Società

di Roberto Signori

Oms choc: vuole l’aborto fino alla nascita

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Scorrere le nuove linee guida dell’Oms sulle leggi anti-aborto è qualcosa di rivoltante!

C’è infatti l’esplicita pretesa, da parte dell’OMS nei confronti dei Paesi membri, di spingere e fare pressioni per l’abrogazione delle leggi troppo restrittive sull’aborto, che fissano quindi dei limiti entro i quali poter eseguire l’interruzione di gravidanza

Indicazioni che riguardano, inoltre, «donne, ragazze o altre persone incinte» e qui dunque esce fuori non solo l’agenda abortista ma anche quella gender-fluid. La competenza in materia, ovviamente, spetta ai governi dei singoli Stati, ma ciò non lascia ugualmente tranquilli, se si arriva anche solo a credere possibile l’abrogazione di certi limiti, come ad esempio l’opzione di poter abortire fino al nono mese di gravidanza. Una preoccupazione acuita dalle altrettanto assurde motivazioni portate avanti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha infatti dichiarato come i limiti posti all’aborto siano «incompatibili con il rispetto dei diritti umani».

Non c’è pace neanche per medici poiché – il documento recita - «se si dimostra impossibile regolare l’obiezione di coscienza in un modo che rispetti, protegga e compia i diritti di chi cerca di abortire, l’obiezione di coscienza nella fornitura di aborti può diventare indifendibile». Dunque, più aborto per tutti e per i motivi più disparati, bypassando, anche, incredibile ma vero, il parere e la coscienza di un medico, permettendo ad esempio il cosiddetto “aborto per posta”, ovvero con le pillole abortive semplicemente spedite senza un previo e accurato consulto, con le conseguenze sulla salute fisica e psichica delle donne che ben sappiamo.

Siamo dunque davanti all’imposizione di una spietata mentalità abortista ai danni delle donne e dei bambini. Naturalmente gli “esperti” che consigliano tali provvedimenti sono tutti di parte: Planned Parenthood Federation; Marie Stopes International, praticamente il corrispettivo di Planned Parenthood in Inghilterra; Christina Zampas, ovvero responsabile per l’Onu della multinazionale abortista Center for Reproductive Rights di Ginevra.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/04/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Società

Aiutare la donna contro l’aborto

Esiste una battaglia interna alla galassia dei gruppi antiabortisti: l’aborto si sconfigge abrogando le leggi che lo permettono oppure no? Certamente ogni legge fa cultura, ma se Ippocrate giurò di non praticare aborti lo si deve al fatto che se ne sono sempre praticati, coi metodi più fantasiosi (e pericolosi). Forse una sana Realpolitik chiede di cominciare a far osservare integralmente la legge.

Leggi tutto

Società

LA VESTE DEI FANTASMI DEL PASSATO CADENDO HA LASCIATO IL QUADRO IMMACOLATO?

Dobbiamo essere il sale del mondo, che sulle ferite brucia, non lo zucchero filato, non dei pappamolli per paura di ritorsioni. Mi spaventa terribilmente vedere che la raccolta firme di Cappato viaggi verso il milione di aderenti e quella sul reddito di maternità abbia superato di poco le 50.000 unità. Inutile negare che ci hanno stracciato alla grande. Morte batte vita venti a zero per ora, palla al centro.

Leggi tutto

Società

Stati USA fanno causa a Biden contro l’aborto

Sono almeno 20 gli Stati degli Usa che stanno lavorando per denunciare alla Corte Suprema e bloccare nel proprio territorio gli effetti della nuova regolamentazione approvata dall’amministrazione Biden che obbliga i contribuenti americani a sovvenzionare l’uccisione di bambini con l’aborti.

Leggi tutto

Storie

USA. Il dramma del traffico di parti di bambini abortiti

Alcuni attivisti pro-life hanno scoperto un laboratorio del Dipartimento di Pediatria dell’Università di Washington: un congelatore pieno di file e file di parti del corpo di bambini abortiti.

Leggi tutto

Società

«Ciao, mi chiamo Deborah e vendo aborti fatti a pezzi»

Avete mai mangiato un’insalata con una delle più grandi abortiste al mondo, che con l’occasione vi rivela i trucchi per non spappolare i fegatini d’uomo? Si chiama Deborah Nucatola e ricopre uno dei massimi vertici di Planned Parenthood

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano