Società

di Giuseppe Udinov

USA - Difesa delle donne contro i gender nello sport

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Arizona, Oklahoma e Kentucky, a fine marzo, si sono uniti alla schiera di altri stati le cui legislature guidate dai repubblicani hanno approvato leggi per proteggere gli sport femminili dagli attivisti transgender.

Questi stati si uniscono a Texas, Alabama, Mississippi e Iowa, tra gli altri, così come lo Utah. Il Congresso dell’Indiana si è infatti detto pronto a votare nuovamente la legge che vieta ai maschi e transessuali di partecipare alle manifestazioni femminili, dopo che era arrivato però il veto del Governatore. Tutte e tre le legislature statali hanno approvato le leggi, che passeranno appunto ai rispettivi governatori nei prossimi giorni, sperando non adottino il veto e respingano le proposte.

La Camera dell’Arizona, dominata dai Repubblicani, ha approvato con 31 voti a favore e 24 contrari la legge SB 1165 e l’ha inviata per la firma del governatore Doug Ducey. Secondo l’Associated Press, Ducey non ha ancora detto se firmerà la legge.

I politici dello Utah, invece, hanno votato per annullare il veto del governatore Spencer Cox e la legislatura dello Stato dell’Indiana ha già previsto di fare lo stesso a maggio.

Nel dettaglio la legge proposta dall’Arizo si applicherebbe non solo allo sport agonistico e dilettantistico, ma anche alle scuole pubbliche e ai college, così come alle istituzioni private che competono con le scuole pubbliche.

La legge SB2 dell’Oklahoma, invece, è passata per 37 voti favorevoli contro 7 contrari, e attende ora la firma del governatore Kevin Stitt, che ha solo pochi giorni per decidere se porre il veto o approvare la legge. La legislazione è quasi identica a quella dell’Arizona e impone che «le squadre designate per ‘femmine’, ‘donne’ o ‘ragazze’ non siano aperte agli studenti di sesso maschile”, permettendo agli studenti di citare in giudizio una scuola se questa viola la legislazione e priva lo studente di un’opportunità atletica». Il disegno di legge, inoltre, ordina ai genitori o tutori legali di uno studente all’inizio di ogni anno scolastico di «firmare un documento che riconosce il sesso biologico dello studente alla nascita».

I legislatori del Kentucky, seguendo i loro colleghi, hanno approvato la legge SB83 con una maggioranza di 26 voti favorevoli e 9 contrari, e in questo caso la legge vieta agli uomini che pensano di essere donne di partecipare a sport femminili fin dal college. La legislazione richiederebbe agli studenti di avere una copia originale e non modificata del loro certificato di nascita o un documento firmato da un medico. Secondo il Courier Journal, il governatore democratico Andy Beshear non ha indicato se approverà o porrà il veto alla legge.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/04/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il gender imposto per sentenza

La Corte europea vuole dettarci le norme sul diritto di famiglia, ma anche Corte Suprema americana e Corte di Cassazione italiana violano la democrazia e sentenziano ideologicamente

Leggi tutto

Storie

Resistere al gender ed essere “bioconservatori” la strada è indicata negli scritti di Del Noce

L’ossessione dell’“omofobia” occulta l’effettiva negazione del dato antropologico fenomenico della natura sessuata. Ecco cosa ne pensava il grande filosofo.

Leggi tutto

Media

La suora eroica del Myanmar tra le 100 donne del 2021

L’immagine di suor Ann Rose Nu Tawng che affrontava i militari per chiedere loro di non uccidere i manifestanti ha fatto il giro del mondo

Leggi tutto

Società

Scozia: la follia gender in carcere

Eastwood ha iniziato a identificarsi come donna nel gennaio 2018 mentre stava scontando una pena nella prigione maschile di Shotts e da quel momento è stato detenuto in unità carcerarie per sole donne.

Leggi tutto

Media

Vogliono dividerci, non caschiamoci

Si apre una stagione difficilissima, vorranno approvare il matrimonio gay e far trionfare l’ideologia gender nelle scuole e ovunque. I cattolici (e le testate cattoliche) non alimentino il germe della divisione interna. Noi de La Croce dichiariamo disarmo unilaterale.

Leggi tutto

Società

“Difendiamo i nostri figli”: «Pronti a tornare in piazza»

Il primo Congresso nazionale del Comitato “Difendiamo i nostri figli” si è chiuso con l’intervento del presidente Massimo Gandolfini che ha ribadito la contrarietà del soggetto che ha mobilitato la manifestazione del 20 giugno a piazza San Giovanni a qualsiasi ipotesi di legge sulle unioni civili e sui connessi diritti di filiazione. Interventi da sessantotto comitati locali

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano