Chiesa

di Nathan Algren

Fisichella ed il Giubileo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Un cammino ricco di contenuti che tutte le Chiese sparse nel mondo possono fare insieme”. Questa la priorità per il Giubileo del 2025 secondo l’arcivescovo Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, il Dicastero vaticano incaricato dal Papa di organizzare l’evento. “La direttiva - afferma in un’intervista a Telepace - è quella di evitare che l’evento venga vissuto come qualcosa che accade a scadenza di ogni 25 anni”.

Proprio ieri si è svolta la prima riunione della commissione pastorale alla presenza di rappresentanti dei Dicasteri della Curia Romana, della Conferenza Episcopale Italiana e di tante altre realtà ecclesiali. “Assieme – spiega - inizieremo a vedere come dare corpo al Giubileo da un punto di vista non soltanto spirituale, ma anche di quello che potrà essere la composizione e le tematiche degli eventi, secondo le indicazioni contenute nella lettera che Papa Francesco mi ha indirizzato nei mesi scorsi”.

Nei prossimi giorni è in calendario l’incontro della commissione cultura che ha l’obiettivo di comprendere in quale modo coniugare l’esperienza spirituale con quella culturale. “Vorremmo che anche per questo Giubileo la città di Roma possa essere in grado di offrire tutta la ricchezza storica, artistica, musicale e architettonica che possiede”. Un orizzonte derivante dalle precedenti esperienze giubilari che hanno messo in evidenza uno stretto legame tra la dimensione del pellegrinaggio e del turismo. “Nella storia dei pellegrinaggi le persone hanno sempre dimostrato la curiosità di conoscere e di capire la cultura locale, tornando a casa con una ricchezza incredibile”.

Una indicazione preziosa per la macchina organizzativa della Santa Sede che ha ormai preso forma. “La struttura – spiega Fisichella – comprende anche un comitato tecnico, una commissione ecumenica e una commissione per la comunicazione. Quest’ultima si riunirà a breve”. Anche l’alleanza coi media è di fondamentale importanza, sottolinea il presule. “Sul tavolo c’è la necessità di chiarire non solo come trasmettere gli appuntamenti, ma soprattutto quali sono le forme più attuali per il coinvolgimento dei pellegrini”.

Infine, monsignor Fisichella annuncia che il logo del Giubileo si conoscerà grosso modo a fine maggio. Il 20 maggio, infatti, è il giorno di scadenza concorso internazionale lanciato recentemente proprio per raccogliere i vari progetti. E pare ne stiano giungendo numerosi da diverse parti del mondo. “I primi sono arrivati dall’Africa, segno del vivo interesse da parte del continente”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/04/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Il codice Ratzinger

Il libro inchiesta del giornalista Andrea Cionci (Il codice Ratzinger, Byoblu, 2022), pone seri dubbi sulla autenticità delle dimissioni da papa di Joseph Ratiznger e, conseguentemente, sulla legittimità dell’elezione di Josè Mario Bergoglio.

Leggi tutto

Chiesa

Circostanze spirituali della salita in cielo di Benedetto XVI

Non ci si può impossessare dei possibili segni spirituali ma, come Maria, li si può custodire, lasciandoli condiscendere nel cuore.

Leggi tutto

Storie

Papa: Dio soffre per le guerre

Nell’omelia dei Vespri della Conversione di San Paolo, celebrazione che chiude la Settimana di preghiera per l’unità dei Cristiani, Francesco ricorda che il Signore soffre per “il fraintendimento indifferente” e la “violenza sacrilega” dei cristiani, e invita tutti a cambiare e a crescere “nel lavorare insieme verso quella piena unità che Cristo desidera”

Leggi tutto

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ringrazia per don Milani

Il vero motivo del viaggio a Barbiana, dalle parole stesse del Pontefice, è quello di dare finalmente una risposta alla richiesta di don Milani al suo vescovo, cui chiedeva «un qualsiasi atto solenne», perché altrimenti il suo apostolato sarebbe «apparso come un fatto privato». Sì, concede il Papa, dal Cardinale Silvano Piovanelli in poi, gli arcivescovi di Firenze hanno dato riconoscimento a don Lorenzo ma, ieri, lui lo ha fatto come vescovo di Roma e, questo, «non cancella le amarezze che hanno accompagnato la vita di don Milani – non si tratta di cancellare la storia o di negarla, bensì di comprenderne circostanze e umanità in gioco –, ma dice che la Chiesa riconosce in quella vita un modo esemplare di servire il Vangelo, i poveri e la Chiesa stessa».

Leggi tutto

Chiesa

Messaggio di Papa Francesco ai partecipanti al 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale

La Madre di Gesù fa nascere il mondo della fraternità dove c’è posto per ogni scartato,Maria “è la Madre di tutti, indipendentemente dall’etnia o dalla nazionalità. Con queste parole Papa Francesco si rivolge ai partecipanti del 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale che fino all’11 settembre vedrà confrontarsi circa 300 rappresentanti delle società mariologiche e studiosi provenienti da tutto il mondo sul tema “Maria tra teologie e culture oggi. Modelli, comunicazioni, prospettive”. Organizzato dalla Pontificia Academia Mariana Internationalis e presieduto a nome del Papa dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della Cultura

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano