Politica

di la redazione

CIAMPINO, IL POPOLO DELLA FAMIGLIA SOSTIENE DANIELA BALLICO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Popolo della Famiglia (PdF) si schiera con il candidato sindaco di Ciampino (Roma), Daniela Ballico, per le prossime elezioni amministrative del 12 giugno. L’accordo è stato formalizzato in un incontro a Ciampino tra l’ex sindaco Ballico e Nicola Di Matteo, vicepresidente e coordinatore nazionale del PdF, accompagnato da alcuni dirigenti romani del movimento politico di ispirazione cristiana presieduto da Mario Adinolfi. Il PdF farà parte dunque della coalizione di centrodestra a Ciampino, che vede presenti anche Forza Italia, Udc, Fratelli d’Italia e Lega.

“Siamo felici di dare il nostro supporto per l’elezione a sindaco di Daniela Ballico, che anche nel precedente incarico si è sempre messa in luce per la grande apertura e disponibilità alle istanze della popolazione e per aver dato una visione di ampio respiro a Ciampino allo scopo di sfatare il mito della città dormitorio e incompiuta”, ha dichiarato Nicola Di Matteo. “Nella prossima campagna elettorale, metteremo al centro i temi che riteniamo urgenti, come la difesa della vita e dei più deboli, l’aiuto alle famiglie anche economico e il sostegno ai giovani che intendano sposarsi e aprire imprese familiari. Daniela Ballico è il sindaco che Ciampino merita per il futuro!”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/04/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Politica

L’Italia si merita una scuola libera

La recente decisione del Sindaco di Torino di ridurre i fondi pubblici alle scuole cattoliche fa tornare alla ribalta un tema su cui si sono espressi numerosi pensatori autorevoli, sia del passato sia del presente. Nello stesso tempo, il dibattito tocca le corde di un sistema, quello della formazione e dell’istruzione, che vede il nostro Paese in una situazione di preoccupante arretratezza.

Leggi tutto

Media

Vogliono tornare all’EIAR

Ho lavorato per molti anni in Rai e ne conosco bene il terribile sport che accomuna l’ipertrofica pianta organica dei dipendenti e dirigenti dell’azienda: fiutare il vento e piazzare la vela in conformità. Per chi ama la libertà delle idee è qualcosa che ti fa mancare l’aria, io mi dimisi addirittura da un contratto a termine, comprendo perfettamente la decisione di Milena Gabanelli di autosospendersi davanti all’umiliazione, come quella di Giletti e Floris (altro sgradito, molto sgradito a Renzi) di andarsene a La7.

Leggi tutto

Media

La nostra risposta: fare 5 cose

Contro il Popolo della Famiglia e i suoi dirigenti, invece, c’è una furia feroce che probabilmente è degna di miglior causa. Per la lobby che noi apertamente sfidiamo, per la sua politica contro la vita e contro la famiglia, per la visione del mondo che vuole trasformare le persone in cose, c’è un solo nemico da attaccare con tutte le energie fino a zittirlo: il Pdf. Torniamo alla domanda. Perché? Perché siamo ostinati e organizzati. Due fattori molto temuti: ostinazione e organizzazione. Sanno che ormai in ogni angolo del Paese c’è un nucleo territoriale organizzato del Popolo della Famiglia. Si tratta del frutto di due anni di lavoro casa per casa, compiuto dal Pdf attraverso l’esperienza di ben tre tornate amministrative ma anche con la presenza quotidiana e fattiva di monitoraggio di quel che accade. E così ogni settimana in Italia ci sono almeno dieci iniziative con dirigenti del Popolo della Famiglia che incontrano persone sul territorio, più di cinquecento all’anno. Ci sono gli iscritti, ci sono le liste, ci sono i candidati, ci sono 48.750 firme da raccogliere che saranno agevolmente raccolte, ci sono centinaia di migliaia di voti che certamente i nostri militanti otterranno alle prossime politiche sui 945 coraggiosi che candidandosi alla Camera e al Senato diranno: fate una croce sul simbolo del Popolo della Famiglia, tutto il resto l’abbiamo già sperimentato e ha portato al disastro attuale.

Leggi tutto

Storie

L’Ungheria del dopo voto raccontata da chi la conosce vermente

Un lettore marito di una donna ungherese racconta dal suo privilegiato punto di vista sui magiari l’elezione di domenica

Leggi tutto

Società

Così la Francia scivola verso la GPA

«Una GPA realizzata all’estero non può di per sé impedire il riconoscimento di un legame di filiazione in Francia con la madre d’intenzione». Così la Corte di Cassazione francese ha convalidato ieri l’adozione di due gemelli nati nel 2000 da madre surrogata californiana da parte di Sylvie e Dominique Menesson. È stato il concetto di “intenzionalità genitoriale” a decidere la sentenza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano