Politica

di Giuseppe Udinov

Regno Unito: piano per trasferire i migranti in Ruanda

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Lo schieramento della Royal Navy a pattugliare il Canale della Manica, ma soprattutto la minaccia di trasferimento dei migranti in Ruanda, in Africa, a 6000 chilometri dalla Gran Bretagna. Così il governo di Boris Johnson risponde alla ripresa massiccia degli sbarchi sulle coste inglesi. Solo mercoledì oltre 600 persone sono arrivate su barche e gommoni.

L’annuncio è stato fatto dallo stesso premier conservatore dalla costa inglese del Kent, il quale ha poi spiegato che “l’opzione Ruanda” fungerà da deterrente, ovvero i migranti, che da ora in poi arriveranno e chiederanno asilo politico, saranno trasferiti nel Paese africano, dove si svolgerà tutto il loro iter burocratico, il quale, in caso di successo, permetterà loro di avere assistenza in Ruanda, mentre in caso contrario saranno fatti tornare nel Paese di provenienza. E proprio ieri il ministro degli Interni britannico, signora Priti Patel, era nella capitale ruandese, Kigali, per firmare un memorandum con il governo locale che stanzia 120 milioni di sterline per finanziare il progetto. Il piano di trasferimento dei migranti ha suscitato le critiche immediate di diverse organizzazioni umanitarie e dell’Unhcr. L’agenzia dell’Onu ha espresso forte preoccupazione e ha invitato Londra ad astenersi dal trasferire i rifugiati in Africa. La misura non convince nemmeno tanti conservatori che parlano di misura inattuabile.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/04/2022
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Se le nozze le fissa il commercialista

Nel 2015 i matrimoni sono aumentati, ma i divorzi sono schizzati in su con un +57% rispetto al 2014, evidentemente a causa della novella legge sul divorzio breve. Gli ospiti, con la leggerezza che si addice ad uno studio televisivo come questo, hanno sparato in libertà diverse impressioni personali sul tema: si è detto che sposarsi giovani è un male, perché il matrimonio è un impegno serio, per cui l’aumento dell’età media per convolare a nozze è una cosa buona; bisogna sposarsi quando arriva il momento giusto, salvo poi che questo momento giusto non lo sa definire nessuno.

Leggi tutto

Società

Stupri di donne ed uomini lasciati soli

Come Mario Adinolfi ha recentemente sintetizzato spulciando i dati istat, in una classe di 25 ragazzi delle superiori statisticamente si trovano un consumatore abituale di cocaina, 2 consumatori di oppiacei o droghe sintetiche, 5 dediti alla cannabis e 7 soliti alle sbronze nei week end. Questi dati sono allarmanti e gravissimi e fotografano una realtà giovanile allo sfascio: un ragazzo annebbiato da droghe o alcool è facilmente coinvolgibile in risse, che poi finiscono sempre molto male, o può essere soggetto di violenze, se trascinato in gruppo, nonché mette a rischio la propria e altrui incolumità se si mette alla guida. Per non parlare dei danni diretti che fa alla propria salute.

Leggi tutto

Politica

Cosa accade realmente nel Popolo della Famiglia

Mario Adinolfi traccia un’analisi degli avvenimenti che hanno contraddistinto la settimana del PDF.

Leggi tutto

Politica

Berlusconi “eutanasizza” Forza Italia

Leggi tutto

Società

Manco al cinema posso andare

29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Leggi tutto

Politica

PERDONO PERCHÉ TACCIONO SUI VALORI

Se alle sinistre sempre più simili al partito radicale di massa profetizzato da Augusto Del Noce sapremo opporre il campo vasto dei diritti sociali e dei valori nazionali, allora un’alternativa di governo del Paese sarà possibile. Se si vuole solo essere la copia sbiadita con qualche no episodico alla piattaforma di tristi novità proposte dalle sinistre, le sconfitte dell’ottobre 2021 saranno destinate a ripetersi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano