Politica

di la redazione

A Cuneo Il Popolo della Famiglia con Beppe Lauria

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nicola Di Matteo, Coordinatore Nazionale: «Il PdF scende in campo a Cuneo con Beppe Lauria, il sindaco che determinerà la rinascita della città».

«Già a Roma, il 5 marzo u.s., in occasione della grande manifestazione indetta dal PdF, con Beppe Lauria e molti altri esponenti della linea antigovernativa, abbiamo constatato la profonda intesa sui temi di fondo che connotano il nostro partito. A livello amministrativo Cuneo ha bisogno di rilanciare la piccola e media impresa che l’attuale governo vuole invece distruggere. Siamo certi che con una nuova giunta ed un sindaco attento alle vere istanze della gente e delle famiglie, Cuneo diventerà apripista per la rinascita del Paese» così dichiara Nicola Di Matteo, Coordinatore nazionale e Vicepresidente del PdF.

Lucianella Presta, Coordinatore regionale, aggiunge:«I candidati consiglieri rappresentano una voce nuova, autentica, coerente, maturata sul territorio in 5 anni di presenza capillare e tenace ad opera di numerosi circoli del PdF. Solo ripartendo dalla famiglia, dalla natalità, tema da inserire accanto alla difesa della democrazia e del lavoro, Cuneo si farà modello di ripresa economica solida e radicata nella tradizione di questa città, Medaglia d’Oro per la Resistenza, caparbia e tenace nel difendere la libertà da ogni assedio militare e condizionamento ideologico».

Luca Calabrese, capolista, esprime grande soddisfazione per l’intesa raggiunta «Sono certo che daremo un contributo significativo per rinnovare il benessere e i meriti della nostra città. Forniremo anche un esempio per tutto il nostro territorio, e non solo».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/04/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Con pazienza e costanza

Il lavoro di costruzione del soggetto politico del Popolo della Famiglia prosegue

Leggi tutto

Politica

Una candidatura simbolica per rifondare l’ europeismo

Un progetto di ingegneria istituzionale non è sufficiente. Cosa impedisce infatti a un’ideologia di sostituirsi a un’altra? Le ideologie totalitarie disprezzavano il formalismo giuridico e istituzionale, aggirandolo sistematicamente. Oggi in Europa regnano, in nome dell’impoliticità, altre ideologie che si chiamano pensiero politicamente corretto, dittatura del relativismo, umanismo (cioè l’umanesimo senza l’umano). Sempre più il nuovo ordine europeo assomiglia – paurosamente – a quel regime che Tocqueville nella “Democrazia in America” aveva battezzato come «dispotismo democratico»: una tirannide confidenziale, ludica, che lascia che la massa del popolo si trastulli con «piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri». I cittadini così diventano degli individui isolati, estranei gli uni agli altri, degli apolidi senza patria.

Leggi tutto

Politica

Caso Riso, Cirinnà in modalità Goebbels

Un regista omosessuale picchiato, dicono “da omofobi”. La manganellata gli è arrivata però dall’autrice delle unioni civili.

Leggi tutto

Politica

Il fascismo non ebbe meriti? Parliamone!

Il discorso di Mattarella si volle enfatico per l’occasione, ma la sua assolutezza non può essere presa tout court come giudizio storico.

Leggi tutto

Storie

101 VERBI - COSE FATTE E SUGGERIMENTI

Ringraziare è anche condividere e allora vai con i 101 diversi verbi che pensavo di far diventare un nuovo libro e che invece voglio regalare a voi che mi seguite sui social, alla fine per farvi i fatti miei e allora che siano raccontate le cose fatte, in una vita che è stata anche devastata e devastante, ma ha corso al ritmo serrato di una opera rock. Nessuno si è annoiato.

Leggi tutto

Politica

La crescita passa dalla nascita di figli

Investire sulla maternità è definito da alcuni un provvedimento assistenzialistico e retrogrado, oppure una boutade per raccogliere voti centristi. Sono invece i conti a dimostrare che solo il ricambio generazionale può mantenere e incrementare la ricchezza di un popolo. I numeri dell’aborto in Italia rendono anche conto del plurimiliardario buco nel nostro bilancio statale. Serve invertire la rotta.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano