Politica

di Giuseppe Udinov

Biden vuole costringere gli ospedali cristiani a praticare aborti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Organizzazioni cristiane e conservatrici hanno lanciato l’allarme su un nuovo progetto di legge pro-aborto portato avanti dall’amministrazione Biden che potrebbe persino portare alla chiusura di tutti i centri di assistenza sanitaria cristiana negli Stati Uniti.

Il Catholic News Service riferisce che alcuni leader conservatori hanno scoperto i piani per la nuova regolamentazione in un memorandum legale della Conferenza sulla leadership pro-aborto e in un annuncio del Dipartimento della salute degli Stati Uniti.

Creato per essere una disposizione contro la discriminazione sessuale ai sensi dell’Affordable Care Act, questo nuovo regolamento probabilmente costringerebbe ospedali, medici, altri operatori sanitari e compagnie assicurative cattoliche e cristiane a praticare aborti, interventi chirurgici transgender e altre procedure di questo tipo escludendo ogni tipo di esenzione religiosa.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/04/2022
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il prolife Tom Price Segretario della Salute USA

Un ortopedico sostenitore della March for Life è stato posto al dicastero federale per la Salute

Leggi tutto

Società

Hanno ucciso Charlie Gard

Il caso Charlie Gard è un punto di non ritorno, ma anche un punto di partenza se vogliamo rendere efficace la difesa di un diritto alla vita che altrimenti sarà sempre più circoscritto al campo opinabile dei “sani e produttivi”. Ma ci sarà occasione per parlare e scrivere di questo. Oggi non possiamo che pregare Dio di accogliere questo bambino innocente ucciso da mani che sapevano quel che facevano e che Maria gli canti materna la ninna nanna, facendolo dormire libero, ora che sicuramente libero è.

Leggi tutto

Chiesa

Messori ci richiama al cristianesimo primario

Se ne sente davvero il bisogno in un tempo in cui, per usare la formula più che trentennale del filosofo svizzero Romano Amerio, dilaga il «cristianesimo secondario». Con questa espressione Amerio voleva indicare quel cristianesimo preoccupato più che altro di produrre opere terrene, tutto assorbito dall’impegno sociale e dall’edificazione della città dell’uomo. In buona sostanza, Amerio se la prendeva con quel cristianesimo “engagé” che sembra prefiggersi, come prima e unica preoccupazione, quella di perfezionare la natura umana lasciando da parte la trascurabile questione della salvezza eterna.

Leggi tutto

Società

Mario Adinolfi a Marco Cappato sull’eutanasia attiva

Spero che queste parole ti interroghino e interroghino i congressisti di Bari, che noi verremo a contestare con le nostre bandiere del Popolo della Famiglia e con i nostri militanti disabili che vogliono vivere e non morire, non vogliono sentirsi dire che diventano “dignitosi” solo se scelgono di suicidarsi. Continuiamo a credere che quello sconosciuto depresso che sale su un parapetto per buttarsi giù vada convinto a non farlo, non vada spinto di sotto per aiutare la sua “libera autodeterminazione”. E continuiamo a pensare che una società che organizza la sua libertà attorno all’idea di liberamente sballarsi, drogarsi, uccidersi sia una società malata che necessita di una cura.

Leggi tutto

Società

India: aumentano gli attacchi contro i cristiani

Rapporto sulla violenza anticristiana: negli ultimi nove mesi oltre 300 attacchi. È quanto registra un rapporto intitolato “Cristiani sotto attacco in India”, presentato in conferenza stampa a Nuova Delhi

Leggi tutto

Società

Alla commissione etica delle Marche

La piaga della denatalità rende infatti insostenibili i costi del welfare: sanità, cura degli inguaribili, assistenza ai disabili gravi diventano attività troppo costose e dunque si procede a inoculare nel Paese una cultura di morte, l’idea che sia utile per tutti che il sofferente decida di eliminarsi in una logica hitleriana per nulla coperta da una falsa autodeterminazione. Il tutto senza una legge che consenta tutto ciò, imponendo dunque questa cultura saltando a piè pari il passaggio parlamentare.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano