Storie

di Simona Trecca

La sanità tra umanità e mancanza di dignità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo 25 anni di matrimonio, due parti naturali, dopo aver organizzato, programmato, pianificato la mia vita e quella della mia famiglia, alla soglia dei cinquant’anni mi ritrovo per la prima volta nella condizione di non poter avere alcun controllo su di essa, consapevole che dovrò affidarla per qualche giorno a persone sconosciute: devo operarmi. Ospedale di Roma periferia est. L’appuntamento programmato è per le 09:30 nella sala di attesa del reparto ortopedia dove è presente anche la mia futura vicina di letto. Dopo aver dato i nostri nominativi all’infermiera che si è affacciata dalla porta satinata, rimaniamo in attesa di essere introdotte nel reparto. Dopo circa un’ora arriva una gentilissima infermiera che si scusa per il ritardo e ce ne spiega il motivo: sono in corso le dimissioni giornaliere e si stanno rassettando le stanze. Alle 11:30 la stessa signorina ritorna e ci invita a seguirla accompagnandoci in stanza, ci fornisce i primi ragguagli, ci porta i fogli da firmare per la privacy, l’informativa sull’operazione e risponde con cortesia a tutte le nostre domande. La prima cosa che mi colpisce è che nella stanza ci sono solo due letti. C’è un bagno in camera completo di doccia e di carta igienica che più di una persona mi aveva suggerito di portare con me! Completa l’arredamento un armadietto per ognuna di noi, la televisione, un tavolo lungo per mangiare, due sedie e i carrelli per i pasti. L’essenziale mengoniano. Nell’attesa di essere operata nella stessa giornata, sono testimone di una cosa che mi ha veramente colpita. La mia vicina di letto aveva una forte emicrania, ha avuto bisogno di assistenza più volte. Le operatrici si presentavano in stanza a chiedere come stesse, se avesse bisogno di qualcosa; si alternavano i turni e le persone ma la premura verso di noi era sempre la stessa. Per non parlare della pulizia della stanza, che avveniva regolarmente ogni giorno e in maniera approfondita. Poi è arrivato il turno della mia operazione. L’infermiera è venuta cortese e professionale e mi ha portata in sala operatoria, dove altri ragazzi giovani e gentili mi parlavano e rassicuravano anche quando causa le mie piccole vene non riuscivano ad infilarmi l’ago. Poi il buio. Operazione riuscita. Mi sono risvegliata al suono del mio nome. Riportata in camera scopro che non possono minimamente muovervi neanche per fare la … pipì! C’era un via vai in camera di personale ,addetti al comfort, operatori sanitari che chiedevano se avessimo bisogno di qualcosa ed ogni nostro desiderio era un ordine!

Io e la mia vicina di letto continuavamo a suonare alternativamente il campanello per esigenze diverse e loro continuavano ad accorrere, ad accudirci con pazienza, a somministrarci terapie con una professionalità e cura che stentavo a riconoscere, ad usare parole gentili, ad infilarmi quella padella per la pipì a ritirarla senza una minima espressione di disgusto che ho avuto invece io di me stessa la prima volta in cui ho dovuto usarla. Insomma degli angeli custodi!

Il giorno delle dimissioni io e la mia vicina di letto abbiamo avuto modo di esprimere le nostre piacevoli osservazioni ad alcuni di questi operatori ringraziandoli di così tanta umanità; erano felicissimi di ricevere tanti complimenti e si vedeva dall’espressione dei loro volti che erano gratificati Improvvisamente però ho rivolto loro una domanda che ha spento quella gioia dai loro occhi : lavorate per una cooperativa?. E hanno risposto di sì che purtroppo “erano di cooperativa”. Sappiamo tutti che le cooperative pagano poco i loro dipendenti . Sappiamo benissimo che le cooperative, pagano una retribuzione oraria che è ridicola paragonata alla professionalità che questi ultimi offrono. Che quando scadono i contratti ,vengono assunti da altre cooperative, in un girone infernale di licenziamenti e assunzioni. Sappiamo tutti che le cooperative nascono per alleggerire i bilanci alla voce risorse umane delle grandi società pubbliche e private. Fenomeno nazionale. Ma queste persone non sono numeri sono esseri umani che hanno da offrire una professionalità e doti umane quali la cortesia e la gentilezza in momenti delicati della vita delle persone che per necessità vi si affidano. Ho chiesto al caposala profumatissimo di voler segnalare tutto questo e di elogiare queste persone perché quando le cose funzionano vanno evidenziate. Nel mio piccolo ho fatto qualcosa per loro come segno di ringraziamento .

Quando invece sarà lo Stato, la politica, a fare veramente qualcosa per i nostri giovani in questo senso, ad assicurare loro una dignità lavorativa una retribuzione pari alla loro professionalità e ad annullare così un precariato che mette paura?

Questa è la sanità di cui tutti vorremmo usufruire, una sanità che faccia rima con umanità ma deve essere dignitosa per tutti. La sanità buona esiste fin quando esistono queste persone che lavorano con passione e dedizione Ma oltre che un diritto, è dovere garantire a tutti la giusta mercede. Soprattutto se si tratta dei nostri figli, del nostro futuro!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/04/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Eu: all’Italia 4,7 miliardi per sostenere l’occupazione

La Commissione europea ha concesso 4,7 miliardi di euro all’Italia a titolo di REACT-EU per sostenere la risposta del paese alla crisi del coronavirus e contribuire a una ripresa socioeconomica sostenibile.

Leggi tutto

Storie

Beirut, al via la causa di beatificazione del martire padre Nicolas Kluiters

Nato a Delft (Olanda) nel 1940, Kluiters era entrato nel 1966 nei gesuiti dopo studi di Belle arti. Tuttavia, egli ha preferito rinunciare ai suoi pennelli come san Pietro aveva rinunciato alle sue reti da pesca. Nei 10 anni successivi, dopo aver completato gli studi di teologia, egli è stato ordinato sacerdote. Ha quindi soggiornato in Libano, imparato l’arabo e ottenuto un diploma di assistente sociale dalla Usj. Poi nel 1976, in accordo con i suoi superiori, in particolare con il superiore generale dei gesuiti p. Peter-Hans Kolvenbach egli sbarca nel Paese dei cedri per iniziare la propria missione.

Leggi tutto

Politica

Guardie Svizzere, il 6 maggio giurano 36

Le guardie della Guardia Svizzera Pontificia prestano il giuramento nell’anniversario del Sacco di Roma. Il 6 maggio 1527, 189 guardie svizzere difesero Papa Clemente VII contro un esercito schiacciante di lanzichenecchi tedeschi e mercenari spagnoli. 147 caddero in battaglia, compreso l’allora comandante Kaspar Röist di Zurigo. 42 guardie riuscirono a fuggire attraverso il “Passetto di Borgo” verso Castel Sant’Angelo. Papa Clemente VII fu costretto ad arrendersi poco dopo, ma la sua vita e quella delle 42 guardie furono risparmiate dalla furia sanguinaria.

Leggi tutto

Società

India: allarme malnutrizione infantile

Negli ultimi tre anni oltre 6mila bambini sono morti a causa della denutrizione nello Stato di Mumbai. Molti di loro provenivano da famiglie tribali, con genitori a loro volta vittime di matrimoni precoci

Leggi tutto

Politica

Speranza deve andare a casa

Chi vuole essere ucciso, può stare sereno: non deve pagare. O meglio, è giusto che al suo posto paghino tutti. Lo ha dichiarato apertamente nelle scorse ore il Ministro della Salute, Roberto Speranza. «Una volta che la procedura di verifica del rigoroso rispetto delle condizioni individuate dalla Consulta sia stata completata», ha detto parlando con La Stampa, «le strutture del servizio sanitario nazionale non possono assumere atteggiamenti ostruzionistici, né è ipotizzabile che i costi siano a carico del paziente».

Leggi tutto

Storie

Arrestati 34 pusher con il reddito di cittadinanza

Spacciatori ma con il reddito di cittadinanza. È quanto emerso dal blitz antidroga che ha portato all’arresto di 58 persone a seguito dell’operazione antidroga dei carabinieri della compagnia “San Lorenzo” nel quartiere Sperone di Palermo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano