Politica

di la redazione

Jesi - Marco Cercaci scende in campo per il Popolo della Famiglia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un terzo candidato si presenta alla corsa per le amministrative ad affiancare Matteo Marasca e Lorenzo Fiordelmondo. La proposta arriva da Italexit e Il Popolo della famiglia che propongono Marco Cercaci come nuovo candidato sindaco.

Una coalizione che si presenta come “un’occasione di rottura dal sistema egemone che mette il mercato e il profitto al primo posto e ha portato negli anni al saccheggio dei diritti primari. Tutti i partiti, per quanto indossino magliette differenti fanno parte di questo sistema, per questo abbiamo deciso di presentare un progetto di rottura che presenti un’alternativa a tutto questo”. Queste le parole di Massimo Gianangeli che hanno aperto la conferenza stampa di sabato 2 aprile.

La coalizione con Il Popolo della famiglia (movimento di ispirazione cristiana), spiega, nasce dalla condivisione di alcuni punti molto importanti come la lotta al Greenpass e alle restrizioni, insieme all’attenzione per il sociale, tematiche ritenute da entrambi estremamente importanti.

È l’avvocato, regista e musicista Marco Cercaci il candidato sindaco che propongono. Ho deciso di prendere questo impegno per due motivi, afferma. “Il primo è la stima che nutro verso il senatore Gianluigi Paragone (fondatore di Italexit), persona che ho conosciuto e che mi ha trasmesso sensazioni molto positive. Il secondo motivo è che sono amante della mia città. Abbiamo idee molto precise che presenteremo a breve nel programma insieme ai componenti della lista”. Il finanziamento della loro campagna elettorale aggiunge, deriva dall’autotassazione di coloro che credono nel progetto e ne fanno parte. “È un metodo che ci permette di realizzare il minimo che serve, non abbiamo bisogno di grandi eventi”.

Ribadita la stima che nutre verso gli altri due candidati, si definisce un loro antagonista in quanto parte di un’altra compagine che vuole fare la differenza con i governi che hanno governato la città finora e hanno portato Jesi a perdere la sua importanza e centralità nel territorio, “posizione che merita di rioccupare”. La squadra che lo affiancherà sarà “composta da persone competenti” che metteranno l’ascolto del cittadino al primo posto. Si presenta come consapevole della presenza dei numerosi problemi che riguardano i commercianti, l’ospedale Carlo Urbani, insieme a tutto il settore sanitario e sociale. Al centro del progetto anche turismo e cultura, tema quest’ultimo al centro della sua precedente attività politica, quando dal 2000 al 2002 aveva occupato il ruolo di Assessore alla cultura nella giunta di Centrosinistra guidata da Marco Polita.

Guardando all’operato della Giunta uscente dichiara: “Non vorrei fare dichiarazioni o parlare di errori degli altri. Quello che ho percepito come cittadino è la scarsa attenzione alla voce della città. Vedo opere pubbliche che apprezzo e riconosco ma ritengo sia mancata un’attenzione alle vere esigenze della vita delle persone. È stato questo il limite più grande

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/04/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

GRILLO E AVVENIRE, ADINOLFI (PDF): M5S È OPPOSTO ALLA CHIESA

Ma cosa hanno in comune la Chiesa ed il Movimento Cinque Stelle. Divergenze di opinioni in corso.

Leggi tutto

Politica

E la ripresa valoriale?

Niente per le famiglie numerose, nessuna politica per la natalità, nessun sostegno all’impresa di famiglia, nessuna politica per i giovani che vogliono metter su famiglia, niente sulla libertà scolastica e sulla possibilità di far scegliere ai papà e alle mamme la scuola dove mandare i propri figli: il “contratto di governo” di Lega e Movimento 5 Stelle si annuncia come uno scriteriato prospetto per varare (in deficit) il reddito di cittadinanza e la flat tax.

Leggi tutto

Politica

Zingaretti, il Pd e l’utero in affitto

“Fecondazione medicalmente assistita e gestazione per altri: la possibilità di un figlio nel 2019” è il titolo del convegno che si terrà a Roma il 19 giugno prossimo nella sede nazionale della CGIL. Ben due proposte di regolamentazione dell’utero in affitto saranno presentate dall’ufficio “Nuovi Diritti” del sindacato, “Certi diritti”, “Famiglie Arcobaleno” e “Articolo 29”. Zingaretti ambiguo.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

Politica

Ragionando ancora un po’sull’astensionismo

Ancora una volta il vero vincitore di queste elezioni è il partito astensionista. I motivi per cui metà o più degli italiani non vada a votare possono essere i più vari. Ma uno credo sia comune a tutti loro: la convinzione che comunque non cambierà nulla

Leggi tutto

Politica

Bruxelles via libera al regime italiano da 4,5 miliardi

La Commissione europea ha approvato un regime italiano da 4,5 miliardi di euro per sostenere le imprese e l’economia nel contesto della pandemia di coronavirus. Il regime è stato approvato nell’ambito del quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano