Politica

di Giuseppe Udinov

Ecco perchè la guerra conviene ai governanti italiani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’Italia è il quarto paese al mondo nella classifica dell’export di armi. Secondo l’Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma (Sipri), nel 2021 il nostro Paese ha più che raddoppiato le vendite di armi all’estero, rispetto all’anno precedente (+102,7%). Si tratta di un incremento significativo che è paragonabile storicamente al periodo dal 1979 al 1984 durante il quale erano esplosi diversi conflitti in Sud America e infatti tra i maggiori importatori di armi dall’Italia spiccavano Perù e Venezuela.

L’industria della difesa italiana è un fiore all’occhiello internazionale nel settore e il nostro Paese è undicesimo al mondo nella produzione di armi. Parallelamente, la guerra in Ucraina e le richieste di armi da parte di Zelensky stanno attirando l’attenzione dei produttori e in Italia, come nel resto dellìEuropa, è in corso il dibattito sull’aumento delle spese militari in relazione alla situazione di conflitto attuale.

Gli Stati Uniti sono il Paese che ha venduto più armi nel 2021. Secondo l’indice TIV utilizzato da Sipri (un coefficiente che prende in considerazione il numero di armi, il valore e le vendite dirette o no), l’export di armi dagli Usa rappresenta il 41,4% del totale mondiale, un lieve incremento se si considera che negli ultimi 5 anni la quota è stata del 38,6%

Al secondo posto ecco la Francia che nel 2021 ha superato la Russia, grazie soprattutto al volume di vendita di armi verso l’India che rappresenta il 54% del suo mercato. L’Italia è quarta, seguita dalla Cina. Dietro di loro, la Germania ha perso due posizioni in seguito ad una contrazione dell’export di armi nell’ulrimo anno.

  1. Stati Uniti: 10613
  2. Francia: 3954
  3. Russia: 2744
  4. Italia: 1717
  5. Cina: 1085
  6. Germania: 914
  7. Spagna: 612
  8. Israele: 606
  9. Regno Unito: 601
  10. Corea del Sud: 566

* valori indice TIV, fonte Sipri

La Russia è soprattutto un paese esportatore di armi, ma ha anche acquistato dall’estero alcuni mezzi che le mancavano. Tuttavia l’ultimo anno nel quale ha importato armi è stato il 2018 e in quell’occasione aveva acquistato 52 aerei da trasporto militare dall’Ucraina. Ancora non c’era stata l’escalation del conflitto in Ucraina, ma i due paesi erano in conflitto da 4 anni per la questione del Donbass e della Crimea.
L’Egitto è la nazione che acquista più armi dall’Italia. Si tratta di un mercato che si è riaperto nel 2020 e che nell’ultimo anno ha rappresentato il 37,7% del totale. Cambiando prospettiva, l’Italia rappresenta il principale punto di riferimento dell’Egitto per quanto riguarda il mercato della difesa, infatti costituisce il 46,5% delle armi importate.

La Turchia rimane tra i principali importatori di armi dall’Italia, mentre altri paesi sono cresciuti nel 2021. In particolare dobbiamo guardare al Medio Oriente con il Qatar e il Turkmenistan tra i principali acquirenti in una zona calda che recentemente ha visto riaccendersi diversi conflitti.

Dai report sugli scambi commerciali dall’Italia, emergono alcune delle eccellenze italiane del settore della difesa, conosciute ed apprezate nel mondo: Leonardo e Alenia per l’aeronautica, Fincantieri per la nautica. Proprio le componenti e i mezzi aerei e navali hanno permesso all’Italia di raggiungere la quarta posizione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/03/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

44ma edizione della March for life

È evidente nell’elezione di maggioranze pro-life al Congresso degli Stati Uniti d’America. Ma non c’è segno più evidente, in alcun modo, della storica elezione di un presidente che si batte per un’America più forte, per un’America più prospera, e un presidente che – e lo dico con orgoglio – si batte per il diritto alla vita: il presidente Donald Trump. È stato infatti proprio il presidente Trump a chiedermi di essere qui con voi oggi. Mi ha chiesto di ringraziarvi per il vostro sostegno, per la vostra difesa della vita e per la vostra compassione per le donne e i bambini d’America. Proprio una settimana fa da oggi, sui gradini del Campidoglio abbiamo visto l’inaugurazione del 45mo presidente degli Stati Uniti. Posso testimoniare di persona che il nostro presidente è un uomo dalle spalle larghe e dal cuore grande. La sua idea per il futuro, la sua energia, il suo ottimismo sono senza confini e io so che lui renderà l’America di nuovo grande. Sin dal suo primo giorno da presidente, sta mantenendo le promesse fatte al popolo americano. Mi piace dire che laggiù al 1600 di Pennsylvania Avenue, il nostro business è mantenere le promesse. Ed è per questo che lunedì il presidente Trump ha riportato in vigore la policy di Mexico City, per impedire che i fondi destinati a paesi stranieri vadano ad organizzazioni che promuovono o eseguono aborti nel mondo. È per questo che questa amministrazione lavorerà con il Congresso per porre fine al finanziamento dell’aborto e delle cliniche abortiste con i soldi dei contribuenti e destineremo queste risorse ai centri di salute per le donne in tutta l’America. Ed è per questo che la prossima settimana il presidente Donald Trump annuncerà la nomina di un giudice alla Corte Suprema che sosterrà quelle libertà donate da Dio e custodite nella nostra Costituzione, nel solco dell’eredità del grande giudice Antonin Scalia. Sapete, la vita sta vincendo in America. E questo giorno è una celebrazione del progresso che abbiamo fatto in questa causa. Sapete, da molto tempo ritengo che una società possa essere giudicata da come si prende cura dei suoi membri più vulnerabili, degli anziani, degli infermi, dei disabili e dei nascituri. Siamo giunti a un momento storico nella causa per la vita. E dobbiamo andare incontro a questo momento con rispetto e compassione per ogni americano. La vita sta vincendo per molte ragioni. La vita sta vincendo attraverso il costante progresso della scienza, che fa luce sul momento in cui inizia la vita, ogni giorno di più. La vita sta vincendo attraverso la generosità di milioni di famiglie adottive, che aprono i propri cuori e le proprie case a bambini in difficoltà.

Leggi tutto

Politica

Gli italiani ed il Ministero della Pace

Questa curiosa scelta ( ma molto significativa) risulta da un sondaggio commissionato dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e realizzato da Demetra.

Leggi tutto

Società

Cosa fare per rimettere in piedi l’economia italiana?

I soldi per tagliare le tasse e per dare lavoro a tutti ci sono. Se capiamo come funziona la moneta (anche senza uscire dall’Euro)

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco saluta la Grecia

Alle 10.58 Francesco è decollato dall’aeroporto internazionale di Atene. Dopo un breve incontro con il Ministro degli Affari Esteri greco,

Leggi tutto

Politica

Papa: i giovani possono cambiare il mondo con Dio

Nell’udienza all’Azione Cattolica francese Francesco ribadisce l’importanza del metodo del “vedere, giudicare e agire”, lasciandosi guidare dal Vangelo e accettando l’incontro tra la propria umanità e la “divinità trasformante” di Gesù.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e la giornata di digiuno per l’Ucraina

“La Regina della Pace preservi il mondo dalla follia della guerra”: è l’invocazione accorata del Papa al termine dell’udienza generale in cui chiama a raccolta soprattutto i credenti perché dedichino la prima giornata di Quaresima al raccoglimento per il Paese europe

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano