Politica

di Roberto Signori

India: assassinato pastore cristiano protestante

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un Pastore cristiano protestante di 50 anni è stato assassinato da un gruppo di uomini mascherati nel distretto di Bijapur, nello stato indiano del Chhattisgarh. L’episodio di violenza, avvenuto il 17 marzo scorso, solo ora è stato confermato all’Agenzia Fides. Secondo fonti nella comunità cristiana locale, il Pastore Yallam Shankar stava cenando a casa sua, intorno alle 19:00 del 17 marzo, quando una folla di militanti ha forzato l’ingresso, lo ha trascinato fuori e lo ha pugnalato con un’arma affilata. L’attacco è avvenuto mentre si celebrava la festa indù di “Holika Dahan” (una festa che celebra la vittoria del bene sul male) nel villaggio di Angampalli, dove viveva il pastore Shankar.

Prima di iniziare a guidare la piccola comunità cristiana del luogo, il Pastore Shankar aveva servito come capo del consiglio del villaggio, dove si era distinto come sostenitore dei diritti delle minoranze cristiane e aveva aiutato quanti avevano subito abusi e violazioni dei diritti a cercare giustizia. A causa di questo impegno, il Pastore Shankar aveva ricevuto diverse minacce alla sua vita, nonché la richiesta, sempre ripudiata, di abbandonare il cristianesimo e accettare la conversione all’induismo.

Il 18 marzo, il giorno dopo il linciaggio, è stata registrata presso la stazione di polizia di Madded una denuncia, passo necessario affinché la polizia avvii un’indagine. La polizia per ora non ha rilasciato alcun comunicato ufficiale, tuttavia ci sono diverse teorie sul movente dell’omicidio del Pastore. Secondo quanto riferito a Fides, sulla scena del crimine è stato rinvenuto un volantino che sembra collegare l’omicidio all’Esercito popolare di guerriglia di liberazione (PLGA), gruppo armato maoista che imperversa nella zona. Il volantino accusa il Pastore Shankar di essere un informatore della polizia e annuncia l’omicidio perché egli non ha ascoltato gli avvertimenti del PLGA.

La polizia, tuttavia, nega che Shankar fosse un informatore e sta esaminando l’ipotesi del depistaggio. D’altronde il clero locale e i membri della comunità cristiana della zona ritengono che, nonostante la nota, non sia chiaro se l’attacco sia stato realmente compiuto da maoisti o se siano coinvolti altri elementi con idee che promuovono la violenza sui cristiani.

In un comunicato l’organizzazione “Christian Solidarity Worldwide”, che monitora le violenza sui cristiani nel modo, afferma: “Yallam Shankar, era un uomo che ha servito il suo villaggio difendendo i diritti delle minoranze e difendendo la giustizia. Il Chhattisgarh sta diventando sempre più un terreno fertile per attacchi mirati contro i cristiani e gli sforzi delle autorità per fermare questa violenza si sono finora rivelati insufficienti. Esortiamo le autorità del Chhattisgarh a condurre un’indagine rapida e approfondita su questo omicidio, accertando la motivazione alla base e consegnando gli autori alla giustizia per le loro azioni”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/03/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Omosessuale e sentinella, non eroe

Giorgio Ponte è il primo omosessuale, che ha partecipato anche all’esperienza delle Sentinelle in Piedi, a esporsi a sostegno di un’idea chiara: la Chiesa non è contro i gay. Dice: “Non siamo contro le persone, ma per la loro salvezza. E non chiamatemi eroe”

Leggi tutto

Politica

LA FINE DEL RICATTO DEL VOTO UTILE

La mobilitazione e la campagna elettorale del Popolo della Famiglia partono sabato 28 gennaio alle ore 15 dal teatro Eliseo a Roma. Grillo, Salvini, Meloni e Renzi dicono di voler votare l’11 giugno. Ci faremo trovare pronti e se si dovesse votare in autunno saremo pronti lo stesso. Pronti a chiedere consenso a chi vuole difendere la famiglia, promuovendola a priorià politico-programmatica: prima la famiglia, prima i figli, prima il diritto di ogni bambino ad avere una mamma e un papà, prima la natalità, prima il diritto assoluto di ogni persona a nascere e che i medici curino e non uccidano. Chi vuole battere i falsi miti di progresso diventi un protagonista del Popolo della Famiglia a partire dalla partecipazione all’assemblea nazionale di sabato a Roma, punto di avvio di una campagna che ci porterà lontano.

Leggi tutto

Storie

Charlie Gard e quei decisivi ritardi nelle cure

I team medici sarebbero stati ancora disponibili a tentare la terapia. Compromessi comunque i muscoli

Leggi tutto

Società

Utero in affitto? No grazie!

Il bambino, che durante la propria gestazione viene cullato dal ventre materno e che impara a riconoscere i rumori che lo circondano (la voce della mamma sicuramente, ma anche la voce del papà e dei fratelli), i sapori che lo nutriranno (e che vengono filtrati grazie al liquido amniotico che ingerisce) e le emozioni che vive chi lo sta ospitando (il ruolo dei neurormoni è ritenuto fondamentale per lo sviluppo fetale), si lega moltissimo alla madre. Grazie agli studi che sono stati compiuti e che oramai danno per scontato tutto un mondo fatto di relazione tra madre e nascituro, è stata messa a punto tutta una serie di accorgimenti clinici che si basano sul “dialogo” e sulle interazioni fisiche che sono vitali per il nascituro.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Chiesa

La Quaresima e le Chiese Stazionali

Nel nostro secolo intendiamo con stazione un luogo di sosta lungo un percorso. Nel mondo romano la terminologia relativa alla viabilità era specializzata con termini specifici come mansio, mutatio e, appunto, statio che è perdurato fino a noi. Per statio si intendeva per lo più un posto di guardia militare, dislocato lungo le vie e i confini dell’Impero, ma nelle fonti il suo uso si riscontra flessibile e riguarda anche funzioni amministrative o di semplice sosta e ristoro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano