Società

di Roberto Signori

PAKISTAN - La gente chiede al governo di proteggere le minoranze religiose

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“È incoraggiante che l’uccisione di Pooja Kumari, una ragazza indù che ha resistito al rapimento, alla conversione forzata e al matrimonio forzato, sia stata ampiamente condannata dalla società civile e dagli individui sui social e sui media mainstream. Le organizzazioni che tutelano i diritti hanno chiesto alle autorità di garantire un’indagine imparziale su questo incidente e un giusto processo legale”: lo afferma un comunicato stampa rilasciato da Wajahat Masood e Peter Jacob, rispettivamente presidente e direttore esecutivo del Center for Social Justice (CSJ), rimarcando, d’altro canto, “la mancanza del governo nell’affrontare la violenza di genere e la violenza legata alla religione nel paese”.

“E’ urgente che il governo adotti politiche specifiche e un piano d’azione nazionale per affrontare l’estremismo, la violenza e la persecuzione delle minoranze” nota il CSJ. La nota inviata afferma: “Le conversioni forzate violano la libertà religiosa dei cittadini e minano il pluralismo religioso del Pakistan; pertanto il governo dovrebbe affrontare e combattere l’impunità associata a questo fenomeno. Le conversioni forzate di ragazze minorenni, in special modo cristiane e indù, e la violenza di genere sono una pratica antica e persistente in Pakistan”.

Nell’ultimo rapporto preparato da CSJ sulle conversioni forzate in Pakistan, inviato a Fides, si nota che nel 2021 sono stati segnalati almeno 78 casi di conversioni forzate o involontarie che hanno coinvolto 39 ragazze o donne indù, 38 cristiane e una sikh, tra cui; 40 casi nella provincia del Sindh, 36 nel Punjab e un caso ciascuno nelle province di Khyber Pakhtunkhwa e Belucistan.

I leader del CSJ osservano: “Gli incidenti sono aumentati dell’80% rispetto al 2020. In particolare, il 33% delle vittime aveva meno di 14 anni e il 76% delle vittime erano minorenni (sotto i 18 anni). Inoltre non è stata menzionata l’età nel 18% dei casi, quindi vi è motivo di ritenere che il 94% delle vittime fossero minorenni. Il cambiamento di fede da parte delle ragazze minorenni la dice lunga sulla vulnerabilità delle persone convertite, e sulla motivazione che spinge i colpevoli. La libertà religiosa di tutti i cittadini è tutelata dall’articolo 20 della Costituzione del Pakistan che concede la libertà di professare la religione: pertanto è illegale e immorale costringere ragazze a cambiare la propria fede ricorrendo a minacce, coercizioni o manipolazioni”. E aggiungono: “Ragazze e donne delle minoranze religiose sono prese di mira a causa delle vulnerabilità sociali e materiali, quindi non possono avvalersi dell’accesso alla giustizia, che gli autori usano per manipolare il sistema giudiziario e farla franca”.

Il CSJ chiede al governo di attuare la dichiarazione dell’Alta Corte di Islamabad, che ha dichiarato i matrimoni di età inferiore ai 18 anni come illegali, anche se formalmente “di propria spontanea volontà”. Inoltre, la sentenza della Corte Federale della Sharia statuisce che fissare un’età minima legale per il matrimonio è atto lecito e non è un atto “anti-islamico”. Pertanto - si afferma - i legislatori non dovrebbero esitare ad apportare una modifica alle leggi esistenti per prevenire i matrimoni precoci insieme a misure amministrative e procedurali per un’efficace attuazione sulla protezione dei cittadini vulnerabili, nota il CSJ.

La mancata applicazione delle leggi nazionali esistenti e degli articoli del Codice penale del Pakistan (PPC) è un serio ostacolo nella prevenzione di tale pratica: “Il governo deve introdurre misure legali e amministrative efficaci per proteggere le minoranze dai crimini che coinvolgono conversioni forzate, matrimoni forzati con bambine e violenze sessuali in Pakistan”, conclude la dichiarazione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/03/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Sharon, piccolo martire dei bulli a causa di Gesù

Il Punjab è uno degli stati più problematici dell’India: sacerdoti sequestrati e ritrovati uccisi (o non ritrovati affatto), mobbing e stalking sui posti di lavoro per i cristiani e ora anche l’uccisione, gratuita e crudele, di un quindicenne che doveva fare 100 km per andare a scuola. I cristiani sono sempre più nel mirino dei fanatici, e ben pochi sono quelli che cercano di difenderli

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Società

LA LOBBY PIÙ VIOLENTA DEL MONDO

Solo chi ha figli sa il trauma che l’allontanamento neonatale dalla mamma comporta. Ma che problema c’è, basta chiamarla “partoriente” e farla sparire dalla foto, poi costruire la narrazione dei “due papà” e del tabù rotto. Noi continueremo in maniera estenuante a batterci affinché questo orrore violento nei confronti dei bambini e delle madri in Italia non possa essere mai perpetrato.

Leggi tutto

Società

Forse la vera laicità potrebbe ancora salvare l’Italia

«La laicità non è indifferenza dello Stato rispetto al fenomeno religioso, la laicità è tutela del pluralismo e delle diversità culturali». (Mario Draghi citando una sentenza della Corte costituzionale nel discorso del 26/06/’21).

Leggi tutto

Società

De Lieto(LI.SI.PO.): ” Compromessa la liberta’ dei cittadini”

Il sindacato di polizia interviene sulle ultime idee del Governo Draghi per arrestare il covid.

Leggi tutto

Politica

NIGERIA - Padre Adeleke ucciso per un tentativo di sequestro

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano