Politica

di Mario Adinolfi

APPUNTI PER IL POPOLO DELLA FAMIGLIA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Appunti per pidieffini. Siamo chiamati a un ulteriore sforzo elettorale, a giugno si vota per le amministrative e stiamo organizzando la presenza del Popolo della Famiglia a questa tornata. Personalmente parteciperò a due tavoli nazionali di convergenza tra forze di ispirazione cristiana che sono stati convocati via zoom per oggi e per domani. Ma so bene che dopo tante chiacchiere solo il PdF ha l’ossatura nazionale per reggere lo sforzo organizzativo della concreta presenza alle elezioni in tutta Italia. A volo d’angelo voglio segnalare per chi volesse aggregarsi o proporsi il lavoro che stanno facendo Lucianella Presta, Marko Rus, Cristina Zaccanti, Carlo Bravi in particolare su Cuneo, guardando agli altri appuntamenti in Piemonte, Nino Iraci su Genova, Andrea Cavenaghi e tutto il vasto gruppo dirigente del PdF lombardo su Desenzano, Monza, Lodi, Como e altri comuni minori. In Veneto Massimiliano Zannini, Giampaolo Furlan, Danilo Bassan lavorano su Padova, Verona e Belluno, piazze storiche del nostro radicamento, mentre Renzo Erman ha già piazzato la nostra bandiera nella competizione a Monfalcone, estremo lembo orientale d’Italia. In Emilia Romagna Mirko De Carli è in campagna elettorale da candidato sindaco a Riolo Terme sostenuto dal neo coordinatore regionale Marco Dall’Olio con cui lavoriamo anche alla presenza su Parma e su Riccione, con la supervisione della nostra sempre fondamentale Elisa Rossini, consigliere comunale in quel di Modena. Nelle Marche Fabio Seba, Gabriele Cinti, Domenico Gallo, Cristiana Di Stefano hanno già prodotto un grande protagonismo pidieffino su Jesi, mentre Saimir Zmali e Marco Sciamanna in Umbria lavorano in particolare su Todi, con la Toscana di Pier Luigi Tossani e Francesco Galante che guarda a Pistoia. Nel Lazio impegno speciale grazie a Nicola Di Matteo, che oltre a coordinatore nazionale si occupa anche delle liste territoriali in questa regione con Massimo Boschi, a Viterbo e a Ciampino. Nel Sud l’attenzione prevalente è per Taranto grazie a Patrizia Del Giudice e Vito Pietro Loporcaro, per l’entroterra napoletano con Massimiliano Esposito così come per quello sardo con Barbara Figus, anche se la parte del leone la fa la Sicilia con lo sforzo su Palermo grazie a Carmelo Catalano e a Paternò con Salvatore Asero. Faremo un punto su tutte le trattative in atto in un’assemblea nazionale via zoom convocata per il 2 aprile alle ore 16, sabato prossimo, mentre il 5 aprile si riunirà l’esecutivo nazionale per dare la spinta decisiva agli ultimi due mesi di campagna elettorale. Questo è essere un partito politico nazionale: radicamento in tutta Italia, uno sforzo collettivo notevole, centinaia di dirigenti che ci mettono la fatica (per ogni nome citato ce ne sono decine di non citati, mi vengono in mente così alla rinfusa Alessandra Trigila, Lavinia Oliveri, Consuelo Nespoli, Angelo De Santis, Ebe Zani, Federica Lupi, Giovanna Nespoli, Gabriella D’Amato, Massimo Maurizio Dal Passo, Antonello Deiana, Maria Verita Boddi, Meri Rossi, Maria Cristina Rampiconi, Margherita Ruffino, Simona Lupi, Claudio Ridolfi, Mauro Rotunno, Eleonora Antonucci, Valeria Annecchino, Maria Di Giuro, Giacomo Fruci, Daniela Scavolini, Eugenio Scaffidi, Daniele Benincà, Luciano Castro e tantissimi altri), liste elettorali che richiedono migliaia di firme certificate per essere consegnate, un lavoro organizzativo faticosissimo che non sarebbe possibile senza il coordinamento nazionale di Nicola Di Matteo e il supporto di una sede politica centrale che fa del lavoro di sostegno all’ossatura nazionale la sua ragion di vita. Ai mille autoproclamati partitini e partitelli, fatti solo di chiacchiere e privi di presenza territoriale, ricordiamo che un partito esiste se si presenta con il simbolo sulle schede elettorali: questo 2022 sarà il nostro settimo anno elettorale consecutivo dopo amministrative 2016 e 2017, politiche 2018, europee e regionali 2019, amministrative e politiche suppletive 2020, amministrative 2021. Questa continuità e questa presenza nazionale tenace, che non ha mai saltato un turno, è la prova della solidità del Popolo della Famiglia in vista del grande traguardo che ormai dista meno di un anno delle politiche del 2023. Unitevi a noi, è stata, è e sarà una grande avventura che offrirà senso alla vostra esistenza e aiuto concreto al prossimo. I dirigenti citati vi accoglieranno territorialmente nella famiglia chiamata Popolo della Famiglia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/04/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Italia ha bisogno dei cattolici

Nasce il Popolo della Famiglia, soggetto politico che si presenterà alle elezioni amministrative di primavera per rappresentare le istanze emerse dal Family Day e tradite dai parlamentari cattolici

Leggi tutto

Società

Scuola e chiesa ora tocchiamo veramente i fondi

Gabriele Toccafondi è un fiorentino del ‘72, laureato in scienze politiche, ha fatto il consigliere all’università di Firenze, è stato membro di un sacco di commissioni e promotore di iniziative culturali e dal ‘99 ha messo i piedi in politica per poi non toglierli più. Ha militato tra le file di una lista civica, poi è passato a Forza Italia, poi è stato deputato PdL e nel 2013 ha indossato la casacca NCD, grazie alla quale ora siede sulla poltrona di Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Leggi tutto

Politica

Una candidatura simbolica per rifondare l’ europeismo

Un progetto di ingegneria istituzionale non è sufficiente. Cosa impedisce infatti a un’ideologia di sostituirsi a un’altra? Le ideologie totalitarie disprezzavano il formalismo giuridico e istituzionale, aggirandolo sistematicamente. Oggi in Europa regnano, in nome dell’impoliticità, altre ideologie che si chiamano pensiero politicamente corretto, dittatura del relativismo, umanismo (cioè l’umanesimo senza l’umano). Sempre più il nuovo ordine europeo assomiglia – paurosamente – a quel regime che Tocqueville nella “Democrazia in America” aveva battezzato come «dispotismo democratico»: una tirannide confidenziale, ludica, che lascia che la massa del popolo si trastulli con «piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri». I cittadini così diventano degli individui isolati, estranei gli uni agli altri, degli apolidi senza patria.

Leggi tutto

Società

Il primo diritto è quello a NON emigrare

La Commissione Episcopale per le Migrazioni (organo della Cei) ha emanato un documento che prende posizione sui migranti.

Leggi tutto

Media

La settimana che porta a Camaldoli

E’ partito il conto alla rovescia per la festa nazionale de La Croce a Camaldoli

Leggi tutto

Storie

Vita e conversione, figli ed educazione: intervista a tuttotondo con Francesca Centofanti

Moglie, madre, educatrice per vocazione e per mestiere (è insegnante di scuola primaria), l’attivista romana intesse un denso dialogo con l’omologa viareggina: i segni dei tempi e quelli del tempo, la scuola e lo stato sono al centro di questa conversazione che è al contempo intima e aperta.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano