Chiesa

di Stefano Di Tomassi

DON LEONARDO: LA LIBERAZIONE PIENA È QUELLA DAL PECCATO E DEL PERDONO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La pace comincia quando ci carichiamo dei peccati gli uni degli altri”, sono le prime parole espresse da un sacerdote di Ostia di fronte all’immagine del monumento ai caduti di tutte le guerre.

Sono i consigli saggi di un uomo di Dio a riassumere empaticamente il sentimento dei tantissimi cristiani di ogni schieramento politico, non soltanto di Ostia e del X Municipio di Roma, il messaggio di Padre Leonardo Bartolomucci viceparroco della chiesa di Stella Maris in Ostia Lido Prefettura, anche consigliere della commissione cultura della prefettura locale diocesi di Roma.

Come Gesù muore sulla croce per dare un messaggio e una testimonianza a tutti, senza schierarsi verso una parte o un’altra, così i cristiani sappiano essere davvero ‘liberi’ anche se questo può significare la prova, anche una croce.

Mentre il diavolo agisce nel significato del nome “colui che separa e divide” i cristiani sappiano non cadere nel tranello ed essere per chiunque sia nel dolore partendo dal liberarsi della ‘trave’ che abbiamo noi stessi nell’occhio e guardando chiaramente all’Altro pensando che anche lui possa avere bisogno di misericordia.

Infatti, conclude don Leonardo, “caricandoci dei peccati gli uni degli altri perdonandoci fraternamente, senza pensarci migliori di nessuno.”

Una politica e delle istituzioni lungimiranti, a Ostia e altrove, sappiano dunque non cedere alle ideologie che vanno verso alcune direzioni, certe ‘liberazioni’ dividendo ed escludendo altri perché in questo modo mantiene la separazione e la divisione che è il frutto del maligno.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/04/2022
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Storie

Matrimonio lesbico in una chiesa di Macerata

Non lo è dal punto di vista giuridico (per quanto i nominalismi contino sempre di meno e le parole al giorno d’oggi assumano talvolta significati quasi opposti a quelli che rintracciamo nei dizionari), e non lo è nemmeno dal punto di vista sostanziale: il matrimonio è l’unione di un uomo e di una donna che suggellano un patto senza data di scadenza né fini espliciti, se non quello di mostrare la propria disponibilità alla vita che potrà venire, accoglierla, proteggerla, educarla e fornire alla società intera il dono impagabile di una nuova generazione.

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Politica

Un uomo in cammino riflette

Con tempismo che ben denota l’insipienza politica (proprio quella mattina da Forza Italia si levavano auspici per un futuro esecutivo a conduzione Bonino), Massimo Gandolfini ha diramato
una surreale lettera ai neocatecumenali di Emilia-Romagna per chiedere espressamente di non votare Popolo della Famiglia. Alla clamorosa ingerenza risponde uno dei destinatari della lettera.

Leggi tutto

Politica

CON UN ATTO DI ARROGANTE IMPERIO

Ora sta ai cristiani, in Italia in particolare ai cattolici, decidere come reagire davanti a questa furibonda offensiva che nega il diritto stesso di agire come cristiani in ambito politico proclamando alcune banalissime idee che sono alla base della nostra fede. Per ognuno di noi la vita umana va difesa fin dal suo concepimento, Papa Francesco è arrivato ad affermare che “abortire è come affittare un sicario” ed è una frase che se fosse stata pronunciata da un candidato del principale partito di governo ne avrebbe comportato l’immediata espulsione con la relativa cancellazione del diritto all’elettorato passivo.

Leggi tutto

Storie

KAROL WOJTYLA, I 100 ANNI SPIEGATI AI RAGAZZI

Un piccolo e agile volume che ripercorre il Pontificato del Papa polacco attraverso una raccolta di scritti e frasi celebri che vanno dal giorno della
sua elezione, il 16 ottobre 1978, a quello nel quale è tornato alla casa del Padre, il 2 aprile 2005. È disponibile anche in inglese, in coedizione con l’editrice americana “Paulist Press”, e in polacco, in coedizione con l’editrice “Wydawnictwo Sw. Stanislawa BM”. Una lettura adatta proprio a tutti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano