Politica

di Giuseppe Udinov

USA e lotta per la vita

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Negli USA nel 2022 sono state finora introdotte oltre 500 misure a favore della vita nella maggior parte degli stati. Si tratta della continuazione di una tendenza che era già iniziata nel 2021, anno in cui è stata introdotta e approvata una quantità impressionante di leggi a favore della vita, tanto che l’industria dell’aborto lo ha descritto come “l’anno peggiore per i diritti relativi all’aborto in quasi mezzo secolo”.

Secondo i dati diffusi dal Guttmacher Institute, nel 2022 sono state introdotte 536 misure legislative pro-vita in 42 stati. L’ex “affiliato speciale” di Planned Parenthood ha anche affermato che finora sono state approvate 28 proposte pro-vita in almeno una camera legislativa in 11 stati, con 33 leggi pro-vita emanate in nove stati.

L’organizzazione abortista afferma che sono stati anche proposti 86 “divieti di aborto” in 31 stati. Tra questi ci sono anche sei progetti di legge pro-vita che vietano gli aborti dopo le 15 settimane di gravidanza e 19 atti legislativi pro-life modellati sull’Heartbeat Act del Texas.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/04/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

L’aborto e le donne infelici

Le donne soffrono perché le nostre viscere più profonde e ancestrali fremono quando uccidono la vita che pulsa dentro di loro, e che chiede di essere accolta

Leggi tutto

Storie

Le donne africane non hanno bisogno di aborto

Una giovane nigeriana crea un’organizzazione prolife per opporsi alla “Bill & Melinda Gates Foundation” nei suoi intenti “filantropici” (ossia di controllo delle nascite – dei poveri del mondo). Lo scopo di Culture of Life Africa è dissuadere i “filantropi” dai loro propositi. La lettera di Obianuju a Melinda Gates è un testo di magistero della vita e di resistenza al pensiero unico.

Leggi tutto

Storie

Ciao Charlie

Ha smesso di soffrire è una cosa che pensiamo spesso, forse ogni volta che veniamo a conoscenza della dipartita di qualcuno come epilogo di una malattia dolorosa, magari lunga. Lo pensiamo come forma di sollievo, a volte lo diciamo anche ai parenti, credendo di consolare in questo modo.

Leggi tutto

Società

VEGETALI TERMINABILI, ADESSO NEL REGNO UNITO I MEDICI SARANNO ANCHE GIUDICI

Lady Black, della Corte Suprema dell’UK, ha decretato che non sarà più necessario rivolgersi alla Corte di Protezione per togliere cibo e acqua ai malati

Leggi tutto

Società

L’onda del “femminismo prolife”

Se la questione dell’identità sessuata sarà una delle direttrici culturali del XXI secolo, è urgente un ripensamento dell’impegno femminista nel tempo che ci aspetta: le proteste e le battaglie del secolo scorso sono state sulla liberazione della femminilità dal dominio patriarcale, mentre adesso è necessario rinsaldare l’alleanza tra uomo e donna a vantaggio dei grandi esclusi – i figli.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano