Politica

di la redazione

A Cuneo Il Popolo della Famiglia con Beppe Lauria

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nicola Di Matteo, Coordinatore Nazionale: «Il PdF scende in campo a Cuneo con Beppe Lauria, il sindaco che determinerà la rinascita della città».

«Già a Roma, il 5 marzo u.s., in occasione della grande manifestazione indetta dal PdF, con Beppe Lauria e molti altri esponenti della linea antigovernativa, abbiamo constatato la profonda intesa sui temi di fondo che connotano il nostro partito. A livello amministrativo Cuneo ha bisogno di rilanciare la piccola e media impresa che l’attuale governo vuole invece distruggere. Siamo certi che con una nuova giunta ed un sindaco attento alle vere istanze della gente e delle famiglie, Cuneo diventerà apripista per la rinascita del Paese» così dichiara Nicola Di Matteo, Coordinatore nazionale e Vicepresidente del PdF.

Lucianella Presta, Coordinatore regionale, aggiunge:«I candidati consiglieri rappresentano una voce nuova, autentica, coerente, maturata sul territorio in 5 anni di presenza capillare e tenace ad opera di numerosi circoli del PdF. Solo ripartendo dalla famiglia, dalla natalità, tema da inserire accanto alla difesa della democrazia e del lavoro, Cuneo si farà modello di ripresa economica solida e radicata nella tradizione di questa città, Medaglia d’Oro per la Resistenza, caparbia e tenace nel difendere la libertà da ogni assedio militare e condizionamento ideologico».

Luca Calabrese, capolista, esprime grande soddisfazione per l’intesa raggiunta «Sono certo che daremo un contributo significativo per rinnovare il benessere e i meriti della nostra città. Forniremo anche un esempio per tutto il nostro territorio, e non solo».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/04/2022
2911/2022
San Saturnino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Alea iacta est

Il Popolo della Famiglia è l’unica risposta possibile da dare nelle urne alle prossime elezioni amministrative, data l’avanzata dei progetti contrari all’istituto matrimoniale e al diritto dei più deboli

Leggi tutto

Politica

L’orribile appellativo

La scuola ha tanti problemi ma il ministro della pubblica istruzione italiano sembra particolarmente interessata a questioni di lana caprina…..

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Politica

Lo scontro pre-elettorale nell’era del web 2.0

Come era ampiamente preventivato, l’enorme sforzo organizzativo messo in opera dal Popolo della Famiglia lede gli interessi di quanti contavano di millantare (inesistenti) diritti sulla “quota cattolica” dell’elettorato italiano. I sistemi sono sempre i soliti, collaudati a più non posso nei regimi totalitari del XX secolo. Mano a mano che gli anni passano, però, osserviamo l’incidenza delle nuove tecniche di comunicazione – le politiche 2018 non fanno eccezione..

Leggi tutto

Società

Sul tema delle armi

Recentemente ha fatto discutere il deposito di ben cinque proposte di legge volte a liberalizzare (de iure, ma soprattutto de facto) la detenzione privata di armi da fuoco: i depositari delle proposte, specie i leghisti, cercano di puntare tutta l’attenzione sul diritto alla legittima difesa, ma ciò non tiene in conto che l’Italia non conta grandi casi di condanne per questa fattispecie… e oltretutto che armare virtualmente tutta la società non la rende più sicura

Leggi tutto

Politica

Gli ultimi giorni del governo

Saranno le elezioni europee del 26 maggio a determinare gli equilibri politici che proietteranno il governo verso la sua fase calante: di certo ci sarà una Lega in forte ascesa, che farà di tutto per non dipendere più dai soldi di Berlusconi e per marginalizzare anche la Meloni; ci sarà una sensibile limatura del voto pentastellato, e si potranno aprire spazi decisivi per il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano