Società

di Roberto Signori

Malta barriera contro l’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A seguito di una campagna nazionale condotta dal mondo pro life, i due principali partiti politici di Malta, il Partito Laburista e il Partito Nazionalista, si sono entrambi impegnati pubblicamente a garantire una protezione legale continua per i bambini non nati e non approvare alcuna legge che favorisca l’aborto nel paese.

In un’intervista del 2020, il capo del partito laburista e primo ministro, Robert Abela, aveva già affermato che non ci sarebbe mai stato un referendum sull’aborto a Malta e si era dichiarato «contro l’aborto in tutte le circostanze». Allo stesso modo il capo del partito nazionalista, Bernard Grech, ha ribadito più volte di essere «orgoglioso che il [suo] partito sia a favore della vita», e di non aver «mai avuto problemi a nuotare contro corrente».

Grech aveva anche aggiunto: «Per me il bambino dovrebbe essere privilegiato. Perché è una vita, una persona, che nessuno può difendere più dei suoi genitori e se uno dei suoi genitori vuole porre fine alla sua vita, mi sembra giusto avere l’obbligo come persona umana, prima che come politico, di difendere quella vita».

Prima delle elezioni, il gruppo pro-vita ‘Life Network Foundation Malta’ aveva condotto un’importante campagna di sensibilizzazione sul tema, chiedendo ai partiti di rendere chiare all’elettorato le loro posizioni sull’aborto e l’eutanasia, ponendo una serie di domande pubbliche a tutti i partiti e ai loro leader.

La loro campagna, Ivotta Favur il-Hajja.org’ (Vote Pro Life.org), ha pubblicato recentemente le risposte ha pubblicizzato la campagna con dei cartelloni in tutto il paese. Mentre entrambi i maggiori partiti si sono espressi fermamente a favore del diritto alla vita dei bambini non nati, i partiti minori hanno dato risposte contrastanti alle domande.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/04/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Appello a una bella famiglia

Niente foglie di fico per il Sanremo di Conchita Wurst

Leggi tutto

Società

Planned Parenthood, così il cerchio si stringe

Pare che quel David Daleiden sia veramente riuscito a scagliare un sasso fatale per il gigantesco Golia degli aborti: i sondaggi mostrano una popolazione americana inorridita davanti ai video e questo fa sì che sempre più ingenti si facciano le forze politiche interessate a recidere le risorse vitali dell’industria abortista. Giovedì pomeriggio hanno testimoniato in udienza, per più di quattro ore, un medico ex abortista, una ex dipendente di Planned Parenthood, una sostenitrice “pro choice” e una donna con tre aborti alle spalle

Leggi tutto

Società

Aiutare la donna contro l’aborto

Esiste una battaglia interna alla galassia dei gruppi antiabortisti: l’aborto si sconfigge abrogando le leggi che lo permettono oppure no? Certamente ogni legge fa cultura, ma se Ippocrate giurò di non praticare aborti lo si deve al fatto che se ne sono sempre praticati, coi metodi più fantasiosi (e pericolosi). Forse una sana Realpolitik chiede di cominciare a far osservare integralmente la legge.

Leggi tutto

Storie

Claudio Chieffo e la sua musica per la vita

Claudio Chieffo è una di quelle “dimenticanze” a cui ci abituati il secolarismo contemporaneo. Perché se sei cristiano – e scegli di professare la tua fede attraverso l’arte o la letteratura in modo diretto – non ti viene dato quel rilievo che meriteresti. Nemmeno se ti onora della tua amicizia uno come Guccini. Nemmeno se riesci a rendere pensoso uno come Gaber, che diceva: «Nelle canzoni di Claudio c’è un’onestà, una pulizia, un amore naìf che fa pensare. Siamo profondamente diversi, non solo per le sicurezze che lui ha e che io non ho, ma soprattutto perché nelle sue canzoni lui non fa mistero delle sue certezze». Stupirsi di questa “dimenticanza” del mondo laico vorrebbe dire non aver compreso nulla del Cristianesimo. Indignarsi meno ancora. Zittire le voci che inquietano è, da sempre, provare a zittire la Voce, l’unica, che rivela l’uomo a se stesso. Si suppone (ma la speranza è sempre in modalità on per chi professa Cristo) che non ci saranno tributi televisivi di un certa rilevanza nazionale per i 10 anni dalla sua morte, il 19 Agosto prossimo. Come se non avesse mai avuto un pubblico. Ma ci sarà una Messa, celebrata da mons. Luigi Negri. E si può essere certi che a lui, dov’è ora, questo “ricordo” piacerà anche più di un tributo.

Leggi tutto

Storie

Lettera ai professori e ad alcuni genitori

Ricorda qualcosa dell’acerba forza della “Lettera a una professoressa”, dei ragazzi di Barbiana, questo testo ricevuto in Redazione: una giovane intercettata poco e male dalla scuola italiana, nei suoi anni più fragili, si è ritrovata nel lavoro e nel r-accogliere il patrimonio di cultura e di fede trasmessole dai genitori. Oggi ha imparato alcune lezioni e ce le impartisce.

Leggi tutto

Storie

Ritrovarsi dopo aver perso un bambino

Uno dei più grossi problemi che le coppie si trovano a gestire in caso di morte di un figlio è l’afflusso di parole inutili.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano