Politica

di Giuseppe Udinov

Le scuole della Florida ritirano 54 libri indottrinanti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il governo dello Stato della Florida, guidato dal repubblicano Ron DeSantis, ha vietato l’utilizzo di 54 libri di matematica nelle scuole locali, in quanto accusati dalle autorità di Tallahassee di “indottrinare i ragazzi”. Il dipartimento dell’Istruzione del Sunshine State, venerdì scorso, ha infatti messo al bando quei volumi dalle scuole dell’obbligo frequentate dai ragazzi dai 3 ai 17 anni di età, sostenendo che i testi in questione conterrebbero “riferimenti a temi proibiti o strategie educative inopportune”. Il contenuto del provvedimento adottato dal dipartimento statale è stato poi spiegato nel dettaglio lunedì dal governatore DeSantis in persona, campione delle battaglie di stampo conservatore e probabile rivale di Donald Trump nella procedura di selezione del candidato del Gop alla Casa Bianca nel 2024.

Quei 54 libri sarebbero stati vietati per via dei loro “contenuti socio-emotivi”. Le pagine dei testi incriminati, i cui titoli non sono stati ancora resi noti dalle autorità ai media locali e alla cittadinanza, sarebbero state infatti giudicate, dai funzionari statali incaricati della revisione di 132 volumi scolastici impiegati ad oggi nell’entità federata, zeppe di riferimenti a temi esplicitamente socio-politici come le questioni razziali, la sessualità, l’identità di genere. DeSantis ha quindi tuonato: “Matematica vuol dire dare la risposta giusta e noi vogliamo che i nostri figli imparino a dare la risposta giusta, non vogliamo che ci dicano come si sentono emotivamente davanti a un problema di aritmetica”.

Nel dettaglio, tra gli argomenti, trattati nei 54 libri, che sono stati giudicati inappropriati allo sviluppo di ordinari programmi di studio e “contrastanti con la legge e con gli standard educativi vigenti in Florida” vi erano, in primo luogo, dei riferimenti all’apprendimento “socio-emotivo” (Sel). Questo è una controversa teoria dell’insegnamento secondo cui le peculiarità socio-emozionali degli studenti dovrebbero vedersi riconosicuta, nei curriculum scolastici, la stessa rilevanza attribuita alle capacità linguistiche e matematiche apprese in classe dai ragazzi.

Oltre ai rimandi al Sel, quei libri sarebbero stati pieni di riferimenti alla cosiddetta “teoria critica della razza”. Quest’ultima è una corrente di pensiero per cui il razzismo negli Usa sarebbe un sentimento insito nella società americana e strumentale al consolidamento della supremazia dei cittadini bianchi.

Un’ulteriore criticità riscontrata nei libri esaminati dal dipartimento citato sarebbe stata l’eccessiva aderenza di questi alle linee-guida in ambito educativo promosse dai sostenitori della “progressista” Common Core State Standards Initiative. Questa iniziativa è fortemente avversata dal mondo conservatore e religioso per la sua sottesa volontà “omogeneizzante” e per il fatto che attribuirebbe, nei contesti scolastici, scarsa rilevanza alle materie umanistiche, all’arte e alla musica.

La decisione del dipartimento statale dell’Istruzione, avallata dal governatore, ha immediatamente ricevuto il plauso delle correnti del Partito repubblicano particolarmente sensibili al messaggio religioso, mentre ha suscitato aspre critiche da parte di esponenti del Partito democratico e di associazioni di ispirazione liberal. Il dem Carlos Smith, primo deputato ispanico del parlamento della Florida ad appartenere alla comunità Lgbtq, ha attaccato il divieto imposto dalle istituzioni statali denunciando la scarsa trasparenza del procedimento che ha portato al contestato verdetto. Il parlamentare ha quindi preso spunto dalla messa al bando di quei testi di matematica per indirizzare parole al vetriolo direttamente a DeSantis: “Il governatore ha trasformato le nostre aule in campi di battaglia politici, e questo è solo l’inizio”. Anche Christopher Finan, esponente dell’associazione anti-censura National Coalition Against Censorship, ha criticato il divieto, bollando come “bizzarra” la tesi di DeSantis per cui, all’interno delle pagine di comuni libri di matematica per la scuola, sarebbero chiaramente osservabili riferimenti alla teoria critica della razza.

A detta dei critici del governatore, la recente decisione presa dal politico repubblicano in tema educativo sarebbe l’ultima fase della crociata condotta da DeSantis in nome dei propri valori fortemente conservatori. Prima del divieto dell’utilizzo di quei testi scolastici, il governatore aveva messo in opera la sua filosofia anti-liberal firmando il Dont’say gay act, legge che vieta al personale delle scuole della Florida di parlare agli alunni del tema dell’orientamento di genere.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/04/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

44ma edizione della March for life

È evidente nell’elezione di maggioranze pro-life al Congresso degli Stati Uniti d’America. Ma non c’è segno più evidente, in alcun modo, della storica elezione di un presidente che si batte per un’America più forte, per un’America più prospera, e un presidente che – e lo dico con orgoglio – si batte per il diritto alla vita: il presidente Donald Trump. È stato infatti proprio il presidente Trump a chiedermi di essere qui con voi oggi. Mi ha chiesto di ringraziarvi per il vostro sostegno, per la vostra difesa della vita e per la vostra compassione per le donne e i bambini d’America. Proprio una settimana fa da oggi, sui gradini del Campidoglio abbiamo visto l’inaugurazione del 45mo presidente degli Stati Uniti. Posso testimoniare di persona che il nostro presidente è un uomo dalle spalle larghe e dal cuore grande. La sua idea per il futuro, la sua energia, il suo ottimismo sono senza confini e io so che lui renderà l’America di nuovo grande. Sin dal suo primo giorno da presidente, sta mantenendo le promesse fatte al popolo americano. Mi piace dire che laggiù al 1600 di Pennsylvania Avenue, il nostro business è mantenere le promesse. Ed è per questo che lunedì il presidente Trump ha riportato in vigore la policy di Mexico City, per impedire che i fondi destinati a paesi stranieri vadano ad organizzazioni che promuovono o eseguono aborti nel mondo. È per questo che questa amministrazione lavorerà con il Congresso per porre fine al finanziamento dell’aborto e delle cliniche abortiste con i soldi dei contribuenti e destineremo queste risorse ai centri di salute per le donne in tutta l’America. Ed è per questo che la prossima settimana il presidente Donald Trump annuncerà la nomina di un giudice alla Corte Suprema che sosterrà quelle libertà donate da Dio e custodite nella nostra Costituzione, nel solco dell’eredità del grande giudice Antonin Scalia. Sapete, la vita sta vincendo in America. E questo giorno è una celebrazione del progresso che abbiamo fatto in questa causa. Sapete, da molto tempo ritengo che una società possa essere giudicata da come si prende cura dei suoi membri più vulnerabili, degli anziani, degli infermi, dei disabili e dei nascituri. Siamo giunti a un momento storico nella causa per la vita. E dobbiamo andare incontro a questo momento con rispetto e compassione per ogni americano. La vita sta vincendo per molte ragioni. La vita sta vincendo attraverso il costante progresso della scienza, che fa luce sul momento in cui inizia la vita, ogni giorno di più. La vita sta vincendo attraverso la generosità di milioni di famiglie adottive, che aprono i propri cuori e le proprie case a bambini in difficoltà.

Leggi tutto

Politica

I talebani al potere: il racconto della drammatica situazione dell’Afghanistan

Resta molto grave la situazione in Afghanistan. I Talebani sono pericolosi. Hanno fatto man bassa nei depositi d’armi degli americani creando una situazione di instabilità e terrore in tutto il Paese.

Leggi tutto

Politica

Nuoro - PDF - “L’identità di genere non esiste. Giovani vittime”.

Il Popolo della Famiglia Sardegna è intervenuto sulla vicenda dell’Istituto superiore Ciusa di Nuoro, che di recente ha introdotto la ‘carriera alias’ nel proprio regolamento di istituto, per permettere agli studenti e alle studentesse che hanno intrapreso un percorso di transizione di genere di cambiare il nome sui documenti scolastici

Leggi tutto

Politica

Crisi di Governo, per 6 docenti su 10 Draghi deve andare via

Ma come gli italiani non sono tutti con Draghi? La risposta è negativa e non era difficile scoprirlo nonostante le inesattezze dei media e dei poteri forti. 6 docenti su 10 dicono no a Draghi

Leggi tutto

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

Società

SCUOLA – NO INQUISIZIONE SULLO STATO VACCINALE DEGLI STUDENTI

Soddisfazione per l’emanazione della nota Miur sulla tutela dei dati personali riguardo lo stato vaccinale di bambini e ragazzi a scuola . *Siamo soddisfatti di quanto ottenuto* in termini di pronunciamento pubblico, prima da parte del Garante della Privacy, e subito dopo dal Miur, sulla protesta sollevata dalla nostra associazione *Non si Tocca la Famiglia.*

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano