Società

di Giampaolo Centofanti

Una nuova sanità?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una nuova sanità?

Riflessioni di fondo sulla questione sanitaria talora vista in modo riduttivo e distorcente.

La cultura del tecnicismo a tutto campo tendendo a svuotare rischia di portare verso una sempre più onnipervasiva manipolazione e verso il crollo della società.

In tale contesto la sanità è tarpata alle basi. Vi è una mancata libertà, fin dalla scuola, di scegliere una formazione alla luce della identità religiosa, filosofica, cercata e, in momenti distinti, nel solo allora più autentico scambio con le altre visuali. Dunque non è favorita la maturazione delle persone ma invece un distorcente meccanicismo, astrattismo che certo non aiuta un sereno benessere integrale.

Pensiamo ai possibili riduttivi discernimenti. Un avvocato può offrire consigli tecnici senza comprendere il quadro generale, umano, di una data situazione. Così anche ad un medico possono sfuggire molte cose. Tra l’altro può porre minore attenzione a valutare aspetti non attinenti alla propria specializzazione. O aspetti relativi alle situazioni complessive in cui il malato vive, anche quella dell’ospedale.

Qui vorrei avanzare domande sulla presenza dei parenti in ospedale. La vicinanza potrebbe sostenere molto, in mille modi, il malato. Potrebbe aiutare a comprendere meglio tante cose di ogni genere, anche mediche. Potrebbe significare una vigilanza diuturna che prevenga e risolva tanti problemi sul nascere. Potrebbe favorire nel reparto un clima di familiarità…

Una presenza che può implicare addirittura uno stimolo al rinnovamento culturale. Ho visto persone scoprire che certi problemi per esempio psicologici, magari di coppia, non si risolvevano con terapie tecniche ma respirando intorno rapporti umani, di amicizia.

Ma certo una presenza che potrebbe rivelarsi problematica nella struttura sanitaria. Possibile non chiudersi di fronte a tali difficoltà ma valutare la praticabilità di eventuali piste di soluzione per favorire una partecipazione che, se positiva, potrebbe rivelarsi altamente benefica a tutto campo?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/03/2022
0310/2022
S. Maria Giuseppa Rossello

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Mascherine obbligatorie fino al 30 settembre: multe record

Fino al 30 settembre le mascherine Ffp2 sono ancora obbligatorie sui mezzi pubblici.

Leggi tutto

Storie

Il sonno? Meglio andare a letto fra le 22 e le 23

Dormire fa bene, ma meglio farlo in una fascia oraria precisa: e cioè tra le 22 e le 23. Andare a letto in questo range, infatti, è un vero toccasana per il cuore ma se il sonno inizia o prima o dopo il rischio cardiovascolare sale.

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano: Parolin e Peña Parra positivi al Covid

Il Segretario di Stato ha sintomi lievi, assenti invece per quanto riguarda il Sostituto.

Leggi tutto

Società

Il canto del gallo e la globalizzazione

Piccolo magnificat. Un canto di tanti canti. Ecco delle poesiole dove faccio cantare tante persone. In una persino Gesù. Spesso parla direttamente il protagonista, anche dove non scrivo tra parentesi un nome, sempre di fantasia. Sono storie inventate, nate però dal vivere in mezzo alla gente.
Composizioni, scritte al volo, di un prete che cerca di partecipare di cuore alla vita dei fratelli e insieme a loro cresce e sente il loro canto.

Leggi tutto

Politica

Segreto militare sui vaccini, report sulla sicurezza negati dall’Ema

L’Ema, l’Agenzia europea per i medicinali, per motivare il suo diniego alle richieste parla anche di ordine pubblico e segreto militare

Leggi tutto

Media

In libreria la raccolta dell’epistolario di Chiara Lubich

Alla scoperta della “parte più personale della fondatrice” dei focolari

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano