Media

di Roberto Signori

Ecco la festa di Sant Jordi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il 23 aprile, giorno della festa di Sant Jordi (San Giorgio), dopo il notevole successo riscontrato lo scorso anno nelle librerie di Roma, la Delegazione in Italia del Governo della Catalogna ripropone l’iniziativa culturale di promozione della letteratura catalana, sulla scorta di quanto avviene a Barcellona e nel resto della Catalogna. Con due novità: l’allargamento dell’iniziativa ad altre 10 città italiane e la presenza di una scrittrice catalana.

Grazie alla collaborazione di Associazione Librai Italiani, Librerie di Roma, network Libri da Asporto e Istituto Ramon Llull, nelle librerie aderenti sarà allestito un “corner” per la promozione della vendita di libri di autori catalani tradotti in italiano. Gli acquirenti riceveranno in omaggio una rosa e alcuni gadget (una borsa con il logo della festa e una cartolina-segnalibro sulla quale sarà possibile scrivere un’eventuale dedica). Il logo rappresenta il cavaliere Sant Jordi (l’elmo) con gli elementi stilizzati caratteristici della festa, che sono appunto la rosa e il libro.

La prima novità riguarda le librerie aderenti. Quest’anno saranno 18 a Roma più dieci in altrettante città italiane. Ai principali capoluoghi si aggiunge Alghero, che ha legami secolari con la Catalogna e dove tutt’oggi si parla catalano.

La seconda novità sarà la presenza a Roma di Maria Barbal. La scrittrice catalana, che ha ricevuto numerosi premi, presenterà il suo ultimo libro “Tandem”, appena tradotto in italiano, e firmerà le copie acquistate, presso la libreria Altroquando (via del Governo Vecchio, 82), dove alle ore 18 dialogherà con Elena Stancanelli.

La festa di Sant Jordi nel corso degli anni si è trasformata in una peculiarità della cultura e in un momento di rivendicazione dell’identità catalana. Per questo a molti balconi di Barcellona e dell’intera Catalogna il 23 aprile viene esposta la senyera, la bandiera del Paese, diventata uno degli elementi della giornata insieme a quelli tradizionali, il libro e la rosa, che rappresentano la celebrazione della cultura e dell’amore.

La festa, infatti, nasce a Barcellona nel XV secolo, soprattutto per fidanzati e innamorati, basata sulla leggenda del cavaliere San Giorgio che salvò la figlia di un re uccidendo un drago. Negli anni Venti del secolo scorso si aggiunse la promozione del libro, nella stessa data che coincide con la morte di due grandi autori come Cervantes e Shakespeare. San Giorgio, morto martire sotto Diocleziano, è il patrono della Catalogna dal 1456.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/04/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Scuola, Appendino ideologica e autoritaria

L’assessore alla Scuola Federica Patti, per cercare di limitare il clamore suscitato dalla decisione della giunta – quella di spezzare le reni agli istituti paritari – ha rilasciato un’intervista a Paola Pintus che appare la classica toppa peggiore dello strappo. Patti si esibisce allora in una serie di omissioni e di manipolazioni della legge Berlinguer 62/2000 che solo alla disonestà o all’impreparazione può attribuirsi

Leggi tutto

Media

Vie di sblocco di un’autentica crescita

Il pensiero unico sta svuotando, manipolando, spogliando di tutto, tante persone. È necessario individuare i media liberi, farli conoscere, è necessaria l’accoglienza reciproca al di là delle diversità. Uscire dalle sordità e dagli interessi di bottega che spingono a non imparare dagli altri e a difendere il proprio orticello senza reciproca accoglienza, senza diffondere la conoscenza anche di altri media liberi. Sono miopie che spengono la maturazione delle persone e le lasciano ingabbiate da quel pensiero unico che emargina ogni altra voce. Si ritorcono dunque subito contro la testata sedicente libera ma di tali corte vedute perché, per esempio, la gente non legge più.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Unesco scrive di pace

In occasione dei 75 anni dalla nascita dell’agenzia delle Nazioni Unite, Francesco in un videomessaggio ne sottolinea il comune servizio alla pace e alla solidarietà, allo sviluppo della persona e alla tutela del patrimonio culturale.

Leggi tutto

Politica

Pechino: attività religiose online vietate

Pubblicate le nuove misure che entreranno in vigore il primo marzo 2022. Le regole valgono per messe, sermoni, formazione e tutti i servizi d’informazione religiosa. È il controllo “democratico” sulle religioni voluto da Xi.

Leggi tutto

Storie

Hong Kong: cattolici e protestanti chiedono l’amnistia per i detenuti

La speranza è anche che papa Francesco sottoscriva la petizione presentata alle autorità della città.

Leggi tutto

Storie

Filippine - Il cardinale Advincula laverà i piedi ai nuovi elettori

Nel Giovedì Santo gesto simbolico dell’arcivescovo di Manila alla vigilia del delicatissimo voto del 9 maggio che designerà il successore di Duterte alla presidenza. Tra i dodici prescelti anche un giornalista per ricordare l’importanza di un’informazione corretta per una vera democrazia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano