Politica

di Nathan Algren

Pakistan: situazione politica nel caos

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Si registra una situazione politica molto imbarazzante nel Paese. Mi dispiace molto dire che la politica di questi giorni è un tipo di politica egoista: tutti i leader politici, compresi i loro partiti, si concentrano solo sul bene per se stessi e per i loro partiti politici, non per il bene del pubblico del paese. Il Pakistan in questo momento è in una grave crisi: per soldi i membri dei partiti politici vendono la loro lealtà, per loro il denaro conta di più, i personaggi cambiano la loro affiliazione politica scegliendo il partito dove ottengono maggiori benefici personali”: è il commento di padre Mario Rodrigues, sacerdote dell’Arcidiocesi di Karachi dopo che il governo del Primo Ministro Imran Khan ha sciolto l’Assemblea il 3 aprile 2022.

Padre Mario Rodrigues afferma: “I politici hanno il compito di lavorare per la costruzione della società, non solo quello di costruire strade, devono lavorare per elevare i poveri. Il Pakistan è in una brutta situazione economica, la svalutazione della moneta corre, i prezzi dei beni di prima necessità sono in aumento, la gente fatica a sopravvivere”.

La crisi politica è partita da una “mozione di sfiducia” contro Imran Khan, presentata dai partiti politici dell’opposizione il 7 marzo 2022. Un voto sull amozione era prevista per domenica 3 aprile 2022. Quel giorno il Presidente del Consiglio non si è presentato in Parlamento. Un ministro federale ha sollevato un’obiezione alla “mozione di sfiducia” e ha affermato che era contraria all’articolo 5 della Costituzione del Pakistan che afferma “lealtà allo stato e obbedienza alla Costituzione”. Dopo aver ascoltato il Ministro federale, il vicepresidente del Parlamento ha respinto la mozione senza chiedere il parere dell’opposizione. Il Primo Ministro si è rivolto alla nazione dicendo che avrebbe chiesto al Presidente di sciogliere l’Assemblea Nazionale e il Presidente, immediatamente dopo ha sciolto l’Assemblea Nazionale e convocando le elezioni tra 90 giorni. Con una azione di protesta, i partiti di opposizione, con un raduno di 195 deputati, hanno indetto una propria sessione all’Assemblea nazionale, scegliendo un proprio Presidente. Il Presidente della Corte Suprema ha dunque preso atto dell’accaduto e ha indetto una udienza “Suo Moto” per regolarizzare la situazione istituzionale.

Padre Bonnie Mendes, uno dei sacerdoti più anziani del Paese è molto chiaro: “La situazione politica in Pakistan è molto triste. La Costituzione non viene seguita. C’è caos politico. In nessuna società ci si comporta così e disobbedisce alla legge. La gente è molto delusa e per la mala gestione della situazione. La pretesa di Imran Khan di costruire un nuovo Pakistan è finita nel fallimento”.

Tabassum Yousaf, avvocato cristiano, responsabile della Comunità di Sant’Egidio nell’Arcidiocesi di Karachi sottolinea: “È una situazione molto incerta, l’intervento dell’Alta Corte non sappiamo dove condurrà il paese. I leader politici stanno offrendo un cattivo esempio, non operando secondo la legge e la Costituzione dello stato”.
.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/04/2022
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ha parlato il Papa, la causa è finita: la “letizia dell’amore” spinge ad aprirsi alla Grazia

Sull’esortazione apostolica postsinodale “Amoris lætitia”, pubblicata ieri, i giornali si sono spartiti la preda dei clic, dei like e degli share, al grido di “Il Papa apre a…”. Salvo poi dover ribadire già in catenaccio (e ancora di più nei testi degli articoli) che l’auspicata agendina radical chic non è stata copiata nell’agenda della Chiesa. Francesco ha però rinnovato lo slancio a giocare appieno il potere che il Vangelo ha di incendiare i cuori e disporli alle sue esigenze

Leggi tutto

Storie

Le donne africane non hanno bisogno di aborto

Una giovane nigeriana crea un’organizzazione prolife per opporsi alla “Bill & Melinda Gates Foundation” nei suoi intenti “filantropici” (ossia di controllo delle nascite – dei poveri del mondo). Lo scopo di Culture of Life Africa è dissuadere i “filantropi” dai loro propositi. La lettera di Obianuju a Melinda Gates è un testo di magistero della vita e di resistenza al pensiero unico.

Leggi tutto

Società

INDIPENDENZA NON E’ AUTODETERMINAZIONE

La Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti è fondamentale per tre regioni: cita esplicitamente “Dio” e non in termini rituali, richiama con chiarezza la “Legge di Natura” ed è dunque un Carta giusnaturalista, infine indica come primo diritto quello alla Vita, cui consegue il diritto alla Libertà (e sì, come dicevamo, quello molto american-mucciniano alla “ricerca della felicità”). Queste premesse fanno sì che ancora oggi, duecentoquarantuno anni dopo quel 4 luglio 1776, le banconote dei dollari americani contengano un esplicito riferimento alla fede (“In God we trust”) e qualsiasi presidente americano, di qualsiasi colore politico, non possa concludere un suo discorso pubblico senza invocare la benedizione divina sul proprio paese: God bless America.

Leggi tutto

Politica

Quanto ai lobbisti della borsa valori

Mentre Giorgia Meloni giustamente s’intesta le vittorie di Sicilia e
di Ostia, da alcuni improbabili pulpiti si alzano fumose rivendicazioni

Leggi tutto

Politica

Perchè il PDF serve ancora di più

Il centrodestra ha convenuto che sarà il M5S a esprimere il presidente della Camera (Roberto Fico), mentre toccherà a Forza Italia la seconda carica dello Stato (candidata probabile Anna maria Bernini). Giorgia Meloni è ridotta al ruolo di comparsa dopo aver accarezzato il sogno di diventare presidente della Camera nel solco di Fini. Si apre una stagione in cui per i cattolici ci sarà spazio solo nel segno di un’autonomia politica valoriale.

Leggi tutto

Chiesa

Benedetta Bianchi Porro verso la beatificazione

Ricevendo il cardinal Becciu, quindi, il Papa ha autorizzato per primo il Decreto sulle virtù eroiche e sulla conferma del culto da tempo immemorabile, ottenendo quindi la beatificazione equipollente, di Michał Gjedrojć, noto anche come Mykolas Giedraitis. Nato a Giedrojcie, oggi in Lituania, intorno al 1420, fu di salute gracile fin dall’infanzia. Dato che i genitori quasi lo trascuravano, passava il suo tempo in solitudine. Questo lo condusse a domandare di entrare tra i Canonici Regolari della Penitenza dei Beati Martiri, un ordine ormai estinto ma improntato alla Regola di sant’Agostino. Si trasferì quindi a Cracovia e studiò presso l’Università Jagellonica. La chiesa del monastero del suo ordine divenne quasi la sua seconda casa, tante erano le ore che vi trascorreva in preghiera con le braccia spalancate in forma di croce. Moltissimi venivano da lui a chiedere consigli e a raccomandargli le proprie intenzioni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano