Storie

di Roberto Signori

Disabili fatti scendere dal treno, Trenitalia: “Abbiamo fatto il possibile”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Noi abbiamo fatto il possibile, abbiamo organizzato un pullman, fornendo un kit di assistenza per mangiare e bere e per tutti ci sarà il rimborso integrale del biglietto”, questa la versione ufficiale di Trenitalia a commento di quanto avvenuto nella stazione di Genova Piazza Principe dove un gruppo di disabili ha trovato i propri posti (prenotati in anticipo) occupati da un gruppo di turisti i quali li hanno obbligati a scendere e andare a Milano in pullman. “I turisti erano tutti italiani - prosegue Trenitalia -, erano di ritorno dalle vacanze di Pasqua e avevano il regolare biglietto per quel treno, ma avrebbero potuto proseguire il viaggio restando in piedi”. Ma l’associazione Haccade interviene sulla vicenda: “Non è colpa di chi non si è alzato ma di chi non ha garantito il servizio”.

Trenitalia “aveva riservato sulla prima vettura del treno regionale 3075 Albenga-Milano i posti necessari a far viaggiare da Genova a Milano una comitiva di persone con disabilità, 27 persone e 3 accompagnatori. Sul treno, arrivato a Genova Piazza Principe, in ritardo per un precedente atto vandalico, che aveva costretto a cambiare tipo di convoglio a Savona, sono saliti numerosi viaggiatori occupando tutti i posti, compresi quelli tenuti e rimasti fino a Genova liberi per la comitiva. A quel punto il personale di assistenza alla clientela è salito a bordo per invitare le persone a liberare quei posti. Dopo circa venti minuti, nell’impossibilità di persuadere i clienti e permettere alla comitiva di viaggiare seduta e in maniera confortevole, com’era previsto, Trenitalia ha individuato una soluzione alternativa, utilizzando un pullman”. E’ questa la ricostruzione di Trenitalia di quanto avvenuto nella stazione di Genova Piazza Principe, fornita dalla stessa azienda ferroviaria.

“E’ stata quindi fornita a Genova la massima assistenza - si legge nella nota -, consegnando a ciascuno un kit con snack e bevande, accompagnandoli ai servizi igienici e, successivamente, al pullman per raggiungere Milano. Trenitalia, esprimendo vivo dispiacere e sdegno per l’accaduto, rimborserà integralmente il biglietto a tutti i partecipanti e conferma il proprio impegno a tutelare il diritto alla mobilità di tutti, in particolar modo di chi, per poterne godere pienamente, necessita di ogni doverosa attenzione: professionale, organizzativa e di comune senso civico”.

La replica dell’associazione Haccade: “Una narrazione agghiacciante di Trenitalia” - “La responsabilità di quanto successo non è di chi non si è alzato, ma di chi non ha garantito il servizio”: lo ha detto Giulia Boniardi, responsabile di Haccade, l’associazione con cui viaggiavano i 25 disabili che non sono riusciti a salire sul treno e sono dovuti tornare in pullman a Milano. “Stanno mettendo le persone una contro l’altra - ha detto all’agenzia Ansa -, è una narrazione agghiacciante, il focus è la mancata tutela di un diritto, quello di viaggiare, il messaggio - sottolinea Boniardi - non è ‘poveri disabili trattati male’”.

I ragazzi si sono accorti del “polverone” leggendo i giornali - Avevano passato il giorno di pasqua passeggiando per Genova e mangiando la focaccia i “turisti per Kaos” ospiti del progetto di vacanze per persone con disabilità cognitiva o psichica, nato nel 2011 e ampliato negli anni grazie all’associazione Haccade. Del polverone causato da quanto successo lunedì pomeriggio, quando sono dovuti rientrare a Milano in pullman, anziché in treno “si sono accorti solo oggi, leggendo i giornali” racconta Boniardi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/04/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

I disabili dicono “no” al Super Green Pass:

Il Movimento Genitori Lombardia, che riunisce oltre 400 nuclei familiari nella Regione con figli disabili – per la prevalenza autistici, con gravi intolleranze alimentari e malattie croniche rare, dice NO agli obblighi previsti per il personale ATA e docenti, che comprende gli insegnanti di sostegno, in quanto le restrizioni del super green pass per l’accesso alle strutture scolastiche rischierebbero di lasciare senza assistenza nel loro percorso scolastico i bambini e i giovani con grosse difficoltà di apprendimento a seguito di sospensioni e/o abbandono degli incarichi.

Leggi tutto

Società

Guarita e con due dosi,  la fanno scendere di notte dal treno

Nemmeno di fronte all’evidenza e all’eccezionalità del caso, nemmeno di fronte alla prospettiva di lasciare una ragazzetta da sola in stazione per tutta la notte i controllori hanno ritenuto di «lasciare correre». Anna è stata costretta a scendere e ad aspettare che la madre la venisse a prendere dalla Liguria, onde evitare di passare le ore che la separavano dall’arrivo del prossimo treno, la mattina successiva, in balia di sbandati ed irregolari in una angusta stazione ferroviaria italiana.

Leggi tutto

Politica

La Regione Lazio taglia i fondi per i disabili

Una scure si sta abbattendo sui tagli al sociale della Regione Lazio che colpiscono la didattica per i bambini non vedenti e per la Lingua dei segni, le spese per interventi socio-assistenziali dei comun

Leggi tutto

Storie

La voce dei disabili al Sinodo

In Sala Stampa vaticana i partecipanti a “La Chiesa è la nostra casa” sessione di ascolto sinodale alla quale partecipano persone con disabilità provenienti dai cinque continenti.

Leggi tutto

Società

Peter Singer, il bioeticista che vuole uccidere i neonati

Cosa dice il docente di Princeton che teorizza l’eutanasia “non volontaria” sui disabili, soprattutto se appena nati, con l’obiettivo di “ridurre i costi sanitari”

Leggi tutto

Media

Omosessuali e disabilità

Insomma, questo video carino ha lo scopo neanche troppo velato di cercare un’utilità sociale ai circoli LGBT che hanno perso reputazione dopo lo scandalo anddos, sfruttando i disabili come teste di ariete per sfondare il muro di ostilità che il mondo delle dark room provoca nelle persone che vivono un’esistenza normale, in un tessuto relazionale sano. Il messaggio che veicola è “guardate come siamo bravi, che bella e vera inclusione facciamo noi! Siamo più bravi degli etero”, insieme alla solita idea che il sesso è un consumabile come la carta igienica in bagno. Un bagno per disabili, con la carta igienica arcobaleno.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano