Chiesa

di Nathan Algren

Colombia: attacchi alla libertà religiosa e di culto: “deplorevoli e inaccettabili”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Durante il mese di marzo si sono verificati, in diverse giurisdizioni ecclesiastiche della Colombia, atti che violano il diritto alla libertà di religione e di culto. L’ultimo è avvenuto domenica scorsa, 20 marzo, nella Cattedrale dell’Arcidiocesi di Bogotá, quando un gruppo di uomini incappucciati è entrato nel tempio durante la celebrazione dell’Eucaristia gridando insulti contro lo Stato e la Chiesa.

Monsignor Luis José Rueda Aparicio, Arcivescovo di Bogotá e Presidente della Conferenza episcopale (CEC), ha affermato che si tratta di “atti di irrazionalità” che si rivelano “segni deplorevoli e inaccettabili”. L’Arcivescovo ha voluto comunque inviare un messaggio di speranza e di riconciliazione: “Continuiamo ad amare anche coloro che ci fanno del male. Offriamo loro amore con dignità, senza odio, come Gesù Cristo Signore ha vissuto e ci ha insegnato: ‘Padre, perdonali, non sanno quello che stanno facendo’.”

Come riporta la nota della CEC, il direttore del Dipartimento per la Promozione dell’Unità e del Dialogo (PUD) della Conferenza Episcopale, ha informato che le autorità ecclesiastiche hanno deciso di non presentare alcuna denuncia formale al riguardo. Tuttavia ha precisato che la Direzione degli affari religiosi del Ministero dell’Interno, in una lettera indirizzata al Dipartimento, afferma di essere molto attenta a questo fatto, in quanto costituisce un precedente nella violazione del diritto alla libertà religiosa e al culto. Tutti infatti hanno il diritto di professare le proprie convinzioni religiose, e a praticare collettivamente e pubblicamente la loro fede, senza essere disturbati, come stabilito dalla legge 133 del 1994.
Il sacerdote ha anche aggiunto che “in questo caso, nessuno può rivendicare la libertà di espressione se viola il diritto alla libertà di culto”. In ogni caso, senza sminuire la gravità del fatto, “sarebbe interessante fare un esercizio di ascolto, in armonia sinodale, per sapere perché queste persone hanno scelto la chiesa per diffondere il loro messaggio di protesta e per facilitare uno scenario di dialogo e riconciliazione, secondo l’invito dell’Arcivescovo di Bogotá”.

Altri attacchi alla libertà religiosa, di culto e di coscienza si sono verificati a Popayán (Parroquia de La Milagrosa) e Medellín (Parroquia de San Ignacio de Loyola), dove due chiese sono state vandalizzate l’8 marzo, con graffiti a favore dell’aborto e offendendo i difensori della vita. Lo stesso giorno, un gruppo del movimento “40 giorni per la vita” ha ricevuto offese verbali e sabotaggi del momento di preghiera che stavano svolgendo a Bogotá. Infine, il 17 marzo, a Ibagué, anche due chiese parrocchiali ((La Anunciación del Señor y María Reina) sono state vandalizzate con graffiti e vernice

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/03/2022
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Cosa è successo davvero in Gregoriana per via dei vescovi tedeschi

Una strana esclusiva a Repubblica. Una pontificia università che in realtà non c’entra. Denaro che scorre. Una brutta pagina

Leggi tutto

Storie

Matrimonio lesbico in una chiesa di Macerata

Non lo è dal punto di vista giuridico (per quanto i nominalismi contino sempre di meno e le parole al giorno d’oggi assumano talvolta significati quasi opposti a quelli che rintracciamo nei dizionari), e non lo è nemmeno dal punto di vista sostanziale: il matrimonio è l’unione di un uomo e di una donna che suggellano un patto senza data di scadenza né fini espliciti, se non quello di mostrare la propria disponibilità alla vita che potrà venire, accoglierla, proteggerla, educarla e fornire alla società intera il dono impagabile di una nuova generazione.

Leggi tutto

Chiesa

Liberato padre Tom

Papa Francesco ha ricevuto in udienza privata Padre Tom Uzhunnalil, il salesiano rapito per diciotto mesi in Yemen e liberato pochi giorni fa. La Società di don Bosco ha deciso che nessun posto sarebbe stato adeguato e sicuro, per lui, quanto la casa salesiana in Vaticano. Il sacerdote si è prostrato a terra per baciare i piedi del vicario di Cristo, il quale ha baciato le mani del confessore

Leggi tutto

Chiesa

Il Colosseo ed il ricordo dei martiri dei nostri giorni

Aiuto alla Chiesa che Soffre chiede che l’Occidente si ricordi dei cristiani perseguitati. Per questo il 24 febbraio il Colosseo sarà illuminato di rosso. Ricordi anche ad Aleppo e a Mosul

Leggi tutto

Politica

Alabama “dolce casa” di tutti noi

Quello della vita è un tema che forse è anche riduttivo considerare tale: la gratuità dell’amore da una parte, l’economicismo dello scarto dall’altra. Un tema che accende gli animi, i “rumori di fondo” dei casi-limite e delle proiezioni egoistiche, spesso pilotati da lobbies potentissime. La nuova legge, assai restrittiva in fatto di aborto, segna in realtà un passo avanti per i diritti di tutti

Leggi tutto

Chiesa

Il crocifisso a scuola si può esporre regolarmente

La Cassazione ei è pronunciata nell’ambito del ricorso presentato da un docente che era stato sanzionato in via disciplinare perché invocando la libertà di insegnamento e di coscienza in materia religiosa si era opposto alla circolare di un dirigente scolastico di Terni che ordinava di esporre il crocifisso in aula.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano