Politica

di Stefano Di Tomassi

Ostia: con i cristiani risorge una città che era morta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

E’ una città che risorge a nuova vita, come Gesù, quella che si riversa nelle chiese cristiane – ma anche in tanti altri centri di culto – dopo che il ‘maleficio’ della pandemia si sta allontanando. Le chiese cristiane non hanno mai abbandonato le persone, le famiglie; soprattutto chi rimaneva isolato veniva raggiunto, spesso c’è chi combatteva per far rimanere le chiese aperte e anche esponendosi con coraggio. Dall’altra parte una società se non “morta” moribonda; scientifica e politica, istituzionale e burocratica, realtà invece contraddittoria, a volte non chiara nei mezzi e nei fini, attorcigliata nelle spire della paura, percepita spesso come non alleata.

E allora la gente torna nelle chiese (ma anche gente nuova), vicino ai sacerdoti, ai Pastori, a stringersi nelle comunità: non è mai stata lasciata indietro perché “nessuno si salva da solo”. Le famiglie hanno visto cosa significa un affetto che viene donato – senza tornaconto – per questo si riempiono i campetti di calcetto con i ragazzini, i teatri parrocchiali iniziano nuovamente a schiamazzare di risa e di eventi culturali, le sale odono il ronzio della gente che si incontra e parla. E’ una rinascita, un risveglio, una resurrezione. La morte non ha avuto – non ha e non avrà – l’ultima parola.

E la Prefettura di Ostia, diocesi di Roma, ha mostrato in questa resurrezione di Gesù nella partecipazione popolare la vita che vuole unione, comunione fraterna. Che abbia avuto il volto della processione tra le parrocchie, oggi consorelle, san Nicola di Bari e Stella Maris, o la voglia di essere tra le vie della cittadina di Sant’Aurea, il riunirsi intorno al Sepolcro della deposizione di Sant’Agostino Vescovo, la Via della Carità – con il sostegno alle famiglie ucraine e russe – di Santa Monica e Nostra Signora di Bonaria, o quella ‘sindonica’ di Regina Pacis, la “città di Ostia” – come Papa Francesco, primo pontefice a chiamarla così – ha mostrato alla gente dove può sentirsi sicura, accolta senza se e senza ma.

Ma se la chiesa cristiana universale è certamente più visibile per storia, per struttura e per architetture, e ha evidenziato questa ‘resurrezione sociale’, le chiese cristiane riformate e ortodosse ugualmente sono oggi molto più arricchite di Amore dalla partecipazione fraterna. Non solo le chiese ma anche i centri di culto di altri Credi vivono una rinascita bellissima che ci parla di incontro, di ascolto, di dialogo, di Speranza, di Vita.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/04/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco prepara l’incontro con il sultano

Svariati commentatori – anche alcuni amici – hanno voluto vedere nel logo che annuncia i preparativi per il prossimo viaggio di Papa Francesco in Marocco un cedimento sostanziale della pretesa cristiana di fronte a quella musulmana.

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

Chiesa

Vescovi Usa: approvato il documento sull’Eucaristia

Con 222 voti favorevoli e 8 contrari, la Usccb, riunita in plenaria a Baltimora, dà il placet al testo “Mistero dell’Eucaristia nella vita della Chiesa”.

Leggi tutto

Chiesa

CEI: il messaggio per la Quaresima

Da un versetto della Lettera ai Galati, prende spunto il messaggio della Presidenza della Conferenza episcopale italiana per la preparazione alla Pasqua 2022: prepararsi all’incontro con Gesù convertendosi all’ascolto, alla realtà e alla spiritualità

Leggi tutto

Storie

Roma concerto di Pasqua - Ucraini e russi insieme in musica contro la guerra

Eva Dorofeeva e Liudmilla Chepurnaia protagoniste del tradizionale evento del Festival di Pasqua quest’anno alla sua XXV edizione

Leggi tutto

Storie

Haiti, “Suor Luisa, una martire d’amore e carità”

Tutta la Chiesa di Haiti è terribilmente scossa per la perdita di suor Luisa dell’Orto, la religiosa di origine italiana assassinata sabato scorso durante un tentativo di rapina. “Noi la consideriamo una martire” dice monsignor Pierre-André Dumas, vescovo di Anse-à-Veau-Miragoâne, una delle diocesi più povere del Paese caraibico, che aveva avuto modo di conoscere molto bene quella che era stata definita l’angelo dei bambini di strada e dei più poveri.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano