Politica

di Roberto Signori

In Costa Rica vice Chaves l’antiabortista

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I costaricani scelgono il cambiamento ed eleggono Rodrigo Chaves Robles come nuovo Presidente della Repubblica. Recessione e corruzione hanno spinto verso la massima carica il 60enne economista, già ministro delle Finanze nel governo dell’uscente Quesada. Chaves ha ottenuto un milione di voti, superando con il 52,9% delle preferenze José Maria Figueres, già presidente nel quadriennio 1994-98. L’era Chaves inizierà ufficialmente il prossimo 8 Maggio.

Paradossalmente, il neopresidente Chaves ha solamente 10 deputati dei 57 disponibili in Parlamento. Ciò significa che dovrà negoziare molto con le altre realtà politiche e soprattutto con il Partito di Liberazione Nazionale dello sfidante Figueres, che ha ben 19 seggi.

La vittoria è arrivata con il ballottaggio dello scorso 3 Aprile, in un turno elettorale segnato da un astensionismo record: il 43,1% dei costaricani, infatti, non ha votato. Lontananza dalla classe politica, sfiducia verso un politico di vecchia data come Figueres e, al tempo stesso, sentimenti tiepidi verso il volto più fresco di Chaves: questo ha tenuto lontana la popolazione centroamericana dalle urne come mai.

Perché se Figueres incarna continuità e tradizione da cui si intende prendere le distanze per rilanciare il Paese, c’è da dire che Chaves è un conservatore contrario all’aborto e all’eutanasia. Tra l’altro, nel 2019 ha dovuto lasciare la Banca Mondiale dopo trent’anni di carriera per denunce di molestie sessuali. La sua campagna elettorale, inoltre, è stata oggetto di discussione per dubbi rispetto alla liceità dei finanziamenti. Non stupisce, dunque, che a molti elettori la scelta sarà parsa impossibile.

Nonostante tutto, la novità della sua figura e la speranza di una strategia economica vincente – data la sua esperienza in materia – lo hanno visto vincitore. “Ricevo con la più profonda umiltà questa sacra decisione del popolo costaricano”, ha detto Chaves nelle sue prime dichiarazioni da presidente eletto. “Questo risultato per me non è una medaglia o un trofeo, ma una grande responsabilità. Mi sono impegnato – ha assicurato – e mi adopererò per promuovere cambiamenti profondi e positivi per governare Costa Rica in democrazia”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/04/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Se i cattolici votano Grillo

La vittoria alle amministrative dei grillini è frutto anche del voto di molti cattolici in funzione antirenziana. Ma dalla padella si passerebbe alla brace. Occorre rafforzare il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Politica

NOI O LORO: LA SCELTA È FACILE

Il 3 e 4 ottobre la scelta è semplice: noi o loro. Loro vanno di moda, hanno partiti grandi e ricchi e potenti e ipercitati dai media, ma sono attraversati da una fragilità valoriale che ormai sfocia nell’insensatezza esistenziale, non sanno neanche più perché stanno insieme se non per la caccia al potere. Loro o noi. Noi siamo piccoli ma sapete perfettamente chi siamo, cosa vogliamo, cosa ci anima, noi abbiamo una faccia sola e di questi tempi è il bene più prezioso. Non ci interessa il potere per il potere, non puntiamo alle poltrone, lo abbiamo dimostrato. Noi puntiamo al governo delle comunità e del Paese solo alle nostre condizioni, solo per realizzare quel che promettiamo, per portare in Italia quella cultura della famiglia e della vita che sola può sconfiggere i cinici nichilisti mortiferi che tanto di moda vanno in questo momento nel nostro Paese. Ma le mode passano. La famiglia resta: è l’ancoraggio vero, per tutti.

Leggi tutto

Storie

Lettura della situazione

Ecco una lettura che non si troverà sui media del pensiero unico.

Leggi tutto

Politica

Volete o non volete cambiare il Paese?

Il Popolo della Famiglia lancia la proposta a tutti gli uomini e le donne “liberi e forti” d’Italia: ora impegnarsi in prima persona

Leggi tutto

Chiesa

Costa Rica - 10 marzo Giornata Speciale di Preghiera per la Pace

I Vescovi del Costa Rica affermano di unirsi al grido di Papa Francesco espresso domenica 5 marzo, a conclusione dell’Angelus: “Cessate gli attacchi armati e lasciate prevalere il negoziato e il buon senso. E il diritto internazionale deve essere ancora una volta rispettato (...). La guerra è pazzia! Fermatevi, per favore! Guardate questa crudeltà!

Leggi tutto

Politica

Prosegue l’abuso di propaganda di Emma Bonino

Forse Emma non sa che il terzo comma dell’art 6 (che dichiarava punibile esclusivamente chi venisse “materialmente è colto in flagranza nell’atto di affissione” ed escludeva la solidarietà con il committente) è stato abrogato nel lontano 2007 e che dunque rischia l’arresto fino a sei mesi e con l’ammenda da lire 100.000 a lire 1.000.000.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano