Politica

di Nathan Algren

Turchia contro i curdi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan promette di espandere le operazioni militari contro i militanti curdi in Siria. “Prima o poi spaccheremo anche la testa del gruppo terroristico che si prepara a crescere” in alcune “aree della Siria”, ha detto da Ankara, secondo quanto riporta l’agenzia Dpa, riferendosi alle Ypg, le milizie di Unità di protezione popolare presenti nelle regioni a maggioranza curda dopo che lunedì scorso la Turchia ha annunciato l’avvio di un’altra operazione contro le basi del Pkk nel nord dell’Iraq.

Se Dio vorrà presto non ci sarà nessun posto chiamato Qandil”, ha incalzato il leader turco davanti ai parlamentari del suo partito, riferendosi alle aree nel nord dell’Iraq e al Pkk, considerato organizzazione terroristica da Ankara. Erdogan, riferisce al-Arabiya, ha sostenuto che il governo centrale di Baghdad sostenga l’ultima offensiva turca contro i militanti curdi nel nord dell’Iraq anche se Baghdad ha convocato l’ambasciatore turco per una protesta.

Il presidente turco ha ringraziato “il governo centrale in Iraq e l’amministrazione regionale per il loro sostegno nella nostra lotta al terrore” e ha parlato di un’operazione “in stretto coordinamento con il governo centrale iracheno e l’amministrazione regionale nel nord dell’Iraq”. “Le Forze Armate turche hanno avviato questa operazione per ripulire le aree occupate nel nord dell’Iraq dalla presenza dei terroristi - ha affermato, stando all’agenzia Anadolu - Stiamo facendo tutto il possibile per contribuire al rafforzamento della loro integrità territoriale e unità politica in modo che i nostri vicini possano vivere in sicurezza e in pace. Continueremo a farlo. Procediamo con lo stesso obiettivo in Siria come in Iraq”.

Erdogan ha parlato di “sicurezza dei nostri confini”, e - riporta ancora la Dpa - ha accennato a nuove operazioni militari contro il Pkk e le Ypg in Siria. “Purtroppo, a prescindere da quello che facciamo all’interno (del Paese), non possiamo sradicare completamente i terroristi che si sono radunati al di là del nostro confine - ha detto in quelle che appaiono come le dichiarazioni più incisive da molto tempo - Gli insetti si riproducono sempre perché la palude non è prosciugata”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/04/2022
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Storie

Giovani cristiani riuniti per il futuro della Chiesa e della Siria

A promuovere l’evento, che riunisce diverse Chiese e denominazioni, la comunità di Taizé in collaborazione con i gesuiti

Leggi tutto

Società

Libano - Scuole cristiane, il Patriarca esonera le famiglie dal pagamento

Il Patriarca siro cattolico Ignace Youssef III Younan, ha dato disposizione di esentare dal pagamento delle rette scolastiche per l’anno 2021-2022, le famiglie degli studenti siro-cattolici che frequentano le scuole collegate al Patriarcato.

Leggi tutto

Storie

Turchia, Riyadh, islam e investimenti

Il presidente turco in visita ufficiale in Arabia Saudita per ricucire i rapporti con la leadership wahhabita e bin Salman. Il denaro di Riyadh fondamentale per rilanciare l’economia interna.

Leggi tutto

Chiesa

Il prefetto della Congregazione per le Chiese orientali in Siria

Proseguirà fino al 3 novembre la visita del prefetto della Congregazione per le Chiese orientali alle comunità cattoliche provate dalla guerra. Il cardinale sarà a Damasco e poi farà tappa in diverse località per incontrare religiosi, esponenti di organizzazioni non governative e diplomatici accreditati presso la Santa Sede

Leggi tutto

Siria ed Iraq:  prime comunioni dei bambini, speranza delle Chiese

Con l’arrivo della primavera e del tempo di Pasqua, le feste per le prime comunioni dei bambini, con loro attingere al mistero sacramentale della Chiesa, vengono dovunque celebrate come un segno potente di come la grazia ha custodito la fede nelle comunità cristiane locali, negli anni di conflitti e convulsioni che hanno stravolto la vita quotidiana di moltitudini di persone sia in Iraq che in Siria, e dopo i limiti imposti alle celebrazioni liturgiche anche dall’arrivo della pandemia.

Leggi tutto

Chiesa

Allarme della Chiesa per gli effetti delle sanzioni in Siria

Il vescovo di Aleppo Georges Abou Khazen non ha dubbi: le sanzioni occidentali sono una “condanna a morte” per il popolo siriano

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano