Politica

di Roberto Signori

La Spagna e l’aborto “facile”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mercoledì il Senato spagnolo ha approvato in via definitiva una modifica del codice penale per punire chi molesta o intimidisce le donne che vanno in una clinica per interrompere volontariamente la gravidanza. La nuova legge, promossa dai Socialisti del primo ministro Pedro Sánchez, aveva già ottenuto il voto favorevole della Camera ed è stata ora approvata dal Senato: entrerà in vigore non appena sarà pubblicata in Gazzetta Ufficiale.

A partire da quel momento, coloro che «al fine di ostacolare l’esercizio del diritto all’interruzione volontaria di gravidanza» metteranno in pratica contro una donna «atti molesti, offensivi, intimidatori o coercitivi che ledano la sua libertà» saranno puniti con la reclusione da tre mesi a un anno o saranno sanzionati con la misura alternativa dei lavori di pubblica utilità. Con questa modifica del codice penale rischiano le stesse pene anche coloro che tentano di intimidire gli operatori sanitari che lavorano nelle cliniche dove si eseguono aborti.

L’aborto, in Spagna, era stato depenalizzato nel 1985, per soli tre motivi: stupro, grave rischio per la donna e malformazione fetale, ma è stato solo nel 2010 che l’interruzione di gravidanza su richiesta è stata legalizzata fino alla quattordicesima settimana di gestazione. Nonostante questo, in un paese a forte tradizione cattolica, le donne che desiderano abortire continuano a incontrare numerosi ostacoli: perché molti medici sono obiettori di coscienza e perché sono molto attivi i cosiddetti movimenti “anti-scelta”.

Tra le loro pratiche, i movimenti contro l’aborto hanno anche quella di riunirsi fuori dalle cliniche dove si praticano aborti per cercare di convincere le donne che stanno per entrare a non farlo. Spesso pregano, recitano slogan, mostrano cartelli o si rivolgono direttamente alle donne mostrando loro piccoli feti di plastica o cercando di convincerle a salire su un furgone dotato di monitor per sentire il battito del cuore del feto.

Gruppi di antiabortisti hanno manifestato anche ieri fuori dal Senato contro quella che hanno definito una «criminalizzazione» della loro attività: «Pregare non è un crimine e continueremo a pregare e a offrire il nostro aiuto a tutte quelle donne che ne hanno bisogno in modo che possano capire che l’aborto non è l’unica soluzione», ha detto una portavoce del movimento.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/04/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Meditazione femminile sull’aborto

Tutti quelli che sono a favore dell’interruzione volontaria di gravidanza hanno una caratteristica: sono nati. Tutti abbiamo l’insopprimibile desiderio di vivere liberi, magari anche trascinando sciattamente la nostra propria esistenza

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Società

LA VESTE DEI FANTASMI DEL PASSATO CADENDO HA LASCIATO IL QUADRO IMMACOLATO?

Dobbiamo essere il sale del mondo, che sulle ferite brucia, non lo zucchero filato, non dei pappamolli per paura di ritorsioni. Mi spaventa terribilmente vedere che la raccolta firme di Cappato viaggi verso il milione di aderenti e quella sul reddito di maternità abbia superato di poco le 50.000 unità. Inutile negare che ci hanno stracciato alla grande. Morte batte vita venti a zero per ora, palla al centro.

Leggi tutto

Politica

Perchè Letta ha perso

Salvaguardare a tutti i costi solo i diritti degli LGBT a scapito di quelli di tutti gli altri non ha niente a che vedere con i passi in avanti del nostro Paese verso la civiltà, anzi è l’esatto contrario. Grazie a Dio, suonando e risuonando la tromba la coscienza civica degli italiani s’è svegliata ed è riuscita a svegliare la maggior parte dei Senatori. Altri ancora dormono cullati, come i compagni di Ulisse, dalle Sirene d’oltralpe del momento.

Leggi tutto

Politica

Modena: no alla giornata per la vita nascente

I due ordini del giorno, proposti da Lega Modena e Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, non sono stati approvati dal consiglio comunale modenese

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano