Chiesa

di Nathan Algren

Il saluto al cardinale Barragan

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Il lungo ministero ecclesiale del cardinale Lozano Barragán è stato costantemente sostenuto dalla forza dell’amore per Dio, per la Chiesa, per il Papa e per le anime; ed è stato svolto con spirito di servizio e con uno slancio mai smentiti fin dalla prima giovinezza”. Così il cardinale Re ha ricordato nell’ omelia, pronunciata oggi, sull’altare della Cattedra della Basilica di San Pietro, il cardinale messicano Lozano Barragán, arcivescovo-vescovo emerito di Zacatecas (Messico), morto “serenamente nel corso dell’ottava di Pasqua, nella gioia di aver ricevuto la visita del Santo Padre la sera del Venerdì Santo e di aver potuto così pregare insieme col Papa qualche giorno prima del passaggio alla vita eterna”. Ed è stato papa Francesco al termine, della celebrazione a presiedere il rito dell’Ultima Commendatio e della Valedictio.

l cardinale Re ha ripercorso alcuni punti salienti della vita del porporato defunto, “erede della fede del popolo messicano”, il cui motto episcopale era “Testis resurrectionis”. Motto al quale ha cercato di rimanere fedele per tutta la vita. Egli, infatti, “prima come teologo, poi come pastore e infine come capo di un Dicastero della Curia Romana - è stato un coerente testimone della morte di Cristo e della sua risurrezione per la nostra salvezza”, ha osservato il cardinale Re.

Nei vari incarichi ricoperti nel corso degli anni, in America Latina e nella Curia Romana, Lozano Barragán è sempre stato animato da “una solida fede, competenza dottrinale, fedeltà al magistero, un genuino ‘sensus Ecclesiae’ e amore per le anime”, ha continuato Re. La sua azione pastorale è stata segnata “da una grande umanità, da una connaturata bontà verso tutti e dal desiderio di fare del bene”. Come ha dimostrato anche in qualità di Presidente del Pontificio Consiglio per la pastorale della salute, servendo “con instancabile dedizione e amore il mondo della sofferenza”.
Un uomo “sempre aperto all’incontro, con una “capacità di dialogo, favorito dalla sua cultura, e disponibilità all’ascolto”, la cui vita, nelle sue tre tappe, è stata caratterizzata dalla forte devozione alla Madonna. Si ricorda infatti nell’omelia la sua prima comunione nella Basilica di Nostra Signora di Guadalupe; la sua ordinazione episcopale nella medesima Basilica; e il suo venticinquesimo anniversario di episcopato, celebrato in una delle sue prime Messe da neocardinale nel santuario guadalupano, nel Tepeyac, “tanto caro al suo cuore”. “Questa sua profonda devozione alla Madonna, radicata nel suo animo fin dall’infanzia – ha concluso il decano del Collegio cardinalizio -, ci induce a confidare che il defunto cardinale abbia trovato sulla soglia del Paradiso la Madonna ad attenderlo ed a condurlo per mano a Gesù, introducendolo nella gioia e nella pace senza fine della visione di Dio, nella città celeste dove, come affermava Sant’Agostino, ‘regna la verità, è legge l’amore, è misura l’eternità’” .

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/04/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Politica

Che spreco terribile è questo popolo che si disperde

Oggi più che mai siamo tutti chiamati ad essere i nuovi intellettuali, ad esercitare cioè la libertà di ragione e di coscienza, contribuendo tutti a ricostruire un pensiero pubblico che sappia e odori di umano. Non siamo chiamati a giocare tra chi pensa di essere il depositario esclusivo della Verità: siamo chiamati a metterci sulle spalle la croce della pazienza, della sapienza e della lungimiranza. Abbandonando le aspirazioni personali, le pretese e tutto ciò che fa parte del fardello dell’uomo fragile.

Leggi tutto

Politica

Le vacanze romane di Donald

Incontri con Papa Francesco, Sergio Mattarella e Paolo Gentiloni; e tra questi il Bambino Gesù, il Pantheon e moltissima attività social

Leggi tutto

Chiesa

Obbedienza e virtù

La nostra civiltà complessa è fatta di corpi intermedi che si reggono sul principio di autorità. E ciò esige che le decisioni siano centralizzate, e che la struttura organizzativa abbia una funzione esecutiva. Ma per eseguire non occorre pensare. Per fabbricare bombe al fosforo non occorre pensare. Basta eseguire i compiti assegnati. Sicché, se Eichmann fu colpevole, furono colpevoli allo stesso modo tutti coloro che resero possibili, con la loro obbedienza acritica, quelli e/o altri crimini.

Leggi tutto

Politica

MUSICA DEI “BOSS” E VAGINE FELICI, ADINOLFI (PDF): “A OSTIA LA CULTURA AVALORIALE DEL M5S E DEI LORO

Popolo della Famiglia a difesa delle chiese cristiane ortodosse, cattoliche e riformate spaventate dal silenzio generale dei partiti sui temi fondamentali: “di fronte alle famiglie e ai giovani non si tace, si grida dai tetti”.

Leggi tutto

Chiesa

Vere o fasulle sinodalità

La crescita autentica orienta a cercare di sbloccare tutto ciò che ingabbia la libera maturazione delle persone e a partire da qui la loro libera partecipazione. Non si può dunque trattare, a proposito di sinodalità, di un sistema per imporre a tutti la visuale di qualcuno facendola passare pure, come ulteriore beffa, per condivisa dai più.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano