Storie

di Roberto Signori

Pakistan: insegnante accusata “in sogno” di blasfemia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Tre insegnanti di una madrassa hanno ucciso la loro collega Safoora Bibi, 21 anni, a Dera Ismail Khan, una città della provincia di Khyber Pakhtunkhwa in Pakistan. Secondo la ricostruzione, l’orrendo delitto è avvenuto in strada alla mattina mentre la donna si stava recando alla Jamia Islamia Falahul Binaat, nel quartiere di Anjumabad.

Secondo quanto riportato dalla polizia le tre donne accusate hanno spiegato il delitto dicendo che una loro parente tredicenne il giorno prima avrebbe visto in sogno il Profeta accusare la vittima di aver commesso blasfemia e sempre il Profeta avrebbe ordinato loro di massacrarla. La polizia ha arrestato Umra Aman, Razia Hanfi e Aisha Nomani; anche la parente tredicenne è stata fermata. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti la donna uccisa era una seguace del noto telepredicatore islamico pachistano Tariq Jamil e questo fatto era guardato con sospetto dalle colleghe.

Le donne arrestate per l’omicidio appartengono alla tribù Mehsud del distretto del Sud Waziristan e risiedevano attualmente nella zona di Anjumabad.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/04/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Essere madre oggi

Essere madre non è né un desiderio (o almeno non solo) e – tantomeno - un dovere: è un dono che sta inscritto nel dna della natura della donna. L’uomo per sua natura non può avere una gravidanza nemmeno se lo desiderasse come la cosa più importante al mondo. Prova ne è che nell’atto sessuale l’apporto dell’uomo è tecnicamente genetico: niente di più. E io tra l’apporto genetico e quello relazionale do più importanza al secondo. Del resto, in un certo senso il maschio è sempre escluso dalla nascita di un figlio. Se è il marito, gli viene automaticamente attribuita la paternità, ma a meno che non ricorra all’esame del Dna, non può averne alcuna certezza. Le coppie di maschi omosessuali potrebbero adottare uno o più bambini, oppure crescere il figlio o i figli che uno dei partner potrebbe aver avuto da un precedente legame con una donna. E questo è naturale? Questo tiene conto di tutti i fattori in gioco, del bene di tutti i fattori in gioco (a partire dal bambino, cioè da colui che non può pretendere perché senza voce)? È una falsa parità quella che si vuole stabilire tra uomini e donne quando si affronta la nascita di un figlio. Così come è un alibi e una menzogna quello di sostenere che “l’egoismo vero non è tanto interrompere una gravidanza ma mettere al mondo dei bambini senza avere la possibilità di poterlo fare per questioni economiche”.

Leggi tutto

Società

Le femministe militanti vere complici dello sfruttamento delle donne

Dall’encomio dei rapporti anali all’apologia dell’aborto che “non praticano solo le donne”, una rassegna di cortocirtuiti del femminismo odierno.

Leggi tutto

Politica

Inviato speciale per garantire la tutela della libertà religiosa

“Un passo particolarmente importante per confermare che il diritto di professare liberamente la fede religiosa - riconosciuto dall’articolo 19 della Costituzione italiana - non è valido solo a livello nazionale ma deve essere promosso in ogni sede internazionale, quale diritto fondamentale e inviolabile di ciascuno

Leggi tutto

Politica

Pechino: attività religiose online vietate

Pubblicate le nuove misure che entreranno in vigore il primo marzo 2022. Le regole valgono per messe, sermoni, formazione e tutti i servizi d’informazione religiosa. È il controllo “democratico” sulle religioni voluto da Xi.

Leggi tutto

Chiesa

Malawi - I Vescovi contro il cancro della corruzione che dilaga nel Paese

Leggi tutto

Società

Femministe: togliete i manifesti contro l’aborto

Per le femministe il «diritto» ad abortire è sacro, mentre quello di dichiararsi contro questa pratica va soppresso e chi non è d’accordo va silenziato: succede infatti che a Roma l’associazione Libera di abortire (sic) ha chiesto all’amministrazione di sbarazzarsi dei manifesti di Pro Vita e Famiglia affissi in occasione dell’8 marzo, Festa della donna. E il comune ha obbedito.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano