Politica

di Giuseppe Udinov

Francia, sarà ballottaggio tra Macron e Le Pen.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il futuro presidente della Repubblica in Francia sarà deciso al ballottaggio tra Emmanuel Macron e Marine Le Pen. Secondo la prima proiezione (Ipsos-Sopra Steria), il presidente uscente ottiene il 27,6% delle preferenze ed è avanti quasi cinque punti rispetto alla candidata del Rassemblement National (23%) che, nonostante la rimonta delle ultime settimane, si ferma al secondo posto. Terzo, con un risultato che va oltre ogni previsione, Jean-Luc Mélenchon (22,2%): il leader della sinistra radicale per un pelo non riesce a strappare il biglietto per andare al secondo turno, riesce a capitalizzare “il voto utile”, ma paga duramente l’atomizzazione della sinistra. Nel suo primo discorso ai sostenitori, ha annunciato: “Ora non bisogna dare un solo voto a Marine Le Pen“. Sul fronte opposto, il candidato di estrema destra Éric Zemmour si ferma al 7,2% e ha invece invitato a sostenere proprio Le Pen. Deludente il risultato della candidata dei Repubblicani Valérie Pécresse che si ferma al quinto posto (5%) e dichiara il suo sostegno al presidente uscente (e abbandona i colleghi a destra). Sosterranno Macron anche il candidato dei Verdi Yannick Jadot che non ha fatto più del 4,4% e la socialista Anne Hidalgo, che è crollata sotto il 2 per cento (1,7%). Sta con il leader di En Marche anche il candidato del Partito comunista francese Fabien Roussel che ha preso il 2,7%. A loro Macron promette di formare “un grande movimento politico di unità e azione” e, parlando davanti ai suoi, ha ribadito che fra 15 giorni si gioca “il futuro della Francia e quello dell’Europa”. Decisivi saranno anche tutti gli elettori che hanno disertato le urne: l’astensione, come da previsioni, ha infatti toccato il 26,2% ed è quattro punti più alta della scorsa tornata. Secondo gli ultimi sondaggi, svelati da le Parisien, Macron al secondo turno sarebbe vincente con il 54% contro il 46 di Marine Le Pen. Ma i 15 giorni di campagna elettorale sono appena iniziati.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/04/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

PDF alle elezioni, le date fondamentali

In appena 90 giorni potremmo trovarci davanti ad un’Italia trasformata dalla grande sorpresa di un’affermazione del Popolo della Famiglia al voto, che si tiene a 65 giorni esatti da adesso. Vale la pena di essere protagonisti di questa lotta per il cambiamento, per la famiglia, per la vita.

Leggi tutto

Politica

Report risultati elettorali liste Popolo della Famiglia

Alle elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre 2021 il Popolo della Famiglia è stato protagonista con il proprio simbolo in trentanove liste presentate su tutto il territorio nazionale, partecipando a regionali, comunali, municipali e circoscrizionali con un reticolato organizzativo mai così fitto.

Leggi tutto

Chiesa

Laurent Ulrich nuovo arcivescovo di Parigi

Monsignor Laurent Bernard Marie Ulrich, sacerdote dell’arcidiocesi di Digione e arcivescovo di Lille dal 2008, è da oggi, il nuovo arcivescovo metropolita di Parigi. Succede all’arcivescovo Aupetit,

Leggi tutto

Politica

Giornate dense

Il Popolo della Famiglia prosegue la sua opera per cambiare la società e la gente lo segue

Leggi tutto

Politica

I 5 STRUMENTI PER LA VOLATA FINALE DEL PDF

Siamo al conto alla rovescia verso quel 4 Marzo nel quale il Popolo della Famiglia attende l’occasione per cambiare il mondo!

Leggi tutto

Politica

Papa: i giovani possono cambiare il mondo con Dio

Nell’udienza all’Azione Cattolica francese Francesco ribadisce l’importanza del metodo del “vedere, giudicare e agire”, lasciandosi guidare dal Vangelo e accettando l’incontro tra la propria umanità e la “divinità trasformante” di Gesù.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano