Società

di Roberto Signori

Trento: studenti contro i bagni gender

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I bagni gender sono una realtà anche in Europa e in Italia; solo che non sempre tali iniziative vengono accolte da un vasto consenso. Va in questa direzione quello che succede nell’ateneo di Trento e, precisamente, nella facoltà di Sociologia.

Sì, perché al termine dello scorso mese, presso la nota facoltà - la prima in Italia per fondazione dedicata alle discipline sociologiche –, sono stati istituiti, seguendo tutto l’iter del caso, dei bagni “gender neutral”. L’idea è stata discussa e votata all’interno del consiglio di dipartimento, ed è stata realizzata riservando quattro bagni a coloro i quali non si identificano né come uomini né come donne. Tuttavia, non si può parlare esattamente di un successo per questa iniziativa. In primo luogo perché essa, come poc’anzi detto, è stata sì votata all’interno del consiglio di dipartimento, ma non ha affatto ottenuto l’unanimità.

Non solo, tanti tra gli stessi studenti non sono convinti da tale novità, che infatti è nata su iniziativa anzitutto di alcuni docenti, per quanto poi abbia trovato il favore di una parte del corpo studentesco. C’è in particolare da dire che tra le ragazze – secondo quanto appurato attraverso un questionario interno diffuso nell’assumere questa decisione – è stato apertamente mostrato un certo disagio verso questa svolta. Alcune ragazze, infatti, si sono dichiarate palesemente «disturbate» dai bagni “gender neutral”. Un’idea inoltre, che molto probabilmente non convince del tutto neanche la stessa comunità accademica della facoltà.

Lo prova il fatto che, come poc’anzi detto, si sia sì deciso di rendere “neutral” quattro bagni, ma, fortunatamente, due sono stati lasciati con la classica distinzione tra uomini e donne, tra i quali uno è quello della palestra. Viene allora da chiedersi come mai questa “eccezione”. Forse perché si è capito che, in fondo, si tratta di una scelta ideologica? Forse perché, lasciando distinti gli ingressi del bagno della palestra, si è palesato il disagio – e il pericolo – che ci può essere nei bagni neutrali soprattutto in determinati contesti? Naturalmente simili dubbi da alcuni vengono bellamente ignorati e ora, nell’università di Trento, c’è chi si augura che un bagno “gender neutral” possa essere introdotto addirittura in ogni dipartimento.

Un proposito, quest’ultimo, che non trova il consenso neppure di tutti i rappresentanti degli studenti. Anzi, ve ne sono alcuni apertamente contrari. Come per esempio Giacomo Mason di Azione Universitaria. «Le priorità sono altre e questa iniziativa dei bagni “gender neutral” non è nata dagli studenti, ma è semplicemente una proposta ideologica», spiega Mason «le priorità di chi studia qui, dai contributi per le tasse universitarie agli alloggi, sono tutt’altre».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/04/2022
1308/2022
Ss. Ponziano e Ippolito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco duro su gender e ddl Cirinnà

Nella sua prolusione all’assemblea della Cei il cardinale presidente stigmatizza l’azione del Parlamento su famiglia e scuola

Leggi tutto

Società

I nodi dell’alternanza scuola-lavoro

L’Occupazione di ottobre è ormai un rito (in)civile a cui le istituzioni non si sentono di sottrarsi, pena l’apparire “fasciste”. Quest’anno la scusa è data da “La buona scuola”, che ha trasformato
nominalmente tutte le scuole superiori in licei e fattivamente tutti i licei in scuole professionali.
Salvo che – per forza di cose – oltre a non insegnare più il sapere non insegnano neppure il fare.

Leggi tutto

Storie

RoBee: in Trentino il primo robot umanoide cognitivo “made in Italy”

“RoBee”, il primo robot umanoide cognitivo “made in Italy” pensato per supportare gli operatori nei lavori più usuranti e ripetitivi in ambito industriale e sanitario, trova casa in Polo Meccatronica.

Leggi tutto

Storie

Il PDF in prima fila sul caso Marano

“Masturbazione, orgasmo, preservativi e contraccezione, omosessualità e bisessualità, come si fa sesso o si resta incinta: sarebbero questi alcuni dei temi citati nel progetto di educazione all’affettività e alla sessualità dedicato ai bambini di quinta elementare della scuola primaria “Edmondo De Amicis” di Marano sul Panaro, in provincia di Modena

Leggi tutto

Società

Contro l’ideologia gender a scuola, 7 pratici consigli ai genitori

Sta per cominciare l’anno scolastico, piccola guida operativa e concreta per difendere i nostri figli

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano