Chiesa

di Nathan Algren

Cei: i fedeli tornino in presenza ai riti della Settimana Santa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La situazione attuale del Covid 19, con l’allentamento dell’emergenza sanitaria, consente di suggerire nuovi orientamenti di prevenzione nelle parrocchie, nei seminari, nei collegi sacerdotali, nei monasteri e nelle comunità religiose. Lo si legge in una lettera della presidenza della Conferenza Episcopale Italiana. Il 31 marzo, secondo i decreti del governo nazionale, sarà considerato terminato lo stato d’emergenza. Con decorrenza 1° aprile 2022, dunque, vengono abrogate le disposizioni contenute nel Protocollo del 7 maggio 2020 per le celebrazioni con il popolo. Pur tuttavia si sollecitano tutti i fedeli a mantenere un senso di responsabilità e rispetto di attenzioni e comportamenti per limitare la diffusione del virus che in varie forme ancora circola.

Fino al 30 aprile si mantiene l’obbligo di indossare la mascherina negli ambienti al chiuso. Pertanto, nei luoghi di culto al chiuso si acceda sempre indossando quest’importante presidio sanitario. Non è invece più obbligatorio rispettare il distanziamento interpersonale di un metro, ma si esorta comunque a evitare assembramenti specialmente all’ingresso, all’uscita e nelle chiese. Altresì si consiglia di mantenere un livello alto di igienizzazione, con disinfezione delle mani, acquasantiere vuote e scambio del segno di pace, durante le celebrazioni eucaristiche, attraverso lo sguardo o un cenno del corpo. Per la distribuzione delle particole consacrate nella Comunione, i ministri continueranno a indossare la mascherina e a igienizzare le mani prima di distribuire l’Eucaristia preferibilmente nella mano. Potrà riprendere poi la pratica delle processioni e durante le celebrazioni al chiuso siano sempre assicurati il ricambio d’aria e l’igienizzazione dei locali. In presenza di sintomi influenzali o in caso di isolamento per positività al Covid-19, afferma la lettera della Cei, ci si astenga dal partecipare alle celebrazioni chi ha sintomi influenzali e chi è sottoposto a isolamento perché positivo al COVID-19.

Le medesime misure, si prescrive, vengono adottate per i riti della Pasqua, anche perchè si consente ai fedeli la partecipazione in presenza alle celebrazioni: dalla Domenica delle Palme, per lo scambio dei rami d’ulivo; il Giovedì Santo, nella Messa vespertina della “Cena del Signore”, per il rito della lavanda dei piedi; il Venerdì Santo; infine la Veglia pasquale potrà essere celebrata in tutte le sue parti come previsto dal rito.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/03/2022
2911/2022
San Saturnino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una risposta a Melloni, inquisitore dei laicisti

In un disinvolto corsivo comparso ieri sulle colonne di Repubblica, lo storico bolognese del cristianesimo ha raccolto sotto i suoi consueti strali l’ormai crivellato padre Cavalcoli, Antonio Socci, Radio Maria e noi del Family Day. A questo punto è opportuno mettere in chiaro alcuni concetti

Leggi tutto

Società

Australia, l’attore-giocatore che forza la linea sul gay marriage

Si chiama Ian Roberts, ora fa l’attore ma in passato era stato un famoso rugbista australiano. Il suo outing personale risale al 1995, ma ora sta raccogliendo consenso attorno all’agenda LGBT.

Leggi tutto

Media

IMMORTALE ODIUM, IL LATO OSCURO DEL RISORGIMENTO

Nuova edizione del romanzo storico di Rino Cammilleri dedicato all’impresa nefasta dei massoni ottocenteschi di buttare nel Tevere la salma di Pio IX. Il libro torna in questi giorni nelle librerie con una nuova edizione e con un sottotitolo che è tutto un programma: “Una catena di delitti una setta misteriosa un complotto infernale”

Leggi tutto

Politica

La terza via sulla quale deve puntare il popolarismo sturziano dopo le Europee

Impossibile pensare di indulgere – come fanno i movimenti populisti – sull’opzione di vellicare “la pancia del Paese” (cioè le sue voglie e le sue paure)

Leggi tutto

Chiesa

Il programma ufficiale del viaggio spirituale di Papa Francesco in Ungheria e Slovacchia

Tre giorni ricchissimi di impegni, dal 12 al 15 settembre prossimi, per Papa Francesco che presiederà la Messa finale del Congresso Eucaristico internazionale a Budapest per poi trasferirsi a Bratislava. Visite nelle città di Košice, Prešov e Šaštin. Appuntamenti con giovani, vescovi, rom e una Divina liturgia bizantina.

Leggi tutto

Storie

Nigeria: rapiti tre seminaristi

Il sequestro, di cui ha dato notizia ‘Aiuto alla Chiesa che Soffre’, sarebbe avvenuto in seguito ad un attacco di uomini armati, nel quale sono rimasti feriti altri sei studenti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano