Storie

di Nathan Algren

Mymensingh, padre Rabanal è tornato alla casa del Padre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

All’età di 88 anni è morto a Dhaka il 3 aprile il missionario filippino della Santa Croce p. Alejandro R. Rabanal, che per tanti anni ha predicato il messaggio di Dio tra le comunità garo, dando il suo contributo anche allo sviluppo delle tecniche per la coltivazione del riso.

Arrivato nel 1958 come agronomo in quello che era ancora il Pakistan Orientale, p. Alejandro aveva poi scoperto la sua vocazione religiosa ed era entrato nel seminario della Santa Croce. Il 18 gennaio 1988, all’età di 54 anni, era stato ordinato sacerdote a Jalchatra, del distretto di Tangail, nella diocesi di Mymensingh. “La gente lo ricorda ancora per il suo grande contributo”, ha commentato il parroco della città, p. Lawrence Reberio, presente al suo funerale presieduto da mons. Ponen Paul Kubi, missionario della Santa Croce e vescovo di Mymensingh,.

P. Rabanal ha trascorso tutta la sua vita nelle diverse parrocchie della diocesi, tra gli indigeni garo, molti dei quali ancora non conoscono il Vangelo. “Una vita così semplice che ancora mi lascia senza parole”, ricorda John Gomes, un parrocchiano di Mariamnagar. “Era un esempio per gli altri sacerdoti, un vero missionario” aggiunge mons. Ponen Paul Kubi. “Amava i garo e i garo amavano lui” continua il vescovo, “ha imparato le loro lingue e la loro cultura. È entrato nel loro cuore.”. Veniva chiamato con amore achu, che significa “nonno”.

Amico dei contadini, in un Paese in cui l’ 80% degli abitanti vive di agricoltura, ha introdotto delle nuove tecniche di coltivazione del riso, dando un contributo fondamentale al settore. “Una volta la gente di Madhupur non produceva riso - spiega p. Lorenzo Reberio - ma p. Alejandro ha incoraggiato la comunità a creare delle risaie. Ancora oggi gli agricoltori producono riso in abbondanza”. “Abbiamo cambiato la nostra situazione socio-economica grazie alle risaie di p. Alejandro”, ha spiegato Premsog, un allevatore garo di Jalchatra.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/04/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

“Una sconfitta per l’umanità”

Il cardinale Parolin commenta il referendum irlandese con parole nette. I giornali tentano di raccontare una Chiesa “aperturista” che non esiste, per far approvare il vergognoso ddl Cirinnà

Leggi tutto

Chiesa

Francesco secondo Valli, vaticanista inquieto

A sorpresa, Aldo Maria Valli ha dato alle stampe un libro su Papa Bergoglio che ha spiazzato tutti: il numero uno di Rai Vaticano, storico martiniano e già entusiasta sostenitore del papato argentino, cambia idea. I media ostili al Pontefice enfatizzano “266.” come un trofeo. Ciò che sembra di evincere dalla dolorosa confessione raccolta nel libro è che il pontificato si avvia a un declino che potrebbe forse sfociare in una dura restaurazione. Ne parliamo con lui

Leggi tutto

Storie

Prete coraggio

Mercoledì notte a Reggio Calabria: un gruppo di 7 giovani ha aggredito un anziano sacerdote cardiopatico, Don Giorgio Costantino, che ora è in coma all’ospedale e rischia la vita. L’autodemolizione
dell’Occidente continua nel tradimento delle nuove generazioni, cui si nega Dio, patria e famiglia. E questi sono i risultati, coerenti con il disprezzo della vita umana e con l’immoralità

Leggi tutto

Media

Educatori si nasce o si diventa?

«Tutti sanno come si fanno i bambini / ma nessuno sanno come si fanno i papà», e lo stesso vale per quelle figure speciali chiamate a esercitare una paternità specialissima. Lorenzo Ferraioli si pone seriamente la domanda nel suo ultimo libro, destinato a «genitori, docenti, educatori, catechisti, allenatori».

Leggi tutto

Società

Yann Moix: “non potrei mai amare una cinquantenne”

Yann Moix: “Potrebbe mai amare una donna di 50 anni?“, “Ah no, non esageriamo, è impossibile“. “Ma si rende conto che è orribile?”, domanda allora la giornalista. E lui risponde: “Dico la verità, a 50 anni non potrei mai amare una donna di 50”. “Ma perché?”, continua l’intervistatrice. “Le trovo troppo vecchie, forse quando avrò 60 anni ne sarò capace, allora una donna di 50 mi sembrerà giovane”. A dire queste frasi in un’intervista a Marie Claire è lo scrittore francese Yann Moix, che di anni ne ha proprio 50 e non è certo Brad Pitt. Non contento, poi ha rincarato la dose:  “Le 50enni per me sono invisibili, preferisco i corpi della donne giovani, tutto qua. Punto. Il corpo di una donna di 25 anni è straordinario, quello di una donna di 50 anni non lo è affatto”.

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano