Società

di Roberto Signori

Iran: niente stadi per le donne

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Vanificando una battaglia di anni, e per la quale era morta anche una ragazza che si era data fuoco per protesta, le autorità iraniane hanno di nuovo vietato l’ingresso delle donne in uno stadio per assistere a una partita di calcio. Una pratica consueta dalla rivoluzione islamica del 1979, che ha di fatto eliminato l’universo rosa da tutte le competizioni in cui vi sono uomini a competere, a prescindere dall’evento sportivo sia esso di squadra o singolo.

Secondo quanto riferisce l’agenzia semi-ufficiale Isna, i funzionari governativi avrebbero bloccato la partecipazione delle donne all’ultima partita di qualificazione per i mondiali di calcio in Qatar 2022, in programma a fine anno. La compagine della Repubblica islamica si è assicurata nei mesi scorsi, prima fra le nazioni asiatiche, la presenza alla rassegna iridata. Peraltro nei mesi scorsi la Fifa, organismo che regola il calcio mondiale, aveva imposto la presenza delle donne negli impianti quale requisito per ammettere la partecipazione dell’Iran alla competizione.

Fonti locali affermano che su 12.500 biglietti venduti online, almeno 2mila erano stati riservati alle donne per una partita giocata con il Libano nella città nord-orientale di Mashhad e che si è conclusa per due reti a zero a favore dei padroni di casa. Un video che circola sui social media mostra centinaia di tifosi che cantano “siamo contrari”, in risposta alla decisione di vietare loro di partecipare alla partita. Al momento non si vi sono note ufficiali che chiariscono quale autorità o istituzione abbia preso la decisione. Il sito Khabaronline ha riferito in tempo reale che “a fronte della vendita dei biglietti, alle donne non è concesso l’ingresso nello stadio”.

Ahmad Alamolhoda, nominato dalla guida suprema l’ayatollah Ali Khamenei leader della preghiera del venerdì a Mashhad, si è sempre detto contrario alla presenza di donne in qualità di spettatrici nelle competizioni sportive maschili. Al riguardo, egli ha più volte difinito tale partecipazione una “volgarità”. Il capitano della squadra Alireza Jahanbakhsh, in un‘intervista post-partita, ha detto che sarebbe bello vedere le donne negli stadi in futuro perché “amano anche vedere vincere la squadra”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/04/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Dignità e sorriso

Anche il mondo del calcio paga l’incostituzionalità delle “opere” restrittive del governo Draghi

Leggi tutto

Storie

Filippine: scende il tasso di fertilità

Manila: il tasso di fertilità scende a meno di 2 figli per donna

Leggi tutto

Società

Aiutare la donna contro l’aborto

Esiste una battaglia interna alla galassia dei gruppi antiabortisti: l’aborto si sconfigge abrogando le leggi che lo permettono oppure no? Certamente ogni legge fa cultura, ma se Ippocrate giurò di non praticare aborti lo si deve al fatto che se ne sono sempre praticati, coi metodi più fantasiosi (e pericolosi). Forse una sana Realpolitik chiede di cominciare a far osservare integralmente la legge.

Leggi tutto

Storie

Rasht, cristiani convertiti condannati a 5 anni di carcere

Fra le accuse “propaganda ed educazione” legata a “credenze devianti e contrarie alla sharia”, oltre a “legami con leader stranieri”.

Leggi tutto

Storie

Iran - Detenute cristiane firmano appello contro le esecuzioni

Dalla prigione 30 donne sottoscrivono una lettera aperta per dire “no” a processi sommari e impiccagioni di manifestanti pacifici. Sara Ahmadi e Malihe Nazari stanno scontando otto e sei anni per l’appartenenza a case di preghiera

Leggi tutto

Politica

L’Europarlamento condanna la Polonia sul divieto di aborto

I deputati del Parlamento Europeo hanno ribadito la loro ferma condanna per la sentenza pronunciata dal Tribunale costituzionale illegittimo il 22 ottobre 2020, che impone un divieto di aborto pressoché assoluto e mette a repentaglio la salute e la vita delle donne.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano