Chiesa

di Giuseppe Udinov

Iraq -  Sako: la luce della Pasqua di Cristo illumini le tenebre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel tempo di Pasqua, che quest’anno coincide in parte con il Ramadan (mese di digiuno e preghiera del calendario islamico), “Ogni credente in Dio, e in particolare i cristiani, deve rifiutare la logica mortifera della guerra”. Il richiamo viene dal Cardinale Louis Raphael Sako, Patriarca della Chiesa caldea, che nel messaggio diffuso per l’imminente solennità cristiana invita a guardare la resurrezione di Cristo come l’unica luce che può rischiarare le tenebre del tempo presente, segnato dai presagi di “una devastante guerra mondiale”.

Riferendosi esplicitamente alle guerre che dilaniano il mondo, il Patriarca caldeo invita “tutti i credenti, cristiani e musulmani, che attualmente digiunano per il Ramadan, e anche gli ebrei, a guardare alla tragedia in Ucraina e nei Paesi del Medio Oriente, alla loro umiliazione e allo smantellamento del loro bellissimo mosaico”. Oggi più che mai – fa notare il Cardinale iracheno - la celebrazione della Pasqua rappresenta un’occasione propizia per riconoscere anche in questo tempo “l’amore di Dio per gli uomini, la sua vicinanza e la sua infinita misericordia verso tutti”, che si manifesta “attraverso la risurrezione di Cristo”, avvenuta “per la salvezza dell’umanità”.

La risurrezione di Cristo “viene per risplendere su coloro che stanno nelle tenebre e nell’ombra della morte, e dirigere i nostri passi sulla via della pace”, ricorda il Cardinale iracheno, ripetendo le parole del Cantico evangelico di Zaccaria, padre di Giovanni il Battista. E’ la resurrezione di Cristo che fa fiorire gesti gratuiti di carità verso i fratelli, e raccoglie gli uni accanto agli altri, come avvenne ai discepoli di Gesù, “che furono uniti quando Lui è risorto, e hanno condiviso con amore tutto ciò che possedevano”.

Quindi il Patriarca caldeo si domanda come mai i valori spirituali cristiani siano scomparsi nella maggior parte delle attuali società, a cominciare da quelle occidentali: “Che cosa abbiamo fatto dell’insegnamento di Cristo, che ci ha chiamato ad amare tutti, compresi i nostri nemici?” La Chiesa – prosegue il Cardinale Sako - è chiamata a guardare l’attualità che plasma la vita delle nostre società alla luce del Vangelo. Quando ciò non accade, quando non si fa tesoro di quella luce, anche l’agitarsi in tante iniziative ecclesiastiche finisce per essere “infecondo”.
Presidenti, autorità religiose e comunità sociali – aggiunge il Patriarca riferendosi al sanguinoso conflitto apertosi nel cuore dell’Europa – “dovrebbero lavorare per porre fine alla guerra tra Russia e Ucraina, per risolvere il conflitto con gli strumenti della diplomazia, invece che con le armi. Basta guerre, vittime, dolore, distruzione, migrazione, povertà e malattie. Dovrebbe esserci fine alla produzione di armi letali dovunque”, e “ogni persona onesta deve rifiutare questo inferno”.

Rivolgendo anche un pensiero alla paralisi politico-istituzionale creatasi in Iraq dopo le elezioni di ottobre, il Patriarca Sako auspica che le forze politiche si assumano le proprie responsabilità davanti al destino della nazione, e adottino “il linguaggio del dialogo e della comprensione reciproca, che è l’unico modo per uscire dal preoccupante blocco politico e per formare un governo nazionale” in grado di por mano con urgenza e saggezza alle riforme necessarie per salvaguardare la tenuta economica e la coesione sociale del Paese.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/04/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco all’Unesco scrive di pace

In occasione dei 75 anni dalla nascita dell’agenzia delle Nazioni Unite, Francesco in un videomessaggio ne sottolinea il comune servizio alla pace e alla solidarietà, allo sviluppo della persona e alla tutela del patrimonio culturale.

Leggi tutto

Politica

La crisi Ucraina

Russia, Ucraina, gli Stati Uniti ed il controllo sull’Europa

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai giovani: la guerra ci mette alla prova

In un videomessaggio, il Papa esorta ragazze e ragazzi che si stanno preparando alla Gmg del 2023 a Lisbona, in Portogallo, ad avere coraggio per uscire dalle crisi,

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco a Malta nel segno della pace

Presentato nella Sala Stampa della Santa Sede il viaggio apostolico nell’arcipelago del Mediterraneo. Il direttore Matteo Bruni: sarà difficile non parlare della guerra in Ucraina

Leggi tutto

Storie

La Turchia in Siria ed Iraq danneggia chiese

Ankara ha lanciato l’operazione di primavera “Claw Lock” contro obiettivi curdi oltre-confine. Morto un 26enne cristiano a Khabour, i jihadisti attaccano col sostegno turco.

Leggi tutto

Storie

SUD SUDAN -  Nasce una radio per diffondere la pace e proclamare il Vangelo

“Vogliamo creare un centro di produzione che tenga vive le tradizioni del teatro e della musica del Sudan del Sud. Dato che siamo già ben collegati con molte tribù, possiamo benissimo preservare e valorizzare l’eredità culturale del Paese” ha dichiarato p. Tamil Selva, salesiano della comunità di Tonj

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano