Politica

di Roberto Signori

India: assassinato pastore cristiano protestante

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un Pastore cristiano protestante di 50 anni è stato assassinato da un gruppo di uomini mascherati nel distretto di Bijapur, nello stato indiano del Chhattisgarh. L’episodio di violenza, avvenuto il 17 marzo scorso, solo ora è stato confermato all’Agenzia Fides. Secondo fonti nella comunità cristiana locale, il Pastore Yallam Shankar stava cenando a casa sua, intorno alle 19:00 del 17 marzo, quando una folla di militanti ha forzato l’ingresso, lo ha trascinato fuori e lo ha pugnalato con un’arma affilata. L’attacco è avvenuto mentre si celebrava la festa indù di “Holika Dahan” (una festa che celebra la vittoria del bene sul male) nel villaggio di Angampalli, dove viveva il pastore Shankar.

Prima di iniziare a guidare la piccola comunità cristiana del luogo, il Pastore Shankar aveva servito come capo del consiglio del villaggio, dove si era distinto come sostenitore dei diritti delle minoranze cristiane e aveva aiutato quanti avevano subito abusi e violazioni dei diritti a cercare giustizia. A causa di questo impegno, il Pastore Shankar aveva ricevuto diverse minacce alla sua vita, nonché la richiesta, sempre ripudiata, di abbandonare il cristianesimo e accettare la conversione all’induismo.

Il 18 marzo, il giorno dopo il linciaggio, è stata registrata presso la stazione di polizia di Madded una denuncia, passo necessario affinché la polizia avvii un’indagine. La polizia per ora non ha rilasciato alcun comunicato ufficiale, tuttavia ci sono diverse teorie sul movente dell’omicidio del Pastore. Secondo quanto riferito a Fides, sulla scena del crimine è stato rinvenuto un volantino che sembra collegare l’omicidio all’Esercito popolare di guerriglia di liberazione (PLGA), gruppo armato maoista che imperversa nella zona. Il volantino accusa il Pastore Shankar di essere un informatore della polizia e annuncia l’omicidio perché egli non ha ascoltato gli avvertimenti del PLGA.

La polizia, tuttavia, nega che Shankar fosse un informatore e sta esaminando l’ipotesi del depistaggio. D’altronde il clero locale e i membri della comunità cristiana della zona ritengono che, nonostante la nota, non sia chiaro se l’attacco sia stato realmente compiuto da maoisti o se siano coinvolti altri elementi con idee che promuovono la violenza sui cristiani.

In un comunicato l’organizzazione “Christian Solidarity Worldwide”, che monitora le violenza sui cristiani nel modo, afferma: “Yallam Shankar, era un uomo che ha servito il suo villaggio difendendo i diritti delle minoranze e difendendo la giustizia. Il Chhattisgarh sta diventando sempre più un terreno fertile per attacchi mirati contro i cristiani e gli sforzi delle autorità per fermare questa violenza si sono finora rivelati insufficienti. Esortiamo le autorità del Chhattisgarh a condurre un’indagine rapida e approfondita su questo omicidio, accertando la motivazione alla base e consegnando gli autori alla giustizia per le loro azioni”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/03/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ecco chi c’era al “sinodo-ombra” di maggio

Esce un libro in cui i “docenti di teologia” del conciliabolo in Gregoriana vengono allo scoperto, con nomi (sconosciuti),
numeri (risibili) e tesi (le solite). E le minacciose ombre proiettate sul cinematografo di Repubblica svaniscono d’incanto

Leggi tutto

Politica

Nessuna pietà per i nemici della libertà

Il nazi-buonismo torna nelle parole arroganti del ministro delle famiglie (sic!), dell’infanzia e dei diritti delle donne Laurence Rossignol, appassionata sostenitrice della legge-bavaglio contro i siti pro vita.

Quarant’anni dopo la legge Veil, ha dichiarato il ministro, «dei gruppuscoli antiabortisti avanzano mascherati, dissimulati dietro a piattaforme all’apparenza neutra e obiettiva che imitano i siti istituzionali di informazione e cercano deliberatamente di ingannare le donne. O peggio ancora, talvolta sono diffuse da cellule d’ascolto animate da militanti “no choice” senza alcuna formazione intenzionati a colpevolizzare le donne e a scoraggiarle di ricorrere all’aborto». Rossignol ha poi aggiunto che «i militanti anti-IVG resteranno liberi di esprimere la propria ostilità all’aborto. A patto di dire con sincerità chi sono, cosa fanno e cosa vogliono». «La libertà di espressione», prosegue il ministro, «non si può confondere con la manipolazione degli spiriti».

Leggi tutto

Chiesa

Il santo dell’apologetica francese dell’800

Uomo di pensiero e di azione, Federico Ozanam è per gli universitari del nostro tempo, professori e studenti, un modello di impegno coraggioso capace di far udire una parola libera ed esigente nella ricerca della verità e nella difesa della dignità di ogni persona umana». Così Giovanni Paolo II, beatificandolo a Notre Dame, nel 1997, definiva il santo cui è stato assegnato uno dei posti più in ombra del calendario cattolico, la casella odierna, riempita dalla Vergine.

Leggi tutto

Chiesa

Lo Spirito e la spiritualità evangelica nella riforma della Chiesa

Presentazione del libro di monsignor Marchetto

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco prepara l’incontro con il sultano

Svariati commentatori – anche alcuni amici – hanno voluto vedere nel logo che annuncia i preparativi per il prossimo viaggio di Papa Francesco in Marocco un cedimento sostanziale della pretesa cristiana di fronte a quella musulmana.

Leggi tutto

Chiesa

Ecce Quaresima

La parola “Quaresima” deriva dal termine anglosassone “Lencten”, che significa primavera. Nella maggior parte delle lingue romanze, slave e celtiche viene tuttavia usato un derivato della parola latina
“quadragesima”, che si riferisce al “40°” giorno prima della Pasqua.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano