Chiesa

di Roberto Signori

E’ morto il cardinale Amigo Vallejo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si è spento oggi in Spagna, all’età di 87 anni, il cardinale Carlos Amigo Vallejo. È deceduto all’ospedale universitario di Guadalajara per insufficienza cardiaca. Con la sua scomparsa il Collegio cardinalizio risulta adesso costituito da 209 cardinali, di cui 117 elettori e 92 non elettori. Arcivescovo emerito di Siviglia, ha ricoperto la sede vescovile per 27 anni, dal 22 maggio 1982 al 5 novembre 2009.

Il Cardinale Carlos Amigo Vallejo, O.F.M., Arcivescovo emerito di Sevilla (Spagna), è nato a Medina de Rioseco, Valladolid, il 23 agosto 1934. Ha iniziato gli studi di Medicina, abbandonati quasi subito per entrare nel noviziato dell’Ordine Francescano dei Frati Minori.

Ordinato sacerdote il 17 agosto 1960, ha studiato filosofia a Roma. Inviato a Madrid, contemporaneamente ha iniziato gli studi di Psicologia.

Nel 1970 è stato nominato Superiore della Provincia Francescana di Santiago.

Il 17 dicembre del 1973 è stato nominato Arcivescovo di Tanger (Marocco), ed ha ricevuto l’ordinazione episcopale il 28 aprile dell’anno successivo.

Nel febbraio 1976 a Tripoli (Libia) ha partecipato come membro della delegazione della Santa Sede all’Incontro di dialogo Islamico-Cristiano, patrocinato dal Segretariato Pontificio per i non cristiani e dalla Repubblica Araba di Libia.

Nell’ottobre 1977 ha partecipato al Sinodo dei Vescovi sulla catechesi, come delegato dei Vescovi della Conferenza Episcopale del Nord-Africa. Come Arcivescovo di Tanger si è preoccupato specialmente del dialogo interreligioso e di ecumenismo, partecipando a numerosi incontri. Sotto il suo episcopato sono state avviate relazioni diplomatiche tra la Santa Sede e il Marocco. In varie occasioni è stato mediatore per la soluzione di problemi esistenti tra i Paesi del Magreb e Spagna. Si è interessato della creazione di Centri per la Promozione Sociale della «Donna Musulmana» e per creare migliori relazioni tra le comunità cristiana, musulmana e ebraica.

Il 22 maggio 1982 è stato nominato Arcivescovo di Siviglia.

Nel novembre dello stesso anno ha ricevuto il Santo Padre Giovanni Paolo II in visita a Siviglia in occasione della beatificazione di Suor Ángela de la Cruz.

Nell’ottobre del 1983 ha partecipato al Sinodo dei Vescovi come membro designato dal Papa. Nel 1984 è stato eletto nel Comitato Esecutivo della Conferenza Episcopale Spagnola. È stato Presidente della Commissione Episcopale del V Centenario dell’Evangelizzazione dell’America.

Nel 1990 Giovanni Paolo II lo ha nominato membro della Pontificia Commissione per l’America Latina. Nel giugno 1993 ha ricevuto il Santo Padre a Siviglia, per la seconda volta, in occasione della chiusura del 45° Congresso Eucaristico Internazionale.

Nel 1993, nella Assemblea Straordinaria della Conferenza Episcopale Spagnola, è stato eletto Presidente della Commissione Episcopale dei Vescovi Superiori Maggiori. Come membro della Conferenza Episcopale ha partecipato al Sinodo dei Vescovi del 1994 sulla vita consacrata.

Nel giugno 1995 gli è stato rinnovato l’incarico di membro della Pontificia Commissione per l’America Latina. Nel febbraio 1996 gli è stato rinnovato l’incarico di Presidente della Commissione Episcopale dei Vescovi Superiori Spagnoli. Nel marzo del 1999 nella Assemblea Plenaria Straordinaria, è stato eletto Presidente della Commissione Episcopale per le Missioni e Cooperazione tra le Chiese.

Il 28 febbraio 2000 gli è stato assegnato il titolo di Figlio Prediletto dell’Andalusia.

Il 3 gennaio 2002 è stato nominato Membro del Pontificio Consiglio per gli Operatori Sanitari (per la Pastorale della Salute) e nel mese di febbraio è stato rieletto Presidente della Commissione Episcopale delle Missioni della Conferenza Episcopale Spagnola.

Arcivescovo emerito di Sevilla, 5 novembre 2009.

Ha partecipato al conclave dell’aprile 2005 che ha eletto Papa Benedetto XVI e al conclave del marzo 2013 che ha eletto Papa Francesco.

Da S. Giovanni Paolo II creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 21 ottobre 2003, del Titolo di S. Maria in Monserrato degli Spagnoli.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/04/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco ci invita ad un “Natale vero”

Il dono di sé, “l’abbassamento” fino a farsi povero tra i poveri, il servizio: è questo il significato del Natale nel saluto che il Papa ha rivolto alle delegazioni provenienti dal Perù, dal Trentino e dal Veneto che hanno donato rispettivamente l’albero e il presepe in piazza San Pietro e quello allestito in Aula Paolo VI

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco battezza 16 bimbi

“Questo è il vostro lavoro durante la vostra vita: custodire l’identità cristiana dei vostri figli”, così Papa Francesco nell’omelia alla Messa con il rito del Battesimo celebrata stamattina

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: fratellanza “ancora di salvezza dell’umanità”

Videomessaggio di Francesco per la seconda Giornata mondiale della Fratellanza Umana, celebrata all’Expo di Dubai

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: accompagniamo il popolo ucraino che soffre

All’udienza generale, nel giorno in cui comincia il cammino quaresimale, si eleva la supplica per l’Ucraina: chiediamo intensamente al Signore il dono della pace.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco consacrerà Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria

L’atto avverrà il prossimo 25 Marzo durante la Celebrazione della Penitenza che Papa Francesco presiederà alle 17 nella Basilica di San Pietro.

Leggi tutto

Chiesa

Costa D’Avorio - L’Arcidiocesi di Abidjan con il Papa nell’Atto di consacrazione

I fedeli ivoriani si radunano perchè “il Popolo santo di Dio faccia salire in modo unanime e accorato la supplica alla sua Madre” come scrive il Papa a proposito di quello che “Vuole essere un gesto della Chiesa universale, che in questo momento drammatico porta a Dio, attraverso la Madre sua e nostra, il grido di dolore di quanti soffrono e implorano la fine della violenza, e affida l’avvenire dell’umanità alla Regina della pace”. Il Cardinale ha reso noto che “questo sarà fatto in comunione con il Santo Padre e durante la messa serale” e, nel contempo, ha invitato i fedeli a una forte mobilitazione nella carità e nella solidarietà.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano