Storie

di Roberto Signori

Yangon, guerra civile: 100 edifici religiosi distrutti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono un centinaio gli edifici religiosi distrutti dalla giunta militare birmana nelle aree dove si concentra la resistenza anti-golpe, soprattutto nel nord-ovest e nel sud-est del Myanmar. Da dicembre l’esercito birmano ha intensificato gli attacchi contro gli Stati Chin e Kayah, a maggioranza cristiana, e nelle regioni di Sagaing e Magwe, a prevalenza invece buddiste. Tra febbraio 2021 e gennaio 2022, nel Chin i militari hanno distrutto circa 35 chiese e altri 15 edifici affiliati, secondo la Chin Human Rights Organization. Nello stesso periodo nel Kayah almeno 12 chiese sono state rase al suolo, afferma il Karenni Human Rights Group.

Nonostante dopo il colpo di Stato del febbraio 2021 i generali abbiano giurato di voler proteggere i luoghi di culto, le pagode e i monasteri non sono stati risparmiati: dall’aprile successivo, quando è iniziata la resistenza armata delle milizie etniche, almeno 50 edifici religiosi sono stati distrutti o saccheggiati.

A inizio mese i soldati dell’esercito hanno bombardato un monastero nel villaggio di Latpandaw, nel distretto di Yinmabin, nel Sagaing, uccidendo almeno 6 persone che vi avevano trovato rifugio. Nella stessa zona a fine febbraio i soldati hanno fatto irruzione nel monastero di Chin Phone Village e hanno usato 80 bambini come scudi umani per almeno 36 ore.

“Quando l’abate ha cercato di negoziare con le forze del regime, gli hanno puntato una pistola contro e non lo hanno fatto uscire”, ha raccontato un residente locale. Ora l’edificio funzioba da centro per gli interrogatori dove vengono torturati e massacrati anche i civili. Le donazioni degli abitanti, che ammontavano a 50 milioni di kyat (meno di 26mila euro) sono state rubate.

Secondo il sito indipendente The Irrawaddy, gli attacchi contro gli edifici religiosi riflettono la frustrazione della giunta militare di non essere in grado di prevalere sulle forze anti-golpe, soprattutto negli Stati Chin e Kayah, malgrado l’utilizzo di attacchi aerei e dell’artiglieria pesante. Nei giorni scorsi la Karenni Nationalities Defense Force, principale organizzazione di opposizione nello Stato Kayah, ha rimosso diverse mine antiuomo posizionate nelle risaie dall’esercito per permettere agli agricoltori locali di tornare alle loro terre (v. foto).

Nelle ultime settimane gli scontri si sono concentrati nello Stato Karen (chiamato anche Kayin) al confine con la Thailandia: durante il fine settimana l’esercito ha bombardato diverse province, colpendo obiettivi civili, comprese le strutture sanitarie. il Karen National Liberation Army ha detto di non aver subito perdite, al contrario sostiene di aver ucciso almeno 60 soldati della giunta, ma la veridicità di queste affermazioni è difficile da verificare. In questa regione si contano già almeno 150mila sfollati interni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/03/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Gender: surrealismo esistenzialista su Time

Dopo la marchetta sul National Geographic, adesso è la volta di Time, che racconta con un dossier a cura di Katy Steinmetz «come una generazione stia ridefinendo il significato di genere»… “Oltre lui o lei”. È stato opportunamente osservato che trasportare la questione dal piano etico a quello ontologico significa chiedersi seriamente se un tizio che dica di sentirsi Napoleone Bonaparte vada preso sul serio o semplicemente curato.

Leggi tutto

Storie

Yemen: il dramma dei bambini

Il conflitto nello Yemen ha appena raggiunto un altro spaventoso risultato: 10.000 bambini sono stati uccisi o mutilati dall’inizio dei combattimenti nel marzo 2015, vale a dire quattro bambini ogni giorno

Leggi tutto

Politica

Paesi Bassi: una guida al dialogo tra cristiani e musulmani

“Fede e professione: una guida al dialogo tra cristiani e musulmani”. Iniziativa interreligiosa fra cattolici e islam nei Paesi Bassi

Leggi tutto

Chiesa

I vescovi di Polonia e Ucraina sulla crisi con la Russia

In un comunicato congiunto i presuli dei due Paesi esprimono preoccupazione per il fallimento dei negoziati tra Mosca e l’Occidente e per le truppe e le armi russe ammassate al confine.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Ambasciata russa per esprimere preoccupazione

Papa Francesco, questa mattina, nella sede in via della Conciliazione per oltre mezz’ora. Il Pontefice segue con attenzione l’evolversi della situazione nel Paese est europeo

Leggi tutto

Storie

Cascia: monache agostiniane accolgono 10 ucraini

Le famiglie ospitate a Cascia, grazie alla comunità monastica agostiniana, “sono vittime in fuga dall’orrore della guerra, che gli ha portato via tutto”, che “hanno bisogno di ritrovare serenità e speranza”, ha spiegato suor Maria Rosa Bernardinis, badessa del Monastero Santa Rita

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano