Storie

di Giuseppe Udinov

Ora legale: ecco quanto risparmieranno gli italiani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A fare i conti è Terna, azienda che opera nelle reti per la trasmissione di energia elettrica, secondo cui la fonte principale del risparmio sarà il minor consumo di energia elettrica per circa 420 milioni di kilowattora, che equivalgono al fabbisogno medio annuo di circa 150 mila famiglie.

Nel periodo primavera-estate, i mesi che segnano il maggior risparmio energetico stimato da Terna sono aprile e ottobre, lo stesso mese che al 30 vede il ritorno all’ora solare. “Spostando in avanti le lancette di un’ora, si ritarda l’uso della luce artificiale in un momento in cui le attività lavorative sono ancora in pieno svolgimento”, si legge in una nota dell’azienda.

Senza contare che la riduzione dell’utilizzo di energia farà a sua volta in modo che diminuiscano anche le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera, che secondo Terna caleranno di ben 200.000 tonnellate. Insomma, grazie all’ora legale otterremo un risparmio che farà bene sia al portafogli sia all’ambiente.

Sempre Terna ha ricordato, a questo proposito, che dal 2004 al 2021 il minor consumo di energia elettrica in Italia durante i mesi di ora legale è stato di circa 10,5 miliardi di kWh e ha permesso un risparmio di oltre 1,8 miliardi di euro.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/03/2022
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Punti di forza e di debolezza della scuola italiana oggi

Riflessione sulla scuola italiana.Il testo di un ricco e stimolante intervento dalla terza festa nazionale del nostro quotidiano.

Leggi tutto

Società

L’Italia è il paese europeo meno attrattivo per lo shopping tax free

L’Italia è il Paese europeo meno attrattivo per lo shopping rivolto ai turisti internazionali.

Leggi tutto

Politica

Colloquio telefonico tra il Papa e Zelensky

Una nuova conversazione telefonica tra il Papa e il presidente ucraino Volodomyr Zelensky mentre in Ucraina non si placa il fragore delle armi per una guerra che il Pontefice, nell’ultimo Angelus, ha definito ”disumana” e “sacrilega”.

Leggi tutto

Storie

Platinette: L’Italia non è un paese omofobo

Sul ddl Zan, Mauro Coruzzi ha spiegato che a suscitare qualche dubbio è il fatto che “ci voglia una legge che punisca la discriminazione, ma quella l’avevo trovata malfatta e discriminatoria”. A differenza di quanto molti si aspettano che Mauro Coruzzi dica, l’opinionista va controcorrente: per lui l’Italia non è un Paese omofobo e “non lo è mai stato. Paolo Poli ha fatto la carriera che meritava, e tutti sapevano che era omosessuale”. E Coruzzi non accetta quando gli viene fatto notare che i ragazzini vengono aggrediti se si baciano per la strada, perché in Italia ci sono anche “le donne che vengono ammazzate”. Infatti, Coruzzi spiega: “I femminicidi aumentano, ci sono numeri orribili e la questione è scomparsa dalle agende della campagna elettorale. Io, come omosessuale, voglio combattere la violenza contro le donne”

Leggi tutto

Storie

COSTRUTTORI DI INFELICITA’ A CUI E’ STATA RUBATA LA SPERANZA

Con un mix di ecologismo fuorviante e negatività inconcludente stanno cercando di tarpare le ali all’Italia e alle sue periferie esistenziali. I costruttori di infelicità si sono lasciati rubare la speranza da tempo, e stanno cercando in ogni modo di defraudarla anche agli ultimi resistenti. Occorre fare un baluardo forte contro queste mode perniciose, che ci porteranno sul baratro dell’estinzione, dando fiducia alle nuove generazioni intenzionate a raccogliere, e portare avanti, il testimone della nostra gloriosa storia.

Leggi tutto

Politica

RASSEGNATI A NON AVERE GIUSTIZIA

Dei 10 terroristi tenuti liberi dalla Cassazione francese, nessuno ha mai pronunciato una parola di pentimento

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano