Politica

di la redazione

Cuneo: il PDF a sostegno della coalizione per Lauria Sindaco

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La vera novità delle prossime elezioni amministrative di Cuneo sarà il terzo polo”: con queste parole Giuseppe Lauria presenta la quinta lista che andrà ad inserirsi alla coalizione che sostiene la sua candidatura sindaco. Insieme a lui, alcuni rappresentanti del movimento di ispirazione cattolica e liberale “Popolo della famiglia” che fa capo, a livello nazionale, al giornalista Mario Adinolfi.

Alla domanda sui motivi dell’alleanza con Lauria, la coordinatrice regionale del PdF Lucianella Presta, ha spiegato con convinzione che “Beppe Lauria è il cambiamento di cui ha bisogno Cuneo. Lui può raccogliere il consenso dei tanti cittadini delusi e insoddisfatti dalle campagne demagogiche e populiste messe in campo dalla destra e dalla sinistra. Dopo due anni di pandemia ci sono famiglie e piccole attività imprenditoriali in crisi, tutti a parole citano le famiglie, ma nella realtà nessuno le ascolta e le sostiene. Un problema su tutti? La crisi della natalità e la mancanza di servizi a sostegno della maternità e dell’infanzia anche a livello comunale”. “Il nostro movimento – ha aggiunto Presta – è pronto a mettere al centro del dibattito politico tematiche stringenti come la realizzazione di un piano regionale per la famiglia, una strategia mirata per tutelare e promuovere le imprese, e in particolare quelle a conduzione familiare”.

Con il Popolo della famiglia – ha aggiunto ancora Lauria - abbiamo avuto modo di confrontarci, e trovarci d’accordo su molte questioni, a Cuneo come a Roma con lo stesso Adinolfi. Troviamo che le famiglie siano il nucleo della società che è più stato penalizzato dalla pandemia, dalle chiusure lavorative ai figli in dad senza nessun sostegno economico o sociale”.

Ritornando sulla questione terzo polo a Cuneo, il candidato a sindaco ha sottolineato come “Possa essere quel contenitore che finalmente darà voce a tutti quei cittadini da anni rinunciano a votare. Con noi avranno la possibilità di trovare quelle risposte a tutta una serie di problematiche che nessuno ascolta. Oggi c’è un centro-sinistra distante dalla città, un centro-destra che non esiste e ora anche un terzo polo che intende sostenere tutte quelle categorie da sempre date per scontate e lasciate ai margini”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/04/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il nuovo governo Gentiloni

Ecce governo

Leggi tutto

Politica

I risultati del PDF: raggiunto il 3% NAZIONALE

Queste amministrative 2017 vanno comprese come un secondo tempo del percorso avviato con le amministrative 2016. I candidati sindaco del Popolo della Famiglia hanno ottenuto oltre centomila voti nei 35 comuni in cui ci siamo presentati. Sono 35 esperienze pilota che, disseminate in tutte le regioni, rappresenteranno la base anche tecnico-organizzativa per la presenza alle prossime elezioni politiche. E’ tra coloro che hanno messo la faccia (e hanno imparato tecnicamente a presentare le liste) che troveremo i 945 candidati che ci rappresenteranno nella corsa alla Camera e al Senato al più tardi nel marzo 2018. Abbiamo formato una squadra che sul piano organizzativo sa cosa deve tecnicamente fare e sul piano politico ha imparato e persino gustato l’esperienza dell’autonomia, della libertà dai vincoli avaloriali che troppo spesso scattano come riflessi condizionati nella caccia ai consensi dei grandi partiti tradizionali, che per piacere a tutti finiscono per non dire niente di quel che viene considerato come “divisivo”, cioè ogni riferimenti a seri principi valoriali.
I “quattro gatti” del Popolo della Famiglia sono diventati centomila gatti, è un fatto incontrovertibile: un movimento inizialmente irriso e osteggiato, arriva in una grande città come Verona sopra Fratelli d’Italia, ha gli stessi voti di Forza Italia, batte anche la lista tosiana di Fare e si propone come forza politica nazionale in grado di essere base aggregativa per le sfide che verranno.

Leggi tutto

Società

I nodi dell’alternanza scuola-lavoro

L’Occupazione di ottobre è ormai un rito (in)civile a cui le istituzioni non si sentono di sottrarsi, pena l’apparire “fasciste”. Quest’anno la scusa è data da “La buona scuola”, che ha trasformato
nominalmente tutte le scuole superiori in licei e fattivamente tutti i licei in scuole professionali.
Salvo che – per forza di cose – oltre a non insegnare più il sapere non insegnano neppure il fare.

Leggi tutto

Politica

Per arrivare con metodo al 5 Marzo

Fino a pochi giorni fa Massimo Gandolfini si limitava a ignorare inelegantemente le attività e la stessa esistenza del Popolo della Famiglia. Arrivati all’ultimo giro, la sua preoccupazione sembra
essere anzitutto legata alla delegittimazione attiva dell’opzione di autonomia del PdF. Eppure il 4 marzo arriverà e trascorrerà: allora sarà il caso di non essere diventati autenticamente nemici.

Leggi tutto

Politica

Perchè siamo popolari europei

Il 17 ottobre 2018 Papa Francesco ricevette sul sagrato di Piazza San Pietro una delegazione del Popolo della Famiglia – con tanto di striscioni e bandiere –, fatto inusuale per un movimento politico.
Il precedente meno remoto si colloca nel 2006, quando Benedetto XVI incontrò in Vaticano dei rappresentanti del Partito Popolare Europeo. E non a caso gli interlocutori della Chiesa sono quelli.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia presente alla Falchera

Si volantina tra la gente a sostegno di Damilano, un sindaco anche per le famiglie delle periferie.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano