Società

di Roberto Signori

Iran: niente stadi per le donne

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Vanificando una battaglia di anni, e per la quale era morta anche una ragazza che si era data fuoco per protesta, le autorità iraniane hanno di nuovo vietato l’ingresso delle donne in uno stadio per assistere a una partita di calcio. Una pratica consueta dalla rivoluzione islamica del 1979, che ha di fatto eliminato l’universo rosa da tutte le competizioni in cui vi sono uomini a competere, a prescindere dall’evento sportivo sia esso di squadra o singolo.

Secondo quanto riferisce l’agenzia semi-ufficiale Isna, i funzionari governativi avrebbero bloccato la partecipazione delle donne all’ultima partita di qualificazione per i mondiali di calcio in Qatar 2022, in programma a fine anno. La compagine della Repubblica islamica si è assicurata nei mesi scorsi, prima fra le nazioni asiatiche, la presenza alla rassegna iridata. Peraltro nei mesi scorsi la Fifa, organismo che regola il calcio mondiale, aveva imposto la presenza delle donne negli impianti quale requisito per ammettere la partecipazione dell’Iran alla competizione.

Fonti locali affermano che su 12.500 biglietti venduti online, almeno 2mila erano stati riservati alle donne per una partita giocata con il Libano nella città nord-orientale di Mashhad e che si è conclusa per due reti a zero a favore dei padroni di casa. Un video che circola sui social media mostra centinaia di tifosi che cantano “siamo contrari”, in risposta alla decisione di vietare loro di partecipare alla partita. Al momento non si vi sono note ufficiali che chiariscono quale autorità o istituzione abbia preso la decisione. Il sito Khabaronline ha riferito in tempo reale che “a fronte della vendita dei biglietti, alle donne non è concesso l’ingresso nello stadio”.

Ahmad Alamolhoda, nominato dalla guida suprema l’ayatollah Ali Khamenei leader della preghiera del venerdì a Mashhad, si è sempre detto contrario alla presenza di donne in qualità di spettatrici nelle competizioni sportive maschili. Al riguardo, egli ha più volte difinito tale partecipazione una “volgarità”. Il capitano della squadra Alireza Jahanbakhsh, in un‘intervista post-partita, ha detto che sarebbe bello vedere le donne negli stadi in futuro perché “amano anche vedere vincere la squadra”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/04/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Riguardo a donne e discriminazione

Molto più fecondamente che appellandosi all’incomprensibile nozione di “omofobia”, si contrasterebbe il bullismo stigmatizzando e perseguendo legalmente l’ipotetico reato di “androfobia” e “ginecofobia”: è nel rifiuto della realtà umana così come si dà che si annida il germe dell’odio che poi esplode negli atti di violenza verbale, psichica e/o fisica

Leggi tutto

Chiesa

Armida Barelli e le sue “sorelle” nella Comunione dei Santi

A una settimana dalla beatificazione a Milano, uno sguardo sui rapporti che la “sorella maggiore” dell’Azione Cattolica Femminile aveva con le sue contemporanee poi proposte a modello come lei, ma anche con Sante del passato o con figure di cui la memoria si è quasi perduta

Leggi tutto

Media

Storie di donne consacrate vittime del male

E’ nelle librerie il volume di Salvatore Cernuzio intitolato “Il velo del silenzio. Abusi, violenze, frustrazioni nella vita religiosa femminile”, edito da San Paolo. Ecco la prefazione al libro scritta dal suor Nathalie Becquart, sottosegretario della Segreteria generale del Sinodo dei Vescovi

Leggi tutto

Politica

Il Consiglio dei cardinali e la politica

È tornato ad incontrarsi il Consiglio di cardinali alla presenza del Papa a Casa Santa Marta. Il gruppo di sette porporati ha discusso della situazione politica ed ecclesiale nelle proprie regioni di provenienza e del ruolo delle donne

Leggi tutto

Società

Una carta femminista contro la GPA

Le donne di “Se non ora quando? - Libere”, insieme a tante figure partitiche, culturali, dell’informazione e attivisti per i diritti civili (anche provenienti dal mondo omosessualista) hanno chiesto all’Onu di aprire una procedura per raccomandare finalmente il divieto della maternità surrogata. L’incontro si è svolto il 23 marzo nella Sala della Regina della Camera dei Deputati, a Roma.

Leggi tutto

Storie

INDONESIA - “No” a un biglietto di ingresso per i luoghi di culto

L’annuncio del governo ha suscitato un’ampia protesta nell’opinione pubblica, anche se Luhut Binsar Pandjaitan, ministro per gli investimenti marittimi e esteri, ha giustificato la mossa con l’obiettivo di “mantenere la sicurezza ambientale del più grande tempio buddista del mondo”. Le autorità vorrebbero ridurre i visitatori giornalieri a 1.200 persone, ha affermato, imponendo anche la presenza di una apposita guida turistica.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano