Politica

di la redazione

Sara Reho (PDF): “Le donne non sono merce da allevamento intensivo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I 21 bambini nati con la tecnica dell’utero in affitto ed ora rinchiusi in un bunker di Kiev sono tre volte vittime: della maternità surrogata, della guerra e di coloro che sfruttano la vicenda per far propaganda alla GPA (gestazione per altri), così come la neolingua tenta di far passare per buona una pratica assurda, quanto aberrante, che fa mercato ed utile di impresa sul corpo delle donne», ha dichiarato Sara Reho del Gruppo Giovani del Popolo della Famiglia.

«Se danarosi committenti non avessero fatto creare con tanto di ordinativi decine e decine di persone, questi neonati e le donne partorienti non starebbero sotto le bombe e non si rischierebbe di perdere gli embrioni congelati. La maternità surrogata in Italia è vietata dalla Legge 40/2004 ed è sanzionabile, civilmente e penalmente, non solo chi realizza ed organizza questa pratica, ma anche chi la pubblicizza. I tentativi di rendere accettabile questa nuova forma di schiavitù vediamo che ritornano con straordinario tempismo».
«Le donne non sono animali da riproduzione e i bambini non sono oggetti da creare su commissione ed acquistare con tanto di contratto. Non si sfrutti la guerra per depenalizzare e regolamentare la maternità surrogata. Proprio come accadde in seguito alla tragedia di Seveso nel 1976, quando un’esplosione presso l’industria chimica dell’Icmesa causò una fuoriuscita di diossina nell’ambiente ed un immediato allarme per la salute. Un pressing mediatico e culturale promosse ed incentivò l’interruzione della gravidanza, quando in Italia non era ancora ammessa. Si parlò allora di aborto “eugenetico” e non “terapeutico” (non essendo in pericolo la salute madre, ma quella del bambino), come oggi si parla di eugenetica nella “gestazione per altri”, basta infatti leggere le clausole dei contratti in caso di malformazione del feto. Il Popolo della Famiglia vigilerà con attenzione gli sviluppi di questa triste vicenda per garantire i diritti sia dei bambini e sia delle donne», ha concluso Sara Reho, ritenendo che dietro queste vicende, come anche nelle guerre, si nasconde qualcosa di estremamente pericoloso per l’umanità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/03/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

De Mari e l’inchiesta non inchiesta

I roghi di libri li abbiamo già visti, non c’è bisogno di aggiungere altro, ma sappiamo anche che i libri se la cavano sempre, che riescono a superare i tempi bui e a rispuntare come fiori i cui semi hanno tenuto duro, sotto la neve, per tutto l’inverno.

Leggi tutto

Chiesa

L’ordinario militare ci parla di Fatima

Monsignor da Silva Rodrigues Linda, prelato personale dell’ordinariato militare lusitano, oltre che presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale del Portogallo, che è stato domenica in visita a Roma, ha rilasciato una intervista esclusiva per “La Croce”, in occasione delle celebrazioni del centenario della Regina del Santo Rosario

Leggi tutto

Politica

Perchè il PDF serve sempre di più?

Mai come in questo momento il ruolo che il Popolo della Famiglia intende svolgere è decisivo. Siamo una realtà piccola, ma in crescita, le amministrative lo hanno testimoniato. Se il 4 marzo a Roma prendevamo lo 0.6 alla Camera e lo 0.7 al Senato, il 10 giugno a Roma abbiamo preso l’1.83. Vuol dire che il movimento è in salute e lo abbiamo spiegato analiticamente con i numeri il giorno dopo il primo turno delle amministrative. Proprio i numeri hanno evidenziato che il nostro ruolo è di presidio di un’area che nella storia si chiama “cattolicesimo politico”, che ha avuto origine nel 1919 grazie all’intuizione di don Luigi Sturzo, si è rivitalizzata con il codice di Camaldoli del 1943, si è strutturata in diverse esperienze partitiche a partire dalle elezioni repubblicane del 1946 per giungere fiacca e secondo alcuni esaurita al centenario dell’appello ai Liberi e Forti, di don Sturzo appunto. Un movimento politico di ispirazione cristiana con al centro i bisogni della famiglia e la cultura della vita è quanto mai necessario oggi all’Italia. Secondo alcuni questa opzione viene svolta nell’Italia del 2018 dalla Lega di Matteo Salvini. Si tratta ovviamente di una opzione legittima, chi la ritiene valida può andare nelle sedi disseminate in tutta Italia di quel partito e iscriversi, salendo sul carro del vincitore. Lo stanno facendo in molti e Salvini grazie a parole d’ordine decisioniste su migranti e rom sta facendo il pieno di consensi anche tra i cattolici.

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

Politica

informarsi-e-formarsi-per-la-politica

La formazione è ciò che ha permesso al Pci di perpetuare nei decenni una classe dirigente che producesse ceto politico e che al contempo detenesse l’egemonia culturale nel Paese (perfino quando il ceto politico era all’opposizione). Essa non può tuttavia illudersi di partire dalla pubblicazione di date e corsi a cui iscriversi: occorre una selezione previa basata sull’attivismo giovanile.

Leggi tutto

Politica

Il vero problema non è il covid ma la denatalità

Per veder rifiorire il Paese dalle macerie della Seconda Guerra mondiale, caro presidente Draghi, le donne italiane fecero tra il 1946 e il 1949 sei milioni di bambini, crescendoli e prestando loro cura pressoché esclusiva, si generò ricchezza per dare loro un futuro degno. Con gli attuali 400mila bambini che nascono l’anno (nel 2021 già si dice che saremo sotto quella soglia) per fare sei milioni di bambini ci vorranno quindici anni. E nel 2036 sarà troppo, troppo tardi. Reddito di maternità, subito. E subito dopo riforma fiscale del quoziente familiare perché è ovvio che i trentamila euro guadagnati da un single devono essere tassati di più dei trentamila euro guadagnati da un padre di famiglia che deve sfamare con quel reddito moglie e tre figli. Un criterio basilare di giustizia sociale richiede che finalmente questa riforma fiscale diventi realtà.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano