Società

di Roberto Signori

Scozia: la follia gender in carcere

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sophie Eastwood, un prigioniero maschio attualmente detenuto in un’ala femminile del carcere scozzese di HMP Polmont ora si identifica come” bambina” e ha chiesto di essere trattato come tale dal personale carcerario. Le richieste includono indossare pannolini, consumare pappe per bambini e tenersi per mano con gli agenti penitenziari quando viene scortato.

Eastwood, che in precedenza si chiamava Daniel Eastwood, era stato originariamente incarcerato da ragazzo nel 2004 per guida pericolosa ed era stato condannato a 12 mesi. Un mese prima del rilascio programmato, Eastwood ha strangolato il compagno di prigionia Paul Algie con i lacci delle scarpe e successivamente è stato condannato all’ergastolo.

Eastwood ha iniziato a identificarsi come donna nel gennaio 2018 mentre stava scontando una pena nella prigione maschile di Shotts e da quel momento è stato detenuto in unità carcerarie per sole donne.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/04/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il gender imposto per sentenza

La Corte europea vuole dettarci le norme sul diritto di famiglia, ma anche Corte Suprema americana e Corte di Cassazione italiana violano la democrazia e sentenziano ideologicamente

Leggi tutto

Società

Il professore ai suoi studenti: «Sono una donna».

Il professore (la professoressa) fa coming out e si presenta in classe dai suoi studenti: «Sono una donna». Accade a Ivrea, allo storico liceo Botta, dove Andrea Perinetti, il primo giorno di scuola, si è presentato in classe come la professoressa Perinetti, dopo oltre vent’anni di insegnamento: 61 anni, ex allieva del liceo, ha deciso così di rendere pubblica la sua “nuova” identità di genere.

Leggi tutto

Politica

Luxuria attacca il PDF

“Non ho più peli sulle gambe, figuratevi sulla lingua. Perciò non posso stare zitta. A coloro che mi contestano, tra i quali c’è anche chi fino a ieri esaltava Putin, dico che ho titoli, competenza e dignità per parlare alle donne e di donne, perché io l’essere donna me lo sono dovuta conquistare”.

Leggi tutto

Media

Vogliono dividerci, non caschiamoci

Si apre una stagione difficilissima, vorranno approvare il matrimonio gay e far trionfare l’ideologia gender nelle scuole e ovunque. I cattolici (e le testate cattoliche) non alimentino il germe della divisione interna. Noi de La Croce dichiariamo disarmo unilaterale.

Leggi tutto

Società

“Difendiamo i nostri figli”: «Pronti a tornare in piazza»

Il primo Congresso nazionale del Comitato “Difendiamo i nostri figli” si è chiuso con l’intervento del presidente Massimo Gandolfini che ha ribadito la contrarietà del soggetto che ha mobilitato la manifestazione del 20 giugno a piazza San Giovanni a qualsiasi ipotesi di legge sulle unioni civili e sui connessi diritti di filiazione. Interventi da sessantotto comitati locali

Leggi tutto

Società

Il Piemonte e le iniziative made in gender

Tre episodi, gli ultimi due a breve distanza l’uno dall’altro, portano il Piemonte alla ribalta dell’attenzione mediatica per iniziative targate gender

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano