Politica

di Roberto Signori

In Costa Rica vice Chaves l’antiabortista

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I costaricani scelgono il cambiamento ed eleggono Rodrigo Chaves Robles come nuovo Presidente della Repubblica. Recessione e corruzione hanno spinto verso la massima carica il 60enne economista, già ministro delle Finanze nel governo dell’uscente Quesada. Chaves ha ottenuto un milione di voti, superando con il 52,9% delle preferenze José Maria Figueres, già presidente nel quadriennio 1994-98. L’era Chaves inizierà ufficialmente il prossimo 8 Maggio.

Paradossalmente, il neopresidente Chaves ha solamente 10 deputati dei 57 disponibili in Parlamento. Ciò significa che dovrà negoziare molto con le altre realtà politiche e soprattutto con il Partito di Liberazione Nazionale dello sfidante Figueres, che ha ben 19 seggi.

La vittoria è arrivata con il ballottaggio dello scorso 3 Aprile, in un turno elettorale segnato da un astensionismo record: il 43,1% dei costaricani, infatti, non ha votato. Lontananza dalla classe politica, sfiducia verso un politico di vecchia data come Figueres e, al tempo stesso, sentimenti tiepidi verso il volto più fresco di Chaves: questo ha tenuto lontana la popolazione centroamericana dalle urne come mai.

Perché se Figueres incarna continuità e tradizione da cui si intende prendere le distanze per rilanciare il Paese, c’è da dire che Chaves è un conservatore contrario all’aborto e all’eutanasia. Tra l’altro, nel 2019 ha dovuto lasciare la Banca Mondiale dopo trent’anni di carriera per denunce di molestie sessuali. La sua campagna elettorale, inoltre, è stata oggetto di discussione per dubbi rispetto alla liceità dei finanziamenti. Non stupisce, dunque, che a molti elettori la scelta sarà parsa impossibile.

Nonostante tutto, la novità della sua figura e la speranza di una strategia economica vincente – data la sua esperienza in materia – lo hanno visto vincitore. “Ricevo con la più profonda umiltà questa sacra decisione del popolo costaricano”, ha detto Chaves nelle sue prime dichiarazioni da presidente eletto. “Questo risultato per me non è una medaglia o un trofeo, ma una grande responsabilità. Mi sono impegnato – ha assicurato – e mi adopererò per promuovere cambiamenti profondi e positivi per governare Costa Rica in democrazia”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/04/2022
0307/2022
San Tommaso apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

LE COSE DA FARE PER IL POPOLO DELLA FAMIGLIA

La selezione dei nostri candidati alle amministrative nelle città importanti è già partita. Il segretario nazionale Gianfranco Amato ha presentato ufficialmente nella sua trasmissione su Popolo della Famiglia Tv (in onda anche sul digitale terrestre e sul canale 891 di Sky il lunedì alle 20) il grande Filippo Grigolini da cui ci aspettiamo un importante risultato nella sfida più appassionante del Nordest, quella per la carica di sindaco di Verona. A Crema presentiamo Luca Grossi, anche qui carichi di aspettative. Nei prossimi giorni Amato ufficializzerà le ulteriori candidature finché non copriremo tutto il territorio nazionale. Io personalmente mi occuperò di essere fisicamente presente anche nei comuni più piccoli per suscitare e sostenere liste del Popolo della Famiglia, ho già un calendario fitto di piccoli centri da scoprire da Riolo Terme venerdì a Borgomanero la settimana prossima e così via. Ovunque si voglia organizzare un’iniziativa con finalità di radicamento del Popolo della Famiglia io sono a disposizione basta scrivere a [email protected] e cercherò di farmi in quattro per arrivare.
Vorrei fosse chiaro a tutti: siamo alla prova decisiva, ci giocheremo molto del nostro percorso nei prossimi sei mesi e dobbiamo farci trovare assolutamente organizzati e pronti. Ripeto, un’occasione così non tornerà mai più. E dunque volare oooh, cantare oo-oo-oo-oh. Nel blu dipinto di blu del simbolo del Popolo della Famiglia, del manto di Maria che volga sempre il Suo sguardo benevolo su di noi.

Leggi tutto

Politica

Jhenaidah: prima transgender alla guida di un governo locale

Nazrul Islam Ritu è stata eletta il 28 novembre con oltre 9mila voti. I transgender in Bangladesh sono un milione e mezzo. Dal 2019 il genere trans è incluso nelle liste degli elettori.

Leggi tutto

Politica

Davvero fate firmare ancora gli impegni ai partiti?

Rivolgiamo un appello accorato al voto per il Popolo della Famiglia alle elezioni del 4 marzo 2018. Il tempo dell’ingenuità (speriamo sia solo quella) è finito. Se nel 2018 non si affermerà una forza politicamente con un consenso significativo sul tema della tutela reale dei diritti della famiglia naturale, della cultura della vita, della ripresa economica fondata su una forte ripresa della natalità incentivata dal reddito di maternità e dalla riforma fiscale del quoziente familiare, allora daremo mano libera per cinque anni a quei partiti che governano praticamente insieme dal 2011 avendo prodotto il disastro che è sotto gli occhi di tutti.

Leggi tutto

Storie

Turchia, Riyadh, islam e investimenti

Il presidente turco in visita ufficiale in Arabia Saudita per ricucire i rapporti con la leadership wahhabita e bin Salman. Il denaro di Riyadh fondamentale per rilanciare l’economia interna.

Leggi tutto

Politica

Elezioni: il Popolo della Famiglia avanza

La foto della crescita del PdF ve la scatto nel contesto più difficile, nell’elezione più difficile, quella di un grande centro metropolitano come Roma dove due anni fa esordimmo ottenendo lo 0.6% che poi abbiamo confermato con una lievissima avanzata (0.66% e 0.7% appunto) alle politiche del 4 marzo. Ebbene, cento giorni dopo, Guido Pianeselli nel popoloso e storico municipio di Eur-Garbatella porta il Popolo della Famiglia a triplicare la percentuale, ottenendo non solo un importantissimo 1.82% ma battendo nettamente sia CasaPound che Potere al Popolo. Come previsto, lo smottamento del M5S, che nel municipio Roma VIII come nel municipio Roma III collassa, è parzialmente intercettato dalla posizione autonoma del Popolo della Famiglia che vede accrescere i consensi. Pure nel municipio Roma III, dove eravamo meno attrezzati e abbiamo candidato un eroico Francesco Garroni Parisi “in trasferta” perché non originario del territorio, abbiamo fatto registrare una crescita rispetto alle politiche, seppur più misurata, ottenendo lo 0.8%

Leggi tutto

Politica

Giornate dense

Il Popolo della Famiglia prosegue la sua opera per cambiare la società e la gente lo segue

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano