Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Tutto muta tranne Dio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Papa - È il giorno della Passione del Signore. Domina il silenzio fra i circa 3500 fedeli radunati nella Basilica di San Pietro, mentre il Papa incede lentamente verso l’altare della Confessione. Francesco prende poi posto di fronte alla statua di San Pietro e ha inizio la liturgia della Parola.

Le pagine del Vangelo di Giovanni raccontano l’arresto di Gesù e tutti gli eventi che seguono, fino alla morte sulla croce e alla sepoltura. Ma è sul colloquio con Pilato che si sofferma il cardinale Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa Pontificia, al quale è affidata l’omelia del Venerdì Santo.
“Cos’è la verità?”, aveva chiesto il governatore della Giudea a Gesù che gli aveva rivelato di essere venuto nel mondo “per dare testimonianza alla verità”. Il procuratore romano è scettico di fronte alle parole del Nazareno, ne scansa il significato. Anche oggi, come in passato, l’uomo continua a domandarsi cosa sia la verità, commenta padre Cantalamessa, ma, come Pilato, volta distrattamente le spalle a colui che ha detto “Io sono la Verità!”. Sviluppando la sua riflessione, il predicatore della Casa Pontificia guarda poi all’oggi e afferma: Quest’anno celebriamo la Pasqua non al suono gioioso di campane, ma con il rumore sinistro di bombe ed esplosioni devastanti che avvengono non lontano da qui. Ricordiamo quello che rispose un giorno Gesù alla notizia del sangue fatto scorrere da Pilato, e del crollo della torre di Siloe: “Se non vi convertirete, perirete tutti allo stesso modo”. Se non cambiate le vostre lance in falci, le vostre spade in aratri, i vostri missili in fabbriche e case, perirete tutti allo stesso modo!”.

E ancora, riguardo agli ultimi eventi di cronaca, il porporato avverte che “gli assetti del mondo possono cambiare da un giorno all’altro”, che “tutto passa, tutto invecchia” e aggiunge: “C’è un solo modo di sottrarsi alla corrente del tempo che trascina tutto dietro di sé: passare a ciò che non passa! Mettere i piedi sulla terra ferma! Pasqua significa passaggio: facciamo tutti quest’anno una vera Pasqua, Venerabili Padri, fratelli e sorelle: passiamo a Colui che non passa. Passiamo ora con il cuore, prima di passare anche con il corpo!”.

Padre Cantalamessa osserva che negli odierni dibattiti su religione e scienza, su fede e ateismo, non viene mai fatto il nome di Gesù, come se nel mondo non fosse mai esistito. Ne consegue che “la parola ‘Dio’ diventa un contenitore vuoto che ognuno può riempire a proprio piacimento. E Gesù, “la Verità che si è fatta carne”, viene lasciato fuori dal discorso su Dio, perché “toglie all’orgoglio umano ogni pretesto per decidere, lui, che cos’è Dio”. Si dubita persino della sua esistenza. E a tal proposito, il predicatore della Casa Pontificia prende in prestito una lettera dello scrittore John Ronald Tolkien al figlio, per obiettare che “occorre una stupefacente volontà di non credere per supporre che Gesù non è mai esistito o che non abbia detto lui le parole che gli vengono attribuite, tanto esse sono impossibili a inventarsi da nessun altro essere al mondo, come: ‘Prima che Abramo fosse, Io sono’; e ‘Chi vede me vede il Padre’”.
Oggi, prosegue padre Cantalamessa, c’è chi pensa, persino, che la verità non esiste, che tutto è relativo e nulla e certo, che “non c’è più spazio per ‘le grandi narrazioni sul mondo e sulla realtà’, comprese quelle su Dio e su Cristo. Ma è sprecata la vita di quell’uomo che non si rende conto dell’esistenza di Dio, sottolinea il predicatore della Casa Pontificia citando Søeren Kierkegaard. E se si dice che c’è troppa ingiustizia e troppa sofferenza nel mondo per credere in Dio, padre Cantalamessa considera: “È vero, ma pensiamo a quanto più assurdo e intollerabile diventa il male che ci circonda, senza la fede in un trionfo finale della verità e del bene. La Risurrezione di Gesù dai morti che celebreremo fra due giorni è la promessa e la garanzia che quel trionfo ci sarà, perché è già cominciato con lui”.

Per il predicatore della Casa Pontificia, infine, il dialogo di Gesú con Pilato offre anche una riflessione per i credenti. E sono ancora considerazioni dello scrittore Tolkien a suggerire risposte. Pensando a quegli uomini di Chiesa e a quei sacerdoti che hanno squalificato il nome di Cristo con orrendi misfatti, abbandonare la fede sarebbe una soluzione di comodo “perché ci spinge a distogliere lo sguardo da noi stessi e dalle nostre colpe e trovare un capro espiatorio”, e invece c’è da “piangere con le vittime e per le vittime dei nostri peccati”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/04/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Nuove speranze per Charlie

La vita di questo bambino innocente è diventata suo malgrado il campo sul quale l’ideologia della cultura della morte ha scatenato la battaglia finale per impossessarsi del diritto di disporre della vita delle persone anche contro la loro stessa volontà ovvero di chi ne ha la potestà, in questo caso genitoriale.

Leggi tutto

Chiesa

I #Vescovi italiani guardano al Paese reale

Scuola ed educazione, lavoro e povertà, sicurezza e migranti: sono solo alcuni dei temi (secolari) toccati dal documento finale prodotto dalla Conferenza Episcopale Italiana al termine della riunione autunnale del Consiglio Permanente. Per il resto si è toccata, fra le altre, la questione squisitamente liturgica della diffusione dell’ultima edizione del Messale Romano.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco incontra la Famiglia Paolina

Papa Francesco ha incontrato 150 membri della Famiglia Paolina in occasione delle celebrazioni per i 50 anni dalla morte del fondatore, il beato Giacomo Alberione

Leggi tutto

Chiesa

Grecia: Papa Francesco incontra i giovani

Papa Francesco incontra ragazzi e ragazze di tutta la Grecia, a conclusione del suo viaggio apostolico.

Leggi tutto

Chiesa

Riflessione sul cammino nella Chiesa

Vi è una strada semplice per rinnovare la vita propria, della Chiesa, del mondo, se si riceve e si trasmette, ci si scambia, questa grazia: mettersi alla sequela di Gesù come lui ci ha insegnato. Ossia tornando continuamente a meditare vissutamente, personalmente e comunitariamente, prima di tutto i vangeli. Non dando Gesù per scontato, non riducendo dunque la fede ad una morale astratta.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: il male non viene da Dio

Nel Vangelo della domenica Gesù spiega che disgrazie e sventure non sono da attribuire a Dio. Allo stesso modo, afferma il Papa all’Angelus, i terribili fatti di queste settimane non sono un castigo dell’Onnipotente. “È il peccato che produce la morte; sono i nostri egoismi a lacerare le relazioni; sono le nostre scelte sbagliate e violente a scatenare il male”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano