Chiesa

di Giampaolo Centofanti

La Curia Romana e la scuola

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È stata recentemente promulgata la Costituzione apostolica “Praedicate evangelium”.

La strutturazione essenziale della Curia Romana può suscitare molte domande e riflessioni. Quanto si dia davvero spazio alla comunione, alla partecipazione, in vario modo anche del popolo. Rimuovendo per esempio formalismi di apparato come le cosiddette competenze che tali sono in modo molto distorto quando non inserite in una più libera e profonda crescita di tutti e di ciascuno.

Anche la prevalenza di questa o quella congregazione fornisce indicazioni. Qui evidenzio come l’intellettualismo diffuso anche nella Chiesa tende a scindere l’evangelizzazione dalla formazione scolastica. La cultura viene considerata come consistente di fatto in un mero ragionare e meno in un maturare complessivo alla luce di una visione della vita e nel solo allora, in momenti distinti, più autentico scambio. In tale contesto l’efficacia missionaria della scuola tende a scemare.

La cultura si tecnicizza, si formalizza in materie frammentate, incanalate, prive di vita e la fede diviene disincarnata. Si finisce per venire di fatto plasmati da un vuoto intellettualismo che sradica la fede da generazioni di persone.

È da poco uscita un’istruzione della Congregazione per l’Educazione Cattolica sulla scuola che, almeno ad una prima lettura, sembra recepire in positivo le notazioni qui riportate. Ma il recente documento sulla Curia già nella sua organizzazione di fondo può apparire affidi alla scuola un compito meno fontale, proprio nella direzione razionalista sopra indicata. Anche l’attenzione all’incontro tra le fedi e le culture su queste scie rischia di appannarsi e di omologare in un distorcente tecnicismo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/04/2022
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

A 25 anni dal primo duro anatema alla mafia

Oggi la Chiesa agrigentina fa memoria del giubileo dalla visita di San Giovanni Paolo II. Arrivò e rimase nella Valle dei Templi l’8 e il 9 maggio 1993. Tutti ricordano monsignor Marini che tradisce una tensione stellare, alle spalle del roccioso pontefice slavo: oggi tutti i vescovi siciliani si ritroveranno alle 18:00 per una celebrazione eucaristica al Tempio della Concordia.

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Chiesa

Il miracolo di ogni vocazione

A volte si sente dire che il matrimonio ha una base naturale sulla quale si innesta la fede cristiana. Si può trattare talora di visioni variamente distorte e anche poco specificate. L’unione di coppia terrena può essere più facilmente soggetta alla precarietà dei rapporti umani. Certo si spera che nessuna legge sia mai a danno, per esempio, dei bambini.

Leggi tutto

Media

L’ennesimo segnale

Molti media mainstream hanno riportato solo i risultati elettorali dei più votati, ormai sempre più consociati nel parlamento uniformato, semplicemente cancellando gli altri.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “Non si volti la testa di fronte ai deboli”

Il Papa, nella Messa per la V Giornata mondiale dei poveri, celebrata nella Basilica di San Pietro, chiama i cristiani ad essere convertitori di bene

Leggi tutto

Chiesa

Corea del Sud: il commiato del Cardinale Yeom

Alla vigilia del passaggio di consegne con il nuovo Arcivescovo di Seoul, Mons. Peter Chung (la sua cerimonia di insediamento è prevista l’8 dicembre), il Cardinale Yeom, che ha guidato l’Arcidiocesi dal maggio 2012, ha espresso sincera gratitudine a Dio e ai fedeli per il sostegno ricevuto. Ha ricordato “le meraviglie compiute dal Signore” nei suoi anni di servizio come Arcivescovo di Seoul e Amministratore Apostolico di Pyongyang.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano