Chiesa

di Nathan Algren

Il saluto al cardinale Barragan

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Il lungo ministero ecclesiale del cardinale Lozano Barragán è stato costantemente sostenuto dalla forza dell’amore per Dio, per la Chiesa, per il Papa e per le anime; ed è stato svolto con spirito di servizio e con uno slancio mai smentiti fin dalla prima giovinezza”. Così il cardinale Re ha ricordato nell’ omelia, pronunciata oggi, sull’altare della Cattedra della Basilica di San Pietro, il cardinale messicano Lozano Barragán, arcivescovo-vescovo emerito di Zacatecas (Messico), morto “serenamente nel corso dell’ottava di Pasqua, nella gioia di aver ricevuto la visita del Santo Padre la sera del Venerdì Santo e di aver potuto così pregare insieme col Papa qualche giorno prima del passaggio alla vita eterna”. Ed è stato papa Francesco al termine, della celebrazione a presiedere il rito dell’Ultima Commendatio e della Valedictio.

l cardinale Re ha ripercorso alcuni punti salienti della vita del porporato defunto, “erede della fede del popolo messicano”, il cui motto episcopale era “Testis resurrectionis”. Motto al quale ha cercato di rimanere fedele per tutta la vita. Egli, infatti, “prima come teologo, poi come pastore e infine come capo di un Dicastero della Curia Romana - è stato un coerente testimone della morte di Cristo e della sua risurrezione per la nostra salvezza”, ha osservato il cardinale Re.

Nei vari incarichi ricoperti nel corso degli anni, in America Latina e nella Curia Romana, Lozano Barragán è sempre stato animato da “una solida fede, competenza dottrinale, fedeltà al magistero, un genuino ‘sensus Ecclesiae’ e amore per le anime”, ha continuato Re. La sua azione pastorale è stata segnata “da una grande umanità, da una connaturata bontà verso tutti e dal desiderio di fare del bene”. Come ha dimostrato anche in qualità di Presidente del Pontificio Consiglio per la pastorale della salute, servendo “con instancabile dedizione e amore il mondo della sofferenza”.
Un uomo “sempre aperto all’incontro, con una “capacità di dialogo, favorito dalla sua cultura, e disponibilità all’ascolto”, la cui vita, nelle sue tre tappe, è stata caratterizzata dalla forte devozione alla Madonna. Si ricorda infatti nell’omelia la sua prima comunione nella Basilica di Nostra Signora di Guadalupe; la sua ordinazione episcopale nella medesima Basilica; e il suo venticinquesimo anniversario di episcopato, celebrato in una delle sue prime Messe da neocardinale nel santuario guadalupano, nel Tepeyac, “tanto caro al suo cuore”. “Questa sua profonda devozione alla Madonna, radicata nel suo animo fin dall’infanzia – ha concluso il decano del Collegio cardinalizio -, ci induce a confidare che il defunto cardinale abbia trovato sulla soglia del Paradiso la Madonna ad attenderlo ed a condurlo per mano a Gesù, introducendolo nella gioia e nella pace senza fine della visione di Dio, nella città celeste dove, come affermava Sant’Agostino, ‘regna la verità, è legge l’amore, è misura l’eternità’” .

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/04/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La Cei e la catastrofe antropologica

La prolusione di Bagnasco passa in rassegna una serie di leggi e ddl che costituiscono una ferita mortale la famiglia. Che via d’uscita indica la Chiesa italiana?

Leggi tutto

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Chiesa

Il “partito” di Pio XII ha un sostenitore eccellente Papa Francesco

Come è stato più volte ribadito in questi anni, anche la prima recezione dell’operato di Pio XII presso la comunità ebraica del tempo appare positiva. Un ebreo convertito al cattolicesimo, come il rabbino capo di Roma Israel Zolli, assume proprio il nome di Eugenio come atto di riconoscenza per quanto Papa Pacelli aveva fatto per la comunità ebraica romana. Atteggiamento diametralmente opposto rispetto alla nota congiunta firmata nel 2009 dai rappresentati dell’ebraismo italiano di allora, Il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni, il presidente dell’Unione delle Comunità ebraiche italiane Renzo Gattegna e il presidente della comunità ebraica romana, Riccardo Pacifici, pubblicata in occasione della firma di Papa Ratzinger al decreto che proclamava la venerabilità di Pio XII. Nota che esprimeva la persistenza di una valutazione critica

Leggi tutto

Società

Australia, l’attore-giocatore che forza la linea sul gay marriage

Si chiama Ian Roberts, ora fa l’attore ma in passato era stato un famoso rugbista australiano. Il suo outing personale risale al 1995, ma ora sta raccogliendo consenso attorno all’agenda LGBT.

Leggi tutto

Chiesa

Un Incontro con Franco Nembrini

La Traccia” è il nome di un particolarissimo istituto scolastico, fondato trent’anni fa dall’educatore bergamasco noto per le sue trasmissioni su Dante e su Pinocchio. Vi si tengono ben undici giorni di festa, con altrettante sere: in una di queste abbiamo incontrato “Franco” per una lunga chiacchierata

Leggi tutto

Politica

Alabama “dolce casa” di tutti noi

Quello della vita è un tema che forse è anche riduttivo considerare tale: la gratuità dell’amore da una parte, l’economicismo dello scarto dall’altra. Un tema che accende gli animi, i “rumori di fondo” dei casi-limite e delle proiezioni egoistiche, spesso pilotati da lobbies potentissime. La nuova legge, assai restrittiva in fatto di aborto, segna in realtà un passo avanti per i diritti di tutti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano