Storie

di Tommaso Ciccotti

Difendere famiglia e matrimonio si può

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Con verdetto unanime di 28 pagine l’ex ministro finlandese Päivi Räsänen, e il vescovo luterano Juhana Pohjola sono state prosciolte da ogni accusa, mentre lo Stato è stato condannato a pagare circa 60 mila dollari di spese processuali.

L’ex ministro, medico e madre di cinque figli, era stata messa sotto indagine per aver pubblicato dei tweet in cui citava la Bibbia e la posizione sull’omosessualità in opposizione alla decisione della sua Chiesa che aveva deciso di sponsorizzare il gay pride. Il vescovo Pohjola era finita sotto accusa per aver voluto pubblicare un pamphlet di Räsänen, anche questo incentrato sul concetto di famiglia tradizionale e che pure era stato oggetto di indagine.

La sentenza ha sottolineato che “non spetta al tribunale distrettuale interpretare i concetti biblici”, e che Räsänen aveva cercato di “difendere il concetto di famiglia e matrimonio tra un uomo e una donna”. Se alcune persone hanno ritenuto offensive le dichiarazioni, ha affermato, “deve esserci una ragione sociale prevalente per interferire e limitare la libertà di espressione”.

Päivi Räsänen ha affrontato quattro indagini di polizia a causa della sua posizione sulle relazioni omosessuali.

La prima indagine è iniziata a causa di un tweet che ha pubblicato nel giugno 2019. Nel tweet, Räsänen ha messo in dubbio la sponsorizzazione ufficiale della Chiesa evangelica luterana di Finlandia all’evento LGBT “Pride 2019”. Räsänen ha allegato al tweet l’immagine del brano biblico Romani 1:24-27.

Il passaggio recita: “Perciò Dio li ha abbandonati nei desideri peccaminosi dei loro cuori all’impurità sessuale per il degrado reciproco dei loro corpi. Hanno scambiato la verità su Dio con una menzogna, hanno adorato e servito le cose create piuttosto che il Creatore — che è sempre lodato.

Dopo il tweet, Räsänen è stata sottoposta a un interrogatorio della polizia nel novembre 2019.

La seconda indagine riguardava un opuscolo sulla sessualità umana per una fondazione cristiana. L’opuscolo è stato pubblicato più di 16 anni fa. La polizia aveva già deciso di sospendere le indagini sull’opuscolo di Räsänen e aveva concluso che non vi erano motivi per procedere con un’azione penale. Tuttavia, il procuratore generale ha riaperto l’indagine penale dopo la pubblicazione del tweet e il 2 marzo 2020 Räsänen è stata interrogata dalla polizia.

Räsänen è membro del parlamento finlandese dal 1995, ed è stata presidente della Democrazia cristiana dal 2004 al 2015. È stata ministro dell’Interno dal 2011 al 2015, carica che include la responsabilità per gli affari della Chiesa in Finlandia.

Successivamente sono state aperte due ulteriori indagini su Räsänen sulle interviste che ha concesso a un programma televisivo e a una stazione radiofonica.

Il programma televisivo è stato trasmesso nel 2018. Räsänen ha discusso con la conduttrice anche delle sue convinzioni personali.

L’intervista radiofonica si è svolta nel 2019. Lo spettacolo riguardava “Cosa penserebbe Gesù degli omosessuali?” e Räsänen è intervenuta, condividendo le sue opinioni. Il caso, che ha suscitato interesse in tutto il mondo, è stato gestito dal gruppo legale cristiano ADF International

Il gruppo legale cristiano ADF International ha affermato che l’accusa ha affermato nella sua dichiarazione conclusiva che la parola “peccato” può essere dannosa.

“L’apostolo Paolo non è sotto processo qui, ma Räsänen lo è”, ha affermato l’accusa.

La difesa di Räsänen ha sostenuto che un verdetto di colpevolezza danneggerebbe la libertà di parola in Finlandia. Hanno suggerito che quel processo fosse diventato un dibattito teologico sulla domanda “che cos’è il peccato?”, che secondo loro era un argomento inappropriato per un tribunale.

La difesa ha citato il caso Handyside v Regno Unito del 1976 della Corte europea dei diritti dell’uomo, in cui si affermava che la libertà di espressione si estendeva alle idee che “offendono, scioccano o disturbano lo stato o qualsiasi settore della popolazione”.

Paul Coleman, direttore esecutivo di ADF International, presente il primo giorno del processo il 24 gennaio, ha commentato: “Caratterizzerei la giornata come un’Inquisizione moderna o un processo per eresia e l’eresia era che Päivi e il vescovo Juhana fossero sotto processo contro la nuova ortodossia sessuale del giorno”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/04/2022
0510/2022
Ss. Placido e Mauro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Acqua, olio, pane, vino

La “pastorale” di Gesù è una continua scoperta per chi ritorna sempre con la vita al vangelo. Gesù non parla continuamente di vizi capitali da estirpare in un perfezionismo formale. Ma tende a far scoprire ad ogni persona di essere compresa, amata, perdonata. Di poter respirare libertà a pieni polmoni

Leggi tutto

Chiesa

Le vere parole di Gesù.

Nel cammino della storia, nella Chiesa, lo Spirito ci conduce tendenzialmente sempre più all’essenziale del discernere concreto, divino e umano, del Gesù dei vangeli. Un percorso dunque dove ciò che non è strettamente essenziale può venire lasciato ad una libera interpretazione che dunque non impegna la fede comune.

Leggi tutto

Politica

No all’ideologia, sì alla vita. Il PdF e la cultura della socialità.

Maria Marilu Salvati, laureata in sociologia, militante del Pdf Piemonte, esponente del PdF Giovani di Torino, lancia un appello

Leggi tutto

Politica

La discriminazione del ddl Zan è realtà

L’ira di cattolici e associazioni Pro vita: “La scure della censura sui nostri valori”. A pochi giorni dal voto al Senato che ha affossato il ddl Zan, passa in Aula al Senato una norma che contiene l’espressione «identità di genere».

Leggi tutto

Chiesa

Una intepretazione del katechon

Nella seconda lettera ai Tessalonicesi san Paolo offre spunti per leggere in profondità i problemi di un’epoca.

Leggi tutto

Politica

Eutanasia, via libera al testo in commissione

Il centrodestra vota contro, ok da M5S, Pd, Leu, Iv e Più Europa. Perantoni e Lorefice, presidenti di Giustizia e Affari Sociali: “Responsabilità di tutti i gruppi rispondere ai malati e alle loro famiglie”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano