Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Vescovi italiani: le morti sul lavoro sono inaccettabili

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un Paese che cerca di risalire positivamente la china della crisi non può fondare la propria crescita economica sul quotidiano sacrificio di vite umane”. Parole chiare, di giustizia, quelle che i vescovi italiani rivolgono alle istituzioni e alle aziende, perché in Italia non si debbano più contare le cosiddette morti bianche. La Cei le scrive nel messaggio per il prossimo primo maggio, festa dei lavoratori, dal titolo “La vera ricchezza sono le persone”.

I vescovi italiani citano i dati Inail: nel 2021 sono stati 1.221 i morti, cui si aggiungono quelli “ignoti” perché avvenuti nelle pieghe del lavoro in nero, un ambito sommerso in cui si moltiplicano inaccettabili tragedie. Dunque ogni giorno in Italia muoiono almeno tre persone sul posto di lavoro. “Siamo di fronte a un moderno idolo che continua a pretendere un intollerabile tributo di lacrime”, ammonisce la Cei, sottolineando come tra i settori più colpiti ci sono l’industria, i servizi, l’edilizia e l’agricoltura. “Ogni evento che si verifica è una sconfitta per la società nel suo complesso, ogni incidente mortale - si legge nel messaggio - segna una lacerazione profonda sia in chi ne subisce gli effetti diretti, come la famiglia e i colleghi di lavoro, sia nell’opinione pubblica”.

Lo sguardo dei vescovi va anche al mercato del lavoro, ad una produzione che a volte si alimenta di un precariato che contiene elementi di pericolosità. “La crescente precarizzazione - sottolinea la Cei - costringe molti lavoratori a cambiare spesso mansione, contesto lavorativo e procedure, esponendoli a maggiori rischi. Spesso, inoltre, le mansioni più pericolose sono affidate a cooperative di servizi, con personale mal retribuito, poco formato, assunto con contratti di breve durata, costretto ad operare con ritmi e carichi di lavoro inadeguati, in una combinazione rovinosa che - rimarcano i vescovi - potenzia il rischio di errori fatali”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/03/2022
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Appello ai vescovi italiani

Il nostro quotidiano rivolge un appello al cardinale Bagnasco e alla Cei per una mobilitazione evidente dei cattolici per impedire l’approvazione di norme che devasterebbero la famiglia

Leggi tutto

Chiesa

L’esempio del Papa: i poveri invitati a pranzo

Anche dell’iniziativa di Francesco, che ha voluto pranzare con 500 persone in stato di bisogno, si è parlato ieri sera su Radio Mater

Leggi tutto

Chiesa

Tre martiri e 7 venerabili verso gli Altari

Pilar Gullón Yturriaga e le sue due compagne, Octavia e Olga, furono socie di Azione Cattolica, Figlie di Maria e membri delle Conferenze di san Vincenzo. Uccise in odium fidei nel 1936

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: siamo chiamati a testimoniare l’amore di Dio

All’udienza generale in Aula Paolo VI, Francesco si concentra sul tema della giustificazione: l’amore di Cristo ci ha salvato tutti “gratis”.

Leggi tutto

Politica

Reddito di cittadinanza: un flop senza fine

Tutto ciò che concerne il reddito di cittadinanza è un flop continuo. Adesso chi dovrebbe assistere gli operatori dei Centri per l’Impiego nella realizzazione di un percorso che coinvolga i beneficiari della riforma grillina, si licenzia ed è in cerca di un altro lavoro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano