Politica

di Nathan Algren

Turchia contro i curdi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan promette di espandere le operazioni militari contro i militanti curdi in Siria. “Prima o poi spaccheremo anche la testa del gruppo terroristico che si prepara a crescere” in alcune “aree della Siria”, ha detto da Ankara, secondo quanto riporta l’agenzia Dpa, riferendosi alle Ypg, le milizie di Unità di protezione popolare presenti nelle regioni a maggioranza curda dopo che lunedì scorso la Turchia ha annunciato l’avvio di un’altra operazione contro le basi del Pkk nel nord dell’Iraq.

Se Dio vorrà presto non ci sarà nessun posto chiamato Qandil”, ha incalzato il leader turco davanti ai parlamentari del suo partito, riferendosi alle aree nel nord dell’Iraq e al Pkk, considerato organizzazione terroristica da Ankara. Erdogan, riferisce al-Arabiya, ha sostenuto che il governo centrale di Baghdad sostenga l’ultima offensiva turca contro i militanti curdi nel nord dell’Iraq anche se Baghdad ha convocato l’ambasciatore turco per una protesta.

Il presidente turco ha ringraziato “il governo centrale in Iraq e l’amministrazione regionale per il loro sostegno nella nostra lotta al terrore” e ha parlato di un’operazione “in stretto coordinamento con il governo centrale iracheno e l’amministrazione regionale nel nord dell’Iraq”. “Le Forze Armate turche hanno avviato questa operazione per ripulire le aree occupate nel nord dell’Iraq dalla presenza dei terroristi - ha affermato, stando all’agenzia Anadolu - Stiamo facendo tutto il possibile per contribuire al rafforzamento della loro integrità territoriale e unità politica in modo che i nostri vicini possano vivere in sicurezza e in pace. Continueremo a farlo. Procediamo con lo stesso obiettivo in Siria come in Iraq”.

Erdogan ha parlato di “sicurezza dei nostri confini”, e - riporta ancora la Dpa - ha accennato a nuove operazioni militari contro il Pkk e le Ypg in Siria. “Purtroppo, a prescindere da quello che facciamo all’interno (del Paese), non possiamo sradicare completamente i terroristi che si sono radunati al di là del nostro confine - ha detto in quelle che appaiono come le dichiarazioni più incisive da molto tempo - Gli insetti si riproducono sempre perché la palude non è prosciugata”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/04/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Storie

Vietnam - Funzionari statali interrompono la messa

Ad Hanoi alcuni funzionari del governo sono entrati in una chiesa nella provincia di Hoa Binh e hanno interrotto la messa che veniva celebrata da Mons. Joseph Vu Van Thien, Arcivescovo di Hanoi.

Leggi tutto

Storie

Turchia - Erdogan abolisce l’età pensionabile

Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan ha annunciato la fine del requisito dell’età pensionabile, cosa che dà a oltre 2 milioni di turchi la possibilità di scegliere immediatamente di esercitare il diritto alla pensione, secondo quanto comunicato in una conferenza stampa ieri sera. “Con il regolamento che condividiamo oggi, circa 2,25 milioni di persone in più avranno diritto ad andare in pensione. Non si applicherà alcun limite di età per avere diritto alla pensione”, informa un comunicato della presidenza.

Leggi tutto

Storie

Turchia - Gruppo di musulmani attaccano una famiglia assira

I cristiani avevano da poco celebrato la prima funzione nella storica chiesa di Mor Gevargis, da poco restaurata dopo un secolo di abbandono. La famiglia Yilmaz è l’unica rimasta nella zona. La folla ha attaccato con bastoni e pietre, poi ha incendiato i campi coltivati.

Leggi tutto

Storie

In Siria troppi interessi economico-politici e poco rispetto per la sovranità nazionale

In #Siria tutto e’ pronto per una guerra devastante tra due blocchi intenzionati a non mollare! La tensione e’ altissima in Siria, e l’Onu e’ ancora una volta impotente di fronte a venti di guerra che soffiano sul Medio oriente. Il cacciatorpediniere americano USS “Donald Cook”, armato con missili Tomahawk, ha lasciato il porto cipriota di Larnaca e si dirige verso il Mediterraneo orientale, per portarsi nel raggio d’azione di Damasco, accusata dall’Occidente di aver usato le armi chimiche lo scorso 7 aprile a Duma. Russia e Iran pronte a difendere l’incolpevole alleato a tutti i costi da quella che considerano una trappola israeliana

Leggi tutto

Storie

SIRIA - I miliziani islamisti consentono ai cristiani di celebrare messa

Hanno celebrato la messa in una chiesa chiusa da dieci anni. Lo hanno fatto nella provincia di Idlib, in un’area ancora controllata dalle milizie islamiste anti- Assad. E a concedere il permesso di riaprire il luogo di culto cristiano e celebrare la liturgia eucaristica in un clima sereno e festoso è stato lo stesso capo della fazione di matrice jihadista che negli anni passati aveva sequestrato beni e case dei cristiani come “bottino di guerra”.

Leggi tutto

Media

Siri diventa “neutral gender”

Arriva una nuova versione di Siri “gender neutral”: nella versione beta di iOS l’assistente vocale di Apple non sarà né maschio né femmina. Infatti, il timbro di voce non sarà più esplicitamente maschile o femminile. Si chiamerà Quinn e sarà presente su iPhone, iPad, Mac o Apple Watch.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano