Storie

di Giuseppe Udinov

Ucraina - Kiev, saccheggiato il seminario

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Sono stati i militari russi, ce lo hanno detto i vicini a cui abbiamo distribuito aiuti. Ma sono state anche le persone del posto. Sono disperate, hanno fame, qua è tutto chiuso, quindi hanno avuto questa idea di venire a prendere il nostro cibo. Meno male… Almeno hanno potuto sfamarsi”. Non c’è traccia di rancore nella voce di padre Ruslan Mykhalkiv, rettore del seminario teologico cattolico di Vorzel, nella regione di Kiev, semi distrutto in due attacchi (“forse missili, forse bombe”, dice) e saccheggiato al suo interno di ogni cosa: dal calice-reliquia di Giovanni Paolo II alle vecchie scarpe del rettore.

La notizia della razzia è circolata grazie a un post su Facebook del vescovo della diocesi cattolica latina di Kiev, monsignor Vitalii Kryvytsky, che ha pubblicato anche alcune foto. In una si vede pure la statua di una Madonna decapitata.

Proprio il giorno dopo l’attacco russo, il rettore ha portato via i seminaristi e anche i residenti del vicino orfanotrofio, due suore e cinque bambini. “Eravamo pronti già da giorni al fatto che potesse succedere qualcosa come poi effettivamente è accaduto”. La zona è stata occupata dall’esercito. Il gruppo si è rifugiato in una località a pochi chilometri, sulla strada che da Kiev porta a Bucha, tristemente nota per quello che il Papa ha definito un “massacro” di civili. In seminario è rimasto solo il padre spirituale, padre Igor, anche parroco del territorio. Il sacerdote si è trattenuto fino a qualche giorno fa, anche dopo un attacco che ha spaccato le finestre e distrutto una piccola casa per gli ospiti a fianco. “Erano missili o bombe, non grosse. Li hanno lanciati il quarto giorno dall’inizio della guerra. Lo so perché il padre spirituale ci ha mandato le foto”.

Poco dopo che anche padre Igor ha lasciato il seminario, un altro attacco di “armi pesanti” ha colpito la struttura, creando il caos internamente ed esternamente. “L’ esercito russo aveva bloccato l’ingresso al territorio – racconta padre Ruslan – siamo potuti rientrare solo giovedì scorso e abbiamo subito scoperto che la porta principale era stata aperta. Ci avevano avvertito volontari e operatori Caritas che erano andati a Bucha e, di ritorno, hanno fatto un salto. Hanno provato a chiudere a tutto, senza però entrare dentro”. Seppur la struttura sia priva di acqua, luce e gas, il rettore e altri sacerdoti hanno accettato di tornare per rimettere a posto. “Quando siamo tornati abbiamo trovato di nuovo tutto spalancato e, dentro, abbiamo capito che non c’erano stati solo i bombardamenti”.

Dal seminario è stato portato via di tutto: pentole, router, lavatrici, computer, condizionatori, piccoli attrezzi. “Anche le cose non preziose ma che sembrano preziose… Hanno rubato tanti oggetti liturgici e il calice d’argento che Giovanni Paolo II aveva usato in una Messa durante la visita apostolica in Ucraina nel 2001. Per noi era una sorta di reliquia, la usavamo nelle grandi feste. Il vescovo ha parlato anche delle mie scarpe che usavo per andare a correre, ma veramente è l’ultimo dei pensieri. Anche ai seminaristi hanno rubato scarpe e vestiti”.

La dispensa è stata svuotata: “Avevamo qualcosa per vivere, patate, pasta, altre conserve. Non c’era più nulla”, dice il rettore. “E meno male”, ripete. In che senso? “Sappiamo che sono stati i russi a saccheggiare il seminario perché ce l’ha detto la gente a cui abbiamo portato del cibo. Ci raccontavano che hanno usato una tecnica particolare per aprire il cancello e schiacciare le porte. Ma penso che siamo stati derubati anche dalle persone che vivono qui. Lo facevano anche prima alcuni disperati che rubavano piccoli utensili da cucina. Adesso hanno preso tutto il cibo. Va bene… Qua c’era da mangiare e la gente aveva fame. Tutto è chiuso, dove potevano prendere le cose? Hanno avuto questa idea, che magari non è proprio secondo coscienza, ma bisogna capire il contesto della guerra, dell’occupazione. Sapevano che potevano sfamarsi. È giusto…”. O meglio, chiarisce il rettore, “questo è giusto, il resto no”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/04/2022
0410/2022
S. Francesco d'Assisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Media

Libri e bimbi

La casa editrice EDB (Centro editoriale dehoniano) esiste dal 1956 e pubblica solo libri, saggi e riviste di argomento religioso cattolico, in tutti gli ambiti, dalla ricerca accademica ai sussidiari per bambini.
Il cuore della sua vocazione è promuovere il rinnovamento post conciliare: sul sito leggiamo: «Della Chiesa del post-concilio ha sempre accompagnato i dinamismi: il rinnovamento nella catechesi; la riforma liturgica – non solo come riforma “dall’alto”, ma quale progressiva presa di coscienza del ruolo di attori da parte dei fedeli –; il rinnovamento della spiritualità, che si è via via incentrata sui testi sacri e sulla Bibbia; il rinnovamento pastorale e la formazione dei membri del popolo di Dio. Il nostro lettore è in genere sensibile ai temi emergenti e alle problematiche intraecclesiali: non a caso uno dei nostri principali referenti è il laico cattolico che vive coscientemente il proprio ruolo nella Chiesa».

Leggi tutto

Politica

Ogni vuoto viene riempito

O capiamo che dobbiamo tornare ad occupare tutti i nostri spazi valoriali, ritornando pienamente alla nostra identità prima di tutto cristiana e ricordando sempre il nostro status di paese ospitante, o moriremo travolti dalla loro inestinguibile volontà di potenza, nonché dai loro denari. Si sono presi con i petrodollari le nostre più iconiche squadre di calcio (Paris Saint Germain e Manchester City, ma anche il Trohir già presidente dell’Inter ringraziò Allah dopo la prima vittoria dei suoi nerazzurri), ora con la Qatar Charity Foundation finanziano le scuole coraniche e le moschee in Sicilia (2.5 milioni di euro) dopo che con un più ingente pacchetto di 25 milioni di euro hanno fatto costruire 43 moschee su tutto il territorio italiano, secondo quanto riferito dall’imam fiorentino Izzedin Elzir. Qualcuno si è posto un problema dopo aver letto che la Qatar Charity Foundation attraverso il suo già presidente Abdullah Mohammed Yussef finanziava Al Qaeda, secondo quanto riportato da un documento ufficiale del Dipartimento di Stato americano? No, nessuno se l’è posto, siamo andati bellamente felici da italiani a tagliare il nastro alle inaugurazioni delle moschee volute dai quatarini amici di Bin Laden in tutto il paese. Il governo kuwaitiano intanto si occupa di sovvenzionare i musulmani albanesi, mentre il Marocco sostiene le moschee indipendenti attraverso i danari della Missione culturale della sua Ambasciata a Roma. I Fratelli Musulmani invece girano soldi direttamente all’Ucoii, mentre ovviamente molto attiva è anche la monarchia wahabita dell’Arabia Saudita. New entry tra i finanziatori dell’islam in Europa occidentale e anche in Italia, il presidente turco Erdogan, quello che ha ordinato ai due milioni e mezzo di cittadini turchi residenti in Europa (ventimila in Italia) di “fare ognuno cinque figli, così il futuro sarà vostro”.

Leggi tutto

Politica

Verso il 4 Marzo: frenare la deriva

Appello di sacerdoti e religiosi a sostenere il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Chiesa

Tornando alla questione degli abusi….

Suor Anna Deodato ha correttamente spiegato che: «l’abuso sessuale accade come ultimo, tragico atto di una serie di abusi di potere e di coscienza».

Leggi tutto

Società

La bioetica per tutti, parla Giorgia Brambilla

Moglie, mamma, madre di bimbi piccoli e prima ancora ostetrica. Poi la passione per la bioetica che diventa ricerca e insegnamento, e infine il manuale con Rubbettino

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano