Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco riceve i pellegrini di Lodz

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La vostra presenza qui è una testimonianza - commenta Francesco - Testimonianza della vostra fede e del vostro amore per la Chiesa. È una bella manifestazione della vostra statura spirituale e del vostro amore per il Papa, al quale il Signore, nella sua infinita misericordia, ha affidato oggi il ministero di San Pietro”. Queste le pasrole del pontefice ai partecipanti al Pellegrinaggio dell’Arcidiocesi di Łódź, in Polonia.

Per il Papa il pellegrinaggio “è una bella immagine della Chiesa sinodale, che cammina effettivamente sulle vie degli Apostoli insieme, come una famiglia di sorelle e di fratelli, provenienti da diverse parrocchie e da diverse comunità e gruppi ecclesiali: sacerdoti e fedeli laici, persone sposate e consacrate. Ci sono qui, pieni di forza e di entusiasmo, parecchi giovani, tra cui molti universitari; ci sono gli scout; ci sono anche persone senza fissa dimora e con disabilità”.

I pellegrini polacchi sono a Roma per concludere il Giubileo centenario della loro Diocesi. “Durante quest’Anno Giubilare avete fatto memoria degli inizi della vostra Chiesa, soprattutto del vostro primo Vescovo, Mons. Wincenty Tymieniecki. È stato un uomo di grande misericordia e grande sensibilità ecumenica. Attraverso il suo ministero episcopale lo Spirito Santo ha inscritto questi due aspetti essenziali del cristianesimo – misericordia e ecumenismo – nel “DNA” della vostra Chiesa di Łódź, come eredità e compito per le generazioni a venire”, dice il Papa nel corso dell’Udienza.

Oggi la misericordia richiede una grande “fantasia”. Ha molti volti, tanti quante sono le persone ferite e cadute a terra. Ciascuno porta in sé qualche ferita, sebbene non tutte siano visibili. Benedico di cuore le vostre opere di carità, anche quelle compiute in forma personale e spontanea. Il Vescovo Tymieniecki seppe unire in sé il coraggio della misericordia e il coraggio dell’ecumenismo. Scelse la strada dell’ecumenismo molto prima che la Chiesa Cattolica la intraprendesse in maniera ufficiale. Vi esorto a tenere vivo in voi questo coraggio del vostro primo Pastore. A custodire la determinazione ecumenica, ricordando che l’ecumenismo nella Chiesa non è un optional o una cosa decorativa, ma un atteggiamento essenziale”, conclude infine il Pontefice.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/04/2022
0102/2023
San Severo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Società

Parla Hadjadj: «La società del comfort totale è suicidaria»

Il problema sta nel clima spirituale della nostra epoca, intessuto di un superbo efficientismo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco prepara un viaggio a Mosca

il Papa a Mosca? Sarebbe un dono di Dio per i cattolici russi

Leggi tutto

Politica

Ci vorrebbe un’ONU

Analisi sulla pericolosa situazione che si è venuta a creare nello scenario mondiale ed europeo con la crisi ucraina

Leggi tutto

Chiesa

Cantalamessa: chi serve imita Dio

Il cardinale ha tenuto in Aula Paolo VI, alla presenza del Papa, la quinta e ultima predica di Quaresima: la lavanda dei piedi è “il sacramento dell’autorità cristiana”

Leggi tutto

Storie

Il Beato Acutis esposto in modo permanente ad Assisi

Il vescovo della cittadina umbra, monsignor Domenico Sorrentino, ha affermato che il giovane millennial e San Francesco sono vie per incontrare Gesù

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano