Chiesa

di Stefano Di Tomassi

DON LEONARDO: LA LIBERAZIONE PIENA È QUELLA DAL PECCATO E DEL PERDONO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La pace comincia quando ci carichiamo dei peccati gli uni degli altri”, sono le prime parole espresse da un sacerdote di Ostia di fronte all’immagine del monumento ai caduti di tutte le guerre.

Sono i consigli saggi di un uomo di Dio a riassumere empaticamente il sentimento dei tantissimi cristiani di ogni schieramento politico, non soltanto di Ostia e del X Municipio di Roma, il messaggio di Padre Leonardo Bartolomucci viceparroco della chiesa di Stella Maris in Ostia Lido Prefettura, anche consigliere della commissione cultura della prefettura locale diocesi di Roma.

Come Gesù muore sulla croce per dare un messaggio e una testimonianza a tutti, senza schierarsi verso una parte o un’altra, così i cristiani sappiano essere davvero ‘liberi’ anche se questo può significare la prova, anche una croce.

Mentre il diavolo agisce nel significato del nome “colui che separa e divide” i cristiani sappiano non cadere nel tranello ed essere per chiunque sia nel dolore partendo dal liberarsi della ‘trave’ che abbiamo noi stessi nell’occhio e guardando chiaramente all’Altro pensando che anche lui possa avere bisogno di misericordia.

Infatti, conclude don Leonardo, “caricandoci dei peccati gli uni degli altri perdonandoci fraternamente, senza pensarci migliori di nessuno.”

Una politica e delle istituzioni lungimiranti, a Ostia e altrove, sappiano dunque non cedere alle ideologie che vanno verso alcune direzioni, certe ‘liberazioni’ dividendo ed escludendo altri perché in questo modo mantiene la separazione e la divisione che è il frutto del maligno.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/04/2022
1208/2022
Ss Macario e Giuliano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Chiesa

Il caso Ladaria e gli errori di certa stampa

Per chi sappia come funzionano le trafile nella Curia Romana, la nomina di Luís Ladaria a prefetto dell’ex Sant’Uffizio è tutto fuorché una sorpresa: anche i giornalisti che avevano per tempo confezionato il pezzo con cui “impallinarlo” lo sapevano bene. In ogni critica però è presente un’autobiografia, e il tempismo con cui si stracciano certe vesti dice bene lo stile dell’“informazione”.

Leggi tutto

Storie

San Paolo ed il gender

Durante un convegno di Gianfranco Amato e Silvana De Mari a Bagheria il professor Luciano Sesta, docente cattolico di antropologia filosofica e
bioetica all’Università di Palermo, ha voluto prendere la parola, dichiarando a sorpresa che a suo avviso il primo manifesto “gender” si troverebbe
nella lettera ai Galati di san Paolo. Si trattò di una provocazione, che però merita di essere sviscerata adeguatamente e in modo esaustivo

Leggi tutto

Società

Utero in affitto? No grazie!

Il bambino, che durante la propria gestazione viene cullato dal ventre materno e che impara a riconoscere i rumori che lo circondano (la voce della mamma sicuramente, ma anche la voce del papà e dei fratelli), i sapori che lo nutriranno (e che vengono filtrati grazie al liquido amniotico che ingerisce) e le emozioni che vive chi lo sta ospitando (il ruolo dei neurormoni è ritenuto fondamentale per lo sviluppo fetale), si lega moltissimo alla madre. Grazie agli studi che sono stati compiuti e che oramai danno per scontato tutto un mondo fatto di relazione tra madre e nascituro, è stata messa a punto tutta una serie di accorgimenti clinici che si basano sul “dialogo” e sulle interazioni fisiche che sono vitali per il nascituro.

Leggi tutto

Chiesa

Ecce Quaresima

La parola “Quaresima” deriva dal termine anglosassone “Lencten”, che significa primavera. Nella maggior parte delle lingue romanze, slave e celtiche viene tuttavia usato un derivato della parola latina
“quadragesima”, che si riferisce al “40°” giorno prima della Pasqua.

Leggi tutto

Società

Nuove vie di rinascita personale e sociale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano