Politica

di la redazione

Jesi - Marco Cercaci scende in campo per il Popolo della Famiglia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un terzo candidato si presenta alla corsa per le amministrative ad affiancare Matteo Marasca e Lorenzo Fiordelmondo. La proposta arriva da Italexit e Il Popolo della famiglia che propongono Marco Cercaci come nuovo candidato sindaco.

Una coalizione che si presenta come “un’occasione di rottura dal sistema egemone che mette il mercato e il profitto al primo posto e ha portato negli anni al saccheggio dei diritti primari. Tutti i partiti, per quanto indossino magliette differenti fanno parte di questo sistema, per questo abbiamo deciso di presentare un progetto di rottura che presenti un’alternativa a tutto questo”. Queste le parole di Massimo Gianangeli che hanno aperto la conferenza stampa di sabato 2 aprile.

La coalizione con Il Popolo della famiglia (movimento di ispirazione cristiana), spiega, nasce dalla condivisione di alcuni punti molto importanti come la lotta al Greenpass e alle restrizioni, insieme all’attenzione per il sociale, tematiche ritenute da entrambi estremamente importanti.

È l’avvocato, regista e musicista Marco Cercaci il candidato sindaco che propongono. Ho deciso di prendere questo impegno per due motivi, afferma. “Il primo è la stima che nutro verso il senatore Gianluigi Paragone (fondatore di Italexit), persona che ho conosciuto e che mi ha trasmesso sensazioni molto positive. Il secondo motivo è che sono amante della mia città. Abbiamo idee molto precise che presenteremo a breve nel programma insieme ai componenti della lista”. Il finanziamento della loro campagna elettorale aggiunge, deriva dall’autotassazione di coloro che credono nel progetto e ne fanno parte. “È un metodo che ci permette di realizzare il minimo che serve, non abbiamo bisogno di grandi eventi”.

Ribadita la stima che nutre verso gli altri due candidati, si definisce un loro antagonista in quanto parte di un’altra compagine che vuole fare la differenza con i governi che hanno governato la città finora e hanno portato Jesi a perdere la sua importanza e centralità nel territorio, “posizione che merita di rioccupare”. La squadra che lo affiancherà sarà “composta da persone competenti” che metteranno l’ascolto del cittadino al primo posto. Si presenta come consapevole della presenza dei numerosi problemi che riguardano i commercianti, l’ospedale Carlo Urbani, insieme a tutto il settore sanitario e sociale. Al centro del progetto anche turismo e cultura, tema quest’ultimo al centro della sua precedente attività politica, quando dal 2000 al 2002 aveva occupato il ruolo di Assessore alla cultura nella giunta di Centrosinistra guidata da Marco Polita.

Guardando all’operato della Giunta uscente dichiara: “Non vorrei fare dichiarazioni o parlare di errori degli altri. Quello che ho percepito come cittadino è la scarsa attenzione alla voce della città. Vedo opere pubbliche che apprezzo e riconosco ma ritengo sia mancata un’attenzione alle vere esigenze della vita delle persone. È stato questo il limite più grande

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/04/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Per non finire dalla padella piddina nella brace grillina

Renzi perde contro tutti, ma ha comunque accumulato un credito personale enormemente più grande di quello di qualunque oppositore singolo. Resta la fluttuante variabile dei cattolici italiani

Leggi tutto

Politica

Caso Riso, Cirinnà in modalità Goebbels

Un regista omosessuale picchiato, dicono “da omofobi”. La manganellata gli è arrivata però dall’autrice delle unioni civili.

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

Politica

Un voto per la famiglia in Emilia Romagna

Anche Avvenire oggi (pagina 8) dà spazio alla chiusura della nostra campagna elettorale in Emilia e ricorda il posizionamento del Popolo della Famiglia che dice un grande sì al cambiamento e un no all’eugenetica nazista del Nipt gratuito inaugurato a Bologna il 15 gennaio per eliminare tutti i nascituri Down, visto che il Nipt gratuito è lo strumento con cui Danimarca e Islanda hanno praticato lo sterminio dei bambini con trisomia 21. Poiché Bonaccini ha detto che se vincerà estenderà il Nipt gratuito (costo fino a 1.200 euro a test, oltre cento milioni di euro in una legislatura) a tutta l’Emilia Romagna, noi vi chiediamo di votare il simbolo del PdF domenica per dare quei soldi alle famiglie con disabili e alla lotta alla denatalità. Uccidere i “diversi” è il peggiore dei crimini, scegli la vita, vota PdF.

Leggi tutto

Politica

Tutta la verità sul reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza continua ad essere punto di controversia tra i partiti al Governo ma anche tra i cittadini. Da un’analisi realizzata dall’Ufficio studi della Cgia, l’Associazione artigiani e piccole imprese, è emerso che ogni posto di lavoro “prodotto” con tale misura è costato allo Stato almeno 52mila euro. Oltre il doppio di quanto spende annualmente un imprenditore privato per un operaio a tempo indeterminato full time.

Leggi tutto

Politica

L’UNICA STRADA

L’unica strada per uscire dalla crisi italiana è la rilegittimazione della politica e la riconsegna dei tecnici al ruolo di tecnici. Ma per far questo i politici devono tornare ad essere del livello di questi tredici uomini la cui impressionante biografia dovreste studiare.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano