere al Popolo.

Leggi tutto

Storie

Adobe bloccherà lo stipendio dei lavoratori non vaccinati

Prosegue senza sosta la guerra scatenata contro i non vaccinati. Negli USA, Adobe, pronta a lasciare senza denaro i dipendenti che non si vaccinano.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano