Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Benedetto XVI ha compiuto 95 anni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Era il 16 aprile 1927 – un Sabato Santo – quando Joseph Ratzinger, poi Papa Benedetto XVI, nacque nella cittadina bavarese di Marktl am Inn. E anche quest’anno il suo compleanno è caduto il giorno della Vigilia della Santa Pasqua. La sua vita riempie una biografia secolare, la sua personalità ha profondamente plasmato la Chiesa e la teologia, come sottolinea l’arcivescovo Georg Gänswein, segretario privato di Benedetto XVI. “Il Papa Emerito - dice - è di buon umore, naturalmente è fisicamente relativamente debole e fragile, ma piuttosto lucido”.

95 anni è un’età importante. Non si è celebrata una festa, aveva fatto sapere monsignor Gänswein, poiché il Sabato Santo, è “il giorno che esprime il riposo sepolcrale di Cristo”. Riposo anche per la domenica di Pasqua, ovviamente, aggiunge, “è prevista la celebrazione liturgica. Poi, durante la settimana di Pasqua, delegazioni più piccole e alcune persone verranno a porgere i loro auguri”. Monsignor Gänswein ricorda la visita di Papa Francesco al monastero Mater Ecclesiae nei Giardini Vaticani per gli auguri, lo scorso 13 aprile, una visita anticipata – rimarca – dato che il Sabato Santo è “un giorno molto impegnativo per Francesco”. Da qualche tempo, racconta ancora monsignor Gänswein, il Papa Emerito non celebra più la Pasqua come celebrante principale, semplicemente “perché non ha più la forza di stare sempre in piedi e non ha più la forza nella voce. Tuttavia - precisa - segue la liturgia, vi partecipa concelebrando, con grande enfasi interiore. Ne trae anche nuova forza, giorno dopo giorno, per la sua vita”.

In generale, la routine quotidiana al monastero Mater Ecclesiae, spiega monsignor Gänswein, “non è cambiata da quando il Papa è diventato Emerito. Inizia sempre con la parte più importante della giornata, la mattina presto, cioè la Santa Messa e le preghiere del Breviario. Poi il momento della colazione e una pausa. Quindi Benedetto XVI si dedica alla corrispondenza e alle letture del mattino. Ogni tanto c’è spazio per la musica, fino all’ora del pranzo”. Ancora, nel pomeriggio, un momento per un breve riposo e, di tanto in tanto, per accogliere le persone in visita. Tutto dipende - conclude monsignor Gänswein - da come il Papa Emerito si sente. Nel pomeriggio non manca la “piccola passeggiata nei Giardini vaticani con la recita del Rosario, ma seduti”. La giornata si conclude quindi dopo cena con il telegiornale in italiano e con “la preghiera della sera”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/04/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa delle parole chiare

Il merito principale di Papa Francesco è quello di adottare un linguaggio privo di ambiguità

Leggi tutto

Chiesa

Ecco chi c’era al “sinodo-ombra” di maggio

Esce un libro in cui i “docenti di teologia” del conciliabolo in Gregoriana vengono allo scoperto, con nomi (sconosciuti),
numeri (risibili) e tesi (le solite). E le minacciose ombre proiettate sul cinematografo di Repubblica svaniscono d’incanto

Leggi tutto

Storie

Matrimonio lesbico in una chiesa di Macerata

Non lo è dal punto di vista giuridico (per quanto i nominalismi contino sempre di meno e le parole al giorno d’oggi assumano talvolta significati quasi opposti a quelli che rintracciamo nei dizionari), e non lo è nemmeno dal punto di vista sostanziale: il matrimonio è l’unione di un uomo e di una donna che suggellano un patto senza data di scadenza né fini espliciti, se non quello di mostrare la propria disponibilità alla vita che potrà venire, accoglierla, proteggerla, educarla e fornire alla società intera il dono impagabile di una nuova generazione.

Leggi tutto

Politica

A Torino si lava il cervello alla P.A.

L’unica cosa sulla quale concordo con l’assessore ArciGay Giusta è il fatto che il tema del linguaggio non sia una questione di puntiglio. Per i motivi esattamente opposti ai suoi. Il linguaggio esprime sempre una struttura di valori e costumi che si porta dietro e più in generale potremmo dire davvero che veicola una visione antropologia precisa. Ogni lingua ha una storia, ogni lingua è espressione della cultura di un popolo. Ed è per questo motivo che oggi più che mai è necessario puntigliosamente tornare a ridare alla parole il loro originario e reale significato. Altrimenti si rischia solo di violentare non solo un linguaggio, ma evidentemente l’insieme dei valori e storie che esso (il linguaggio) si porta con sé e veicola. Un linguaggio che forzosamente livella le differenze non solo violenta l’uso delle parole, ma soprattutto appiattisce a ribasso la bellezza variegata della realtà.

Leggi tutto

Chiesa

Lo Spirito e la spiritualità evangelica nella riforma della Chiesa

Presentazione del libro di monsignor Marchetto

Leggi tutto

Chiesa

La Quaresima e le Chiese Stazionali

Nel nostro secolo intendiamo con stazione un luogo di sosta lungo un percorso. Nel mondo romano la terminologia relativa alla viabilità era specializzata con termini specifici come mansio, mutatio e, appunto, statio che è perdurato fino a noi. Per statio si intendeva per lo più un posto di guardia militare, dislocato lungo le vie e i confini dell’Impero, ma nelle fonti il suo uso si riscontra flessibile e riguarda anche funzioni amministrative o di semplice sosta e ristoro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano