Politica

di Nathan Algren

Pakistan: situazione politica nel caos

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Si registra una situazione politica molto imbarazzante nel Paese. Mi dispiace molto dire che la politica di questi giorni è un tipo di politica egoista: tutti i leader politici, compresi i loro partiti, si concentrano solo sul bene per se stessi e per i loro partiti politici, non per il bene del pubblico del paese. Il Pakistan in questo momento è in una grave crisi: per soldi i membri dei partiti politici vendono la loro lealtà, per loro il denaro conta di più, i personaggi cambiano la loro affiliazione politica scegliendo il partito dove ottengono maggiori benefici personali”: è il commento di padre Mario Rodrigues, sacerdote dell’Arcidiocesi di Karachi dopo che il governo del Primo Ministro Imran Khan ha sciolto l’Assemblea il 3 aprile 2022.

Padre Mario Rodrigues afferma: “I politici hanno il compito di lavorare per la costruzione della società, non solo quello di costruire strade, devono lavorare per elevare i poveri. Il Pakistan è in una brutta situazione economica, la svalutazione della moneta corre, i prezzi dei beni di prima necessità sono in aumento, la gente fatica a sopravvivere”.

La crisi politica è partita da una “mozione di sfiducia” contro Imran Khan, presentata dai partiti politici dell’opposizione il 7 marzo 2022. Un voto sull amozione era prevista per domenica 3 aprile 2022. Quel giorno il Presidente del Consiglio non si è presentato in Parlamento. Un ministro federale ha sollevato un’obiezione alla “mozione di sfiducia” e ha affermato che era contraria all’articolo 5 della Costituzione del Pakistan che afferma “lealtà allo stato e obbedienza alla Costituzione”. Dopo aver ascoltato il Ministro federale, il vicepresidente del Parlamento ha respinto la mozione senza chiedere il parere dell’opposizione. Il Primo Ministro si è rivolto alla nazione dicendo che avrebbe chiesto al Presidente di sciogliere l’Assemblea Nazionale e il Presidente, immediatamente dopo ha sciolto l’Assemblea Nazionale e convocando le elezioni tra 90 giorni. Con una azione di protesta, i partiti di opposizione, con un raduno di 195 deputati, hanno indetto una propria sessione all’Assemblea nazionale, scegliendo un proprio Presidente. Il Presidente della Corte Suprema ha dunque preso atto dell’accaduto e ha indetto una udienza “Suo Moto” per regolarizzare la situazione istituzionale.

Padre Bonnie Mendes, uno dei sacerdoti più anziani del Paese è molto chiaro: “La situazione politica in Pakistan è molto triste. La Costituzione non viene seguita. C’è caos politico. In nessuna società ci si comporta così e disobbedisce alla legge. La gente è molto delusa e per la mala gestione della situazione. La pretesa di Imran Khan di costruire un nuovo Pakistan è finita nel fallimento”.

Tabassum Yousaf, avvocato cristiano, responsabile della Comunità di Sant’Egidio nell’Arcidiocesi di Karachi sottolinea: “È una situazione molto incerta, l’intervento dell’Alta Corte non sappiamo dove condurrà il paese. I leader politici stanno offrendo un cattivo esempio, non operando secondo la legge e la Costituzione dello stato”.
.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/04/2022
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Nasce la rete CLC, un circolo “La Croce” in ogni parrocchia

Dal territorio emerge una necessità di informazione costante, rispondiamo con uno “sportello” sempre aperto chiesa per chiesa

Leggi tutto

Politica

Perchè entrare nel PDF è come aiutarne la diffusione

L’idea di incentrare la battaglia a partire dalla difesa della famiglia, prima struttura organizzativa e società naturale, è rivoluzionaria ma, al tempo stesso, è sempre stata considerata importantissima dalla dottrina cattolica, basti ricordare San Giovanni Paolo II per il quale la famiglia rappresenta il prisma da cui interpretare e articolare tutti gli interventi nella società umana.

Leggi tutto

Politica

Don Giussani e la politica

Ogni comunità cristiana, per il fatto di essere storicamente collocata in un determinato ambito civile – nel nostro caso, un Comune −, non può non avere uno sguardo sui bisogni e le urgenze più grandi che emergono in quel luogo. Per questo implicarsi con le prossime elezioni amministrative è una possibilità a portata di mano di tutti, nessuno può sentirsi escluso. Chi avrà accettato la sfida potrà giudicare se l’essersi implicato in questa circostanza, che non abbiamo deciso noi, gli è servito per verificare quello che dicevamo all’inizio, cioè se quello che abbiamo incontrato serve per affrontare tutto, perfino nel clima di sfiducia dal quale ci sentiamo circondati. Noi non possiamo essere definiti da questo clima, né possiamo lasciare che altri riempiano gli spazi di presenza che noi, per pigrizia, non riempiamo. Allora ciascuno nel proprio ambito potrà vedere se quello che ci diciamo è un fatto vivo – come è stato per quei nostri amici − o se è semplicemente un modo di dire che non c’entra con le urgenze della vita. Mi sembra che abbiamo davanti una bellissima opportunità per verificare tutti, ma proprio tutti, non solo coloro che s’impegnano direttamente in politica o che hanno deciso di candidarsi, se siamo veramente impegnati per realizzare quel ‘bene comune’ di cui parliamo sempre”.

Leggi tutto

Chiesa

Le più belle conversazioni del Papa con i gesuiti

Viene presentato questa sera a Villa Malta da Ferruccio De Bortoli e Piero Badaloni: Antonio Spadaro è il curatore e l’ideatore di due delle interviste che compongono l’ultimo “libro del Papa”. Caratteristica dominante della raccolta è che tutte le conversazioni si svolgono tra religiosi, in massima parte maschi, e che per la quasi totalità dei casi si tratta di gesuiti: si mette così in rilievo il carisma proprio della Compagnia di Gesù per la Chiesa di oggi

Leggi tutto

Chiesa

Il Colosseo ed il ricordo dei martiri dei nostri giorni

Aiuto alla Chiesa che Soffre chiede che l’Occidente si ricordi dei cristiani perseguitati. Per questo il 24 febbraio il Colosseo sarà illuminato di rosso. Ricordi anche ad Aleppo e a Mosul

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di padre Tiburcio Arnaiz Munoz

Tiburcio Arnaiz Muñoz nacque a Valladolid, in Spagna, l’11 agosto 1865. I suoi genitori, Ezequiel e Romualda, di professione tessitori, lo portarono al fonte battesimale della parrocchia di Sant’Andrea due giorni dopo la nascita, nel giorno in cui si ricorda appunto san Tiburzio. Ad appena cinque anni, rimase orfano di padre. Sua madre, allora, cercò in ogni modo di mantenere sia lui che l’altra figlia, Gregoria, che aveva sette anni in più. Anni dopo, lui raccontò che da piccolo, una notte, ebbe un incubo: sognò di cadere all’inferno. Impaurito, chiamò sua madre, ma lei non lo sentì. Sempre più terrorizzato, invocò la Madonna Addolorata, che gli apparve dicendo: «Non cadi all’inferno né mai vi cadrai» e lo coprì col suo manto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano