Politica

di Giuseppe Udinov

Ecco perchè la guerra conviene ai governanti italiani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’Italia è il quarto paese al mondo nella classifica dell’export di armi. Secondo l’Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma (Sipri), nel 2021 il nostro Paese ha più che raddoppiato le vendite di armi all’estero, rispetto all’anno precedente (+102,7%). Si tratta di un incremento significativo che è paragonabile storicamente al periodo dal 1979 al 1984 durante il quale erano esplosi diversi conflitti in Sud America e infatti tra i maggiori importatori di armi dall’Italia spiccavano Perù e Venezuela.

L’industria della difesa italiana è un fiore all’occhiello internazionale nel settore e il nostro Paese è undicesimo al mondo nella produzione di armi. Parallelamente, la guerra in Ucraina e le richieste di armi da parte di Zelensky stanno attirando l’attenzione dei produttori e in Italia, come nel resto dellìEuropa, è in corso il dibattito sull’aumento delle spese militari in relazione alla situazione di conflitto attuale.

Gli Stati Uniti sono il Paese che ha venduto più armi nel 2021. Secondo l’indice TIV utilizzato da Sipri (un coefficiente che prende in considerazione il numero di armi, il valore e le vendite dirette o no), l’export di armi dagli Usa rappresenta il 41,4% del totale mondiale, un lieve incremento se si considera che negli ultimi 5 anni la quota è stata del 38,6%

Al secondo posto ecco la Francia che nel 2021 ha superato la Russia, grazie soprattutto al volume di vendita di armi verso l’India che rappresenta il 54% del suo mercato. L’Italia è quarta, seguita dalla Cina. Dietro di loro, la Germania ha perso due posizioni in seguito ad una contrazione dell’export di armi nell’ulrimo anno.

  1. Stati Uniti: 10613
  2. Francia: 3954
  3. Russia: 2744
  4. Italia: 1717
  5. Cina: 1085
  6. Germania: 914
  7. Spagna: 612
  8. Israele: 606
  9. Regno Unito: 601
  10. Corea del Sud: 566

* valori indice TIV, fonte Sipri

La Russia è soprattutto un paese esportatore di armi, ma ha anche acquistato dall’estero alcuni mezzi che le mancavano. Tuttavia l’ultimo anno nel quale ha importato armi è stato il 2018 e in quell’occasione aveva acquistato 52 aerei da trasporto militare dall’Ucraina. Ancora non c’era stata l’escalation del conflitto in Ucraina, ma i due paesi erano in conflitto da 4 anni per la questione del Donbass e della Crimea.
L’Egitto è la nazione che acquista più armi dall’Italia. Si tratta di un mercato che si è riaperto nel 2020 e che nell’ultimo anno ha rappresentato il 37,7% del totale. Cambiando prospettiva, l’Italia rappresenta il principale punto di riferimento dell’Egitto per quanto riguarda il mercato della difesa, infatti costituisce il 46,5% delle armi importate.

La Turchia rimane tra i principali importatori di armi dall’Italia, mentre altri paesi sono cresciuti nel 2021. In particolare dobbiamo guardare al Medio Oriente con il Qatar e il Turkmenistan tra i principali acquirenti in una zona calda che recentemente ha visto riaccendersi diversi conflitti.

Dai report sugli scambi commerciali dall’Italia, emergono alcune delle eccellenze italiane del settore della difesa, conosciute ed apprezate nel mondo: Leonardo e Alenia per l’aeronautica, Fincantieri per la nautica. Proprio le componenti e i mezzi aerei e navali hanno permesso all’Italia di raggiungere la quarta posizione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/03/2022
0310/2022
S. Maria Giuseppa Rossello

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

USA - Lesbiche fanno causa alla clinica per la fertilità

Una coppia lesbica ha fatto causa a una clinica per la fertilità dopo aver saputo che l’embrione che avevano impiantato in una delle due era un maschio e non una femmina.

Leggi tutto

Politica

MEMENTO AUDERE SEMPER

Se non prendiamo coscienza delle gravi conseguenze a cui ci sta portando questa mostruosa disaffezione verso la cosa pubblica è inutile che poi seguitiamo a lamentarci. E’ il momento di osare, memento audere semper diceva Gabriele D’Annunzio

Leggi tutto

Chiesa

Meta - Bocche cucite sull’aborto

La questione è molto sentita negli Stati Uniti, ma Meta non vuole che se ne parli nei suoi uffici. Il che è strano, dato che in azienda è possibile parlare e dibattere rispettosamente di altre questioni sociali, come il movimento Black Lives Matter.

Leggi tutto

Società

Più della metà degli italiani vuole cambiare lavoro

Più della metà dei lavoratori del Belpaese (55%) desidera una nuova occupazione perché insoddisfatta di quella attuale e il 15% si è attivato per cercare un altro impiego. A descrivere il sentiment degli italiani e le evoluzioni in atto è l’indagine della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro dal titolo “Italiani e lavoro nell’anno della transizione”, condotta, in collaborazione con SWG; tema affrontato nel corso del Festival del Lavoro

Leggi tutto

Politica

Il documento che stana il Copasir e i burattini dell’ex governo Draghi

Il Copasir, Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, è un organo del Parlamento della Repubblica Italiana che esercita il controllo parlamentare sull’operato dei servizi segreti italiani.

Leggi tutto

Società

Se le nozze le fissa il commercialista

Nel 2015 i matrimoni sono aumentati, ma i divorzi sono schizzati in su con un +57% rispetto al 2014, evidentemente a causa della novella legge sul divorzio breve. Gli ospiti, con la leggerezza che si addice ad uno studio televisivo come questo, hanno sparato in libertà diverse impressioni personali sul tema: si è detto che sposarsi giovani è un male, perché il matrimonio è un impegno serio, per cui l’aumento dell’età media per convolare a nozze è una cosa buona; bisogna sposarsi quando arriva il momento giusto, salvo poi che questo momento giusto non lo sa definire nessuno.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano